ProGlo - il secondo volume di Longshot Comics, un fumetto geniale

longshot comics 2

Sta per tornare un fumetto geniale ed originale come pochi.

Chi di voi ricorda quel volume dalla forma insolita, rilasciato tempo fa dalla casa editrice ProGlo ed intitolato Longshot Comics – La lunga e inutile esistenza di Roland Gethers? Era un'opera del canadese Shane Simmons, basata sul racconto degli ottantanove anni di vita di Roland Gethers, un uomo vissuto a cavallo tra la fine del colonialismo e le due Guerre Mondiali. La genialità di Simmons fu quella di proporre un fumetto elaborato tutto a puntini. Ci consegnò 3.840 minuscole vignette in cui i personaggi sono rappresentati come dei semplici punti, racchiusi in be 56 pagine dai dialoghi esaltati e vividi come pochi. Shane Simmons, inoltre, non ha mai voluto ascoltare chi considera i suoi disegni semplici punti, perché per lui sono illustrazioni dettagliatissime, rimpicciolite fino all'inverosimile. Insomma, non abbiamo di fronte un autore comune. Tornando al presente, Longshot Comics sta per tornare! ProGlo ha appena annunciato Longshot Comics 2 - La promessa mancata di Bradley Gethers (Collana Sequenze 15, Formato cm 17x17, Pagine 56, b&n, Prezzo 6,50 euro - ISBN 978-88-97663-00-3, Uscita Ottobre 2011). Sarà dura resistere alla tentazione di leggere ancora una volta un fumetto in grado di stimolare la fantasia del lettore come se fosse un libro, pur restando un fumetto a tutti gli effetti. Il The Comics Journal ha definito l'opera con una frase che non stupisce affatto: “Longshot Comics rappresenta una sonante vittoria per la scuola del fumetto minimalista e una vittoria ancora più grande per il fumetto in generale, grazie a uno storytelling arguto e a un formato innovativo.

Non vi fidate? Recuperate intanto il primo volume e poi tornate qui a leggere la scheda: “Non contento di avere spinto il fumetto fino a dove nessuno pensava potesse arrivare, dopo avere raccontato nel primo volume di Longshot Comics la storia di Ronald Gethers, uomo qualunque dell’era vittoriana, Shane Simmons torna a narrarci le appassionanti vicissitudini della famiglia Gethers. Bradley, nipote di Ronald, attraversa il periodo che va dalla Guerra Civile Spagnola alla presidenza Reagan, passando per la Seconda Guerra Mondiale, gli anni ’60 e la Guerra del Vietnam, permettendo una volta di più a Simmons di scatenarsi in vertiginose pagine ricolme di vignette (3840, come nel primo volume). Niente e nessuno viene risparmiato dalla sferzante ironia dell’autore canadese: il sistema scolastico anglosassone, il cricket, il teatro e le sue avanguardie, lo showbiz hollywoodiano, persino un presidente degli Stati Uniti! Il tutto proposto con un ritmo e un’abilità tali da farci dimenticare che tutti i personaggi sono raffigurati come semplici puntini, o più precisamente, come afferma Simmons, sono in realtà ripresi in campo molto, molto lungo (in inglese si direbbe longshot, appunto). Chi è rimasto conquistato dal primo volume di Longshot Comics non potrà fare a meno di essere conquistato anche da questo seguito; e come potrebbe essere diversamente, dato che contiene “più vita, più morte, più avventura, più amore e più intrighi” del suo predecessore? Shane Simmons ha fatto tutto ciò che uno sceneggiatore possa fare: ha scritto per la televisione, per il cinema, per la radio, per le riviste, per il fumetto, per i biscotti della fortuna e per i manuali d’istruzioni dei videoregistratori made in Taiwan. Non c’è un campo dello scibile scrittorio che non abbia esplorato. Per fortuna, scrivere è quel genere di lavoro che mantiene poveri, a meno che non si scriva veramente tanto. Per questo sentiremo parlare di Shane Simmons per molto tempo ancora.

  • shares
  • Mail