Addio a John Severin

Scritto da: -


Il grande fumettista John Severin è morto nella sua casa di Denver, in Colorado, all’età di 90 anni. In oltre sessant’anni di carriera si è cimentato con una grande varietà di generi e formati: fumetto comico, di guerra, supereroistico. Fu uno degli autori di punta della EC, per la quale realizzò Frontline Combat e Two-fisted Tales e, al fianco di Harvey Kurtzman, uno dei “fantastici cinque”fondatori la storica rivista underground Mad, dove lavorò dal 1952 e al 1954. Poi entrò anche nel team di Cracked, un’altra rivista umoristica nata sull’onda di Mad.

Per la Marvel disegnò un gran numero di serie: Incredible Hulk, The Nam, Kull the Conqueror, Captain Savage, Conan the Barbarian, The Sub-Mariner. Severin ha lavorato alacremente fino agli ultimi giorni: è del 2011 il suo Witchfinder: Lost and Gone per la Dark Horse. Il grande Stan Lee è sempre stato un suo fervente ammiratore e una volta affermò che lo avrebbe voluto come disegnatore alla Marvel ventiquattro ore su ventiquattro per tutti i giorni della settimana. Queste le parole con cui Stan ‘The Man’ ha salutato il suo collega Severin:

Aveva uno stile artistico unico e distintamente personale. Nel momento stesso in cui osservavi un suo disegno sapevi di trovarti davanti a un’opera di John Severin, non avrebbe potuto essere di nessun altro. Oltre al suo stile inimitabile, c’era una sensazione di autenticità totale in tutto ciò che ha disegnato, sia che fosse un western, una storia di crimine, una saga di supereroe o una serie fantascientifica. Non solo le sue matite finissime, ma anche la sua inchiostratura aveva un distintivo ‘tocco Severin’ che rendeva superiore qualsiasi striscia si trovava a editare.

Vota l'articolo:
3.75 su 5.00 basato su 8 voti.