Bao Publishing - Allacciate le cinture!

bao

Pronti per scoprire una nuova promozione di Bao Publishing per questo 2011?

Per ben farvi capire cosa c'è dietro questo nuovo progetto, la casa editrice ha creato messo in mostra un prezioso elenco che potete trovare cliccando qui. In questa lista sono presenti i nomi di dieci autori di fama mondiale, osannati dalla critica e alcune loro opere finiranno dritte all'interno del catalogo di questa casa editrice che vi chiede espressamente quanto segue: “Mandateci una mail a chiedi@baopublishing.it (con oggetto "Allacciate le cinture") e diteci quali libri credete che pubblicheremo o vorreste che pubblicassimo. Potete fare una lista senza commenti o dirci le vostre teorie, spiegarci perché vorreste certi titoli. Fatto sta che noi ne sceglieremo tre, tra tutte quelle che avremo ricevuto entro il 25 giugno 2011. All'autore di una regaleremo tre libri BAO con dedica degli autori. A quello di un'altra quindici libri BAO del 2011 e all'autore della nostra preferita chiederemo di venire con noi a una fiera internazionale del 2012. Offriamo noi sia il viaggio che il pernottamento”.

Un'offerta difficile da rifiutare e che coinvolge anche le fumetterie: “entro la stessa data, tra tutte quelle che ci avranno inviato una foto di titoli BAO esposti in negozio, sceglieremo una libreria che riceverà un poster gigante con i titoli misteriosi dei dieci autori. La fumetteria prescelta potrà srotolare il poster davanti ai propri clienti in uno speciale BAO Party il 2 luglio 2011, e avrà il diritto di divulgare per prima i titoli dei nuovi volumi. BAO regalerà alla libreria articoli esclusivi e promozionali per rendere unica la festa. Insomma...”. Siete pronti a prendere parte al progetto? Dopo il continua altre informazioni.

Con un comunicato stampa Bao ha charito da cosa nasce la specialità della loro missione: “In una casa editrice, ci sono in gioco molte professionalità che collaborano alla costruzione di un catalogo di successo. Dal traduttore al letterista, dal designer dei volumi all'ufficio stampa, dal commerciale che ne parla ai librai al direttore editoriale che coordina il tutto, ce n'è di che popolare un'orchestra da camera. A volte però il lavoro non si fa in un ufficio, davanti a uno schermo, o di fronte ai clienti o ai giornalisti. Si fa prendendo un aereo e andando a scoprire che vento creativo tira in un'altra parte del mondo, o a pranzo con un autore o un editore, per convincerli della bontà del proprio progetto”.

  • shares
  • Mail