Spoiler capitolo 631 di One Piece

Spoiler capitolo 631 di One Piece

Ed eccoci, come ogni giovedì, a parlare del nuovo capitolo di One Piece! Le cose si fanno molto interessanti e, tra un colpo di scena e una battaglia, Eiichiro Oda continua imperterrito nella narrazione del suo capolavoro che, vale la pena di ricordarlo, quest'anno festeggia i quattordici anni di serializzazione! Ricordiamo a tutti i lettori dell’edizione italiana di One Piece di non proseguire nella lettura mentre, se seguite la serializzazione giapponese del manga, potete tranquillamente usufruire dei nostri spoiler.

Dopo il salto troverete il riassunto breve del capitolo 630 e gli spoiler (con immagini) del capitolo 631.

Cosa è successo nel capitolo precedente:

Eiichiro Oda ci presenta, uno per uno, tutti i membri della ciurma di Hodi Jones spiegandone, grazie ai fatti che di li a poco stanno per compiersi, comportamenti ed abilità...

Il primo che vediamo è Dosun, Uomo-Pesce Squalo Martello che, seppur catturato dagli abitanti dell'isola, quando sente questi parlare di come Fukaboshi e gli altri interverranno per salvarli, si libera delle pesanti catene e fa fuori tutti gli avversari in pochissimo tempo. L'abilità di Dosun è sicuramente la sua grande forza e, come particolarità, questo personaggio ha l'abitudine di finire le sue frasi con un intercalare molto strano. Dopo ci viene presentato Hyouzou o, come viene soprannominato, “L'Assassino Alcolizzato”: l'Uomo-Pesce Polipo dagli Anelli Blu ci viene mostrato in una taverna dove, insieme ai suoi uomini, lo spadaccino si sta ubriacando allegramente. Quando uno di questi cerca di farlo "rinsavire" per andare a vedere l'esecuzione di Nettuno a Gyoncorde Plaza, Hyouzou lo "affetta" con una delle sue spade dicendogli di non dargli fastidio. Dopo facciamo la conoscenza di Zeo, l’Uomo-Pesce Wobbegong che ha la capacità di mimetizzarsi con l'ambiente circostante. Questo pericoloso membro della ciurma di Arlong sta terrorizzando la gente colpendola senza farsi vedere, ma quando questi notano uno "scarafaggio", pensano immediatamente che quello sia Zeo e lo colpiscono con tutta la loro forza! Gli abitanti avevano ragione e Zeo si mostra a loro, dicendogli che per tutti i sudditi di quello che sarà l'ex-regno di Re Nettuno arriverà, finalmente, un periodo di "grandi cambiamenti".

Come ultimo ci viene mostrato Ikaros, Uomo-Pesce Calamaro Gigante che ha una grande paura del fuoco! Infatti, quando uno dei suoi uomini accende una torcia per calmare le bestie che Hodi aveva mandato per "sfoltire" i ranghi dell'esercito di Nettuno, Ikaros si piega su se stesso ed inizia a chiamare a gran voce Daidaros, il suo compianto calamaro gigante che ha "sfidato" il sole diventando, così, un "calamaro arrosto"! E Ikaros, per vendetta, colpisce il suo sottoposto con una violenza tale da farlo diventare un "calamaro essiccato"! Ma i problemi per Ikaros e gli altri sono appena inizati...

Hodi passa sulle teste di Ikaros e della sua ciurma a cavallo delle sue bestie e, in compagnia di Nettuno, il pirata si dirige a Gyoncorde Plaza per espletare quanto ha promesso agli abitanti dell'isola poco prima. Ma, ad un tratto, gli effetti delle troppe pillole "dopanti" presi da Hodi per combattere Zoro si riversano tutti sul pirata che, contorcendosi, urla dal dolore. Tutti capiscono che la situazione è molto grave e, quando le bestie che Hodi aveva ammaestrato guardano con paura il loro "padroncino", Ikaros dice che sta per succedere qualcosa di veramente "spaventoso"...

Spoiler capitolo 631:

Van Der Decken, sconvolto per il dolore causatogli dall'ennesimo rifiuto di Shiraoshi, si è rasato parzialmente i capelli e i membri della sua ciurma, sempre scrupolosi nel sottolineare la "stramberia" del loro capitano, gli fanno notare che il suo "gesto disperato" è stato compiuto solo a metà! Ma a Van Der Decken questo non importa: se anche suo nonno non è riuscito a sposarsi con il suo grande amore (componendo un Haiku "disperato"), è quasi impossibile per lui cercare di convincere Shiraoshi a cambiare idea. E, nonostante egli tenti in tutti i modi di ucciderla, Rufy "Cappello di Paglia" parerà sempre gli oggetti che lui cerca di mandare addosso alla principessa! Van Der Decken sembra davvero disperato, ma a un certo punto il pirata si ferma e, in un momento di lucidità, elabora un'altra strategia "vincente"...

Intanto, a Grovery Hills, scopriamo che l'esercito di Nettuno è stato sconfitto facilmente dalle bestie di Hodi Jones e, oltre ai valorosi soldati, anche i ministri Sadaijin e Udaijin sono rimasti gravemente feriti. Ed il ministro più "grassoccio", in una specie di preghiera, si rivolge alla scomparsa regina Otohime chiedendo che questa faccia avvenire un "miracolo" che possa salvare l'isola dalla doppia catastrofe che sta avvenendo: la morte di Re Nettuno e la speranza, quasi svanita, di poter far pace con gli umani! E, visto che in tutti questi anni i principi sono riusciti a raccogliere tutte le firme necessarie per il Reviere, il ministro chiede a "un dio qualsiasi" di proteggere i figli di Nettuno e il re stesso da tutto questo "dolore" cercando, se possibile, di far tornare la pace sull'isola...

Intanto, all'esterno di Gyoncorde Plaza, gli uomini di Hodi hanno eretto una barriera che non permette agli abitanti di entrare nella piazza (che, tra le altre cose, è "sovrastata" dal Kraken che Rufy ha ammaestrato prima di entrare nell'isola). All'esterno, però, si sentono le urla dei soldati di Nettuno che, sconfitti dalle bestie di Hodi, stanno per diventare il "pasto principale" delle immonde creature. Un solo soldato è riuscito a rimanere in piedi e, con un gesto disperato, questo cerca di accendere gli ultimi candelotti di dinamite rimastogli per potersi poi "lanciare" contro uno dei "generali" di Hodi. Quest'ultimo, visibilmente modificato dagli effetti delle droghe assunte (oltre a sembrare più grosso, la sua chioma è diventata più lunga e bianca), osserva silenzioso il soldato mentre il resto della sua ciurma, guardando le ultime mosse del coraggioso militare, si fa beffe di quest'ultimo. Accesa la dinamite, il soldato prova a immolarsi come un kamikaze ma Hodi, sparando uno dei suoi "Proiettili d'acqua", colpisce il militare al petto poco prima che questo possa compiere il suo coraggioso gesto suicida. Il proiettile è così potente da distruggere anche una delle case che si trovano sulla sua traiettoria e, con sommo stupore di tutti, questo ferma la sua corsa solo a 150 Km dal "punto di partenza"! I suoi generali, che fino a qualche minuto prima pensavano che Hodi stesse per morire a causa della troppa droga assunta, guardano il loro nuovo re con fiera ammirazione chiedendogli, tra le altre cose, come si sente dopo questa "trasformazione". E Hodi, incredulo egli stesso della potenza guadagnata dopo tanto dolore, dice ai suoi sottoposti di sentirsi "una meraviglia"...

Ma ora, per Hodi, iniziano i veri problemi: Fukaboshi, Ryuuboshi e Manboshi sono arrivati a Gyoncorde Plaza e, con fiera determinazione, i principi sono pronti a combattere per liberare Re Nettuno e sconfiggere una volta per tutte i pirati! Re Nettuno, vedendoli, li avverte del pericolo che stanno correndo (sia le bestie che gli uomini di Hodi sono tutti "drogati") ma questi, per nulla spaventati, dicono al padre di aspettare solo un po' perché, tra qualche minuto, tutto sarà finito! Fukaboshi, infuriato, dice a Hodi che è veramente "testardo": perché il pirata non vuole capire che la gente del regno di Ryuuguu vuole far pace con gli umani? Se quasi tutti hanno firmato il trattato di partecipazione al Reviere, perché lui deve porre fine al "dolce sogno" dei suoi simili?

Le bestie di Hodi provano ad attaccare i principi ma questi, con una mossa per ciascuno, mettono al tappeto tutte le creature che il pirata è riuscito a sottomettere ai suoi comandi! I tre ricordano a Hodi che il loro obbiettivo è sconfiggerlo perché possa tornare la pace sull'isola degli uomini-pesce e, vedendo come i principi sono riusciti a sbarazzarsi facilmente delle bestie, gli abitanti riunitisi all'esterno della piazza invocano a gran nome il "trio più forte" dell'esercito di Nettuno! Hodi, seccato, dice ai principi che il futuro dell'isola apparterrà a chi vincerà questa battaglia e, per nulla intimoriti, i suoi generali sono pronti a dar battaglia a Fukaboshi e ai suoi fratelli...

Intanto, a cavallo di Megalo, Jinbei e Shiraoshi cercano di raggiungere Gyoncorde Plaza il più velocemente possibile. Ma cosa sarà successo a Rufy? Perché "Cappello di Paglia" non è con loro?

Spoiler capitolo 631 di One Piece
Spoiler capitolo 631 di One Piece
Spoiler capitolo 631 di One Piece
Spoiler capitolo 631 di One Piece
Spoiler capitolo 631 di One Piece
Spoiler capitolo 631 di One Piece
Spoiler capitolo 631 di One Piece
Spoiler capitolo 631 di One Piece
Spoiler capitolo 631 di One Piece
Spoiler capitolo 631 di One Piece

via | Mangahelpers

  • shares
  • Mail