Kenshin, samurai vagabondo : anche un live action in produzione

Kenshin live action

Il nuovo progetto d'animazione su Rurouni Kenshin (Kenshin, samurai vagabondo, edito da Star Comics), e la pubblicazione in Blu-ray dei vecchi OAV e del film animato (in Italia grazie a Dynit e Shin Vision/ Exa), sono solo una parte delle celebrazioni per i 15 anni della serie anime di Gallop/ Studio Deen ispirata al titolo di Nobuhiro Watsuki.

E' notizia di ieri che il manga sarà adattato anche in un film live action e, probabilmente, in un telefilm. Il live action, che mira a una distribuzione cinematografica internazionale il prossimo anno, è prodotto nientemeno che da Warner Bros Pictures Japan e dallo Studio Swan (Paradise Kiss) con la direzione del regista Keishi Otomo (Ryomaden) e l’attore ventiduenne Takeru Sato (Kamen Rider Den-O, Rookies, Beck, Ryomaden) nei panni del samurai vagabondo. Nessun nuovo dettaglio, invece, per quanto riguarda il misterioso revival animato annunciato ad aprile.

Durante la Restaurazione Meiji (1866 - 1869), il Giappone aprì le porte all’Occidente e tutto il vecchio sistema feudale e sociale si avviò verso un cambiamento epocale. Tra chi si opponeva alla rivoluzione e i Restauratori iniziarono violenti scontri. In quegli anni un feroce assassino militante tra i ferventi della rivoluzione, gli ishin shishin, divenne una leggenda per la sua brutalità e forza: il suo nome era Hitokiri Battousai. Dieci anni dopo la scomparsa del guerriero che aveva tanto contribuito alla caduta dello shogunato Tokugawa, la vita di una ragazza è tratta in salvo da uno strano samurai vagabondo presentatosi come Kenshin. Per sdebitarsi, questa decide di ospitarlo nel suo dojo nonostante egli non voglia svelarle nulla del suo passato…

  • shares
  • Mail