Mordillo - omaggio all'autore argentino campione d'umorismo

Il 4 agosto è nato Guillermo Mordillo, noto da tutti semplicemente come Mordillo.

Con un pizzico di ritardo festeggiamo questo grande artista argentino, nato nel lontano 1932, ottimo ed originale autore di fumetti e di cartoon. Probabilmente è tra i cartoonist che hanno avuto maggiore visibilità in tutto il mondo, soprattutto durante gli anni settanta, quando il suo talento iniziò a regalare montagne di sorrisi. Per questo i suoi disegni hanno invaso diari, poster, puzzle, quaderni diventando un marchio forte e riconoscibile, richiestissimo soprattutto tra gli adolescenti. Alla base del suo successo ci sono non solo colori vivaci e forme strane, ma un senso dell'umorismo delicato ed intelligente. I suoi personaggi sono simpatici e grotteschi, caratterizzati da forme buffe e non lineari e dal loro potersi esprimere solo attraverso la gestualità e senza l'uso della parola. Mordillo capì di esser legato all'arte sin da giovanissimo. Durante l'adolescenza realizzò un foglio scolastico collaborando con Enrique Lipszyc (futuro sceneggiatore di fumetti e fondatore della Escuela panamericana de arte). Già a diciotto anni sfornava con la giusta continuità illustrazioni per libri per l'infanzia e tanto altro. La Paramount lo ingaggio nel 1960 per lanciarlo come disegnatore di cortometraggi di personaggi noti come Braccio di Ferro. Il vero Mordillo, dopotutto, nasce successivamente, una volta trasferito in Francia, sul quotidiano Paris Match e sulla rivista Lui. Oggi è impossibile elencare i premi ed i riconoscimenti che gli sono stati assegnati: una lista lunga e variegata che simboleggia l'amore della critica e del pubblico.

  • shares
  • Mail