Bottecchia - Tunué vi racconta un pezzo di storia del Tour de France

botecchia

Ed è arrivato il momento tanto atteso dagli appassionati di ciclismo: il Tour de France.

Quasi in contemporanea con l'evento sportivo, la casa editrice Tunué ha deciso di lanciare un fumetto che racconta la storia di Bottecchia, il primo italiano che vinse il Tour de France. Non capita spesso di poter leggere fumetti non demenziali basati sullo sport. Troppe volte questi argomenti sono arrivati in fumetteria grazie alle produzioni giapponesi che si divertono a trascinare i vari protagonisti di turno in gare impossibili. Il ciclismo, quello vero, ha fatto il suo grande esordio tra manga e comics grazie a Marco Rizzo ed al suo Gli ultimi giorni di Marco Pantani (by Rizzoli Lizard). Tunué si è affidata a Giacomo Revelli e Alessandro Ferraris Bottecchia, i quali hanno deciso di far conoscere ad un pubblico tutto nuovo le gesta della prima leggenda.

Ecco la presentazione ufficiale: Eroe del primo dopoguerra, con passione, tenacia e determinazione, Bottecchia fu simbolo di una generazione intera, emigrata alla ricerca di un riscatto umano ed economico. Con il Tour de France alle porte – si partirà il 2 luglio dalla Vandea, dal Passage du Gois – Tunué presenta il graphic novel di Giacomo Revelli e Alessandro Ferraris Bottecchia, la storia sul grande ciclista Ottavio Bottecchia, primo italiano a vincere la prestigiosa maglia gialla nel 1924. Un fumetto in cui personaggi reali tornano in vita, con un po’ di fantasia, e raccontano l’appassionante vicenda di un uomo che ha fatto la Storia del ciclismo, d’Italia e d’Europa. Bottecchia, Botescià per i francesi, sfida la povertà dei suoi mezzi con la forza della volontà e corre verso l’agognata vittoria in scarpe da ballerina, in sella ad una bicicletta senza cambio e senza nessuna assistenza. Una storia ricca di immagini ed emozioni – raccontate da Revelli e disegnate da Ferraris, storico disegnatore della Disney – che scorrono alla velocità del vento, con gli occhi puntati sul cavaliere in bicicletta imbattibile in salita: dall’ascesa verso la gloria al mistero della sua precoce scomparsa.

  • shares
  • Mail