Takashi Murakami, “l'Andy Warhol giapponese”, disegna un logo speciale per Google

Google Summer by Takashi Murakami

Chi è capitato ieri su Google avrà certamente notato l'insolito logo dallo stile spiccatamente giapponese. E' stato il modo in cui il famoso motore di ricerca ha salutato l'arrivo dell'estate: da qualche ora è ufficialmente iniziata la stagione estiva!

Il simpatico disegno è opera dell'illustratore, scultore e animatore giapponese Takashi Murakami, tra i 100 personaggi più influenti del mondo nel 2008 secondo la rivista americana Time. Murakami è anche il pioniere del movimento artistico contemporaneo postmoderno noto come “Superflat”, largamente influenzato dalla cultura popolare otaku che gira attorno agli anime e ai manga. Tra le numerose produzioni di Murakami, l’illustrazione di una linea di borse per Luis Vuitton, la cover di un album e l’animazione di un video musicale per il rapper Kanye West, nonché collaborazioni occasionali ad anime. Lo scorso anno, l'artista ha tenuto un'esposizione alla reggia di Versailles che ha suscitato grande clamore a causa delle proteste di gruppi conservatori che si opponevano alla “dissacrazione” del palazzo reale con l'esposizione delle sue sculture. I circa 4000 contestatori portavano a giustificazione alcune precedenti opere di Murakami, da sempre esploratore della superficialità del consumismo e del feticismo sessuale prevalente nella società giapponese postbellica attraverso i codici della cultura underground e otaku.

Tra queste, le controverse “My Lonesome Cowboy”, che raffigura un ragazzo che lancia la propria eiaculazione come un lazzo, e “Hiropon”, la statua di una ragazza che salta una corda formata dal latte spruzzato dai suoi seni. L'eccentrico artista, spesso definito “l'Andy Warhol giapponese”, lo scorso anno si è presentato alla parata newyorkese del Ringraziamento, tradizionalmente organizzata dalla catena di ipermercati e grandi magazzini americani Macy (tradizione che ha origine negli anni '20, fin dalla prima generazione di immigrati europei impiegati della compagnia), con indosso un costume di una delle sue creazioni e un enorme cartellone di circa 14 metri raffigurante le sue due mascotte Kaikai e Kiki, una sorta di bambino dentro una tuta a forma di coniglio e il suo compagnio con tre occhi dalle zanne aguzze. E proprio loro sono protagonisti anche del logo per Google che, da realtà superglobale qual è, ha pensato anche agli abitanti dell'emisfero meridionale, dove ora bussa l'inverno. Ed ecco un secondo logo apposito firmato da Murakami! Dopo il salto.

Google Winter by Takashi Murakami

  • shares
  • Mail