Adiós Muchachos di Paolo Bacilieri

In attesa di vedere finalmente l'elaborato omaggio a Salgari di Paolo Bacilieri, esce per i tipi Rizzoli Lizard un altro graphic novel dell'autore pensato per il mercato francese, e precisamente per una collana dai temi 'adulti' dell'editore Casterman. Si tratta di Adiós Muchachos (126 pp. 17,00 euro, disponibile anche in formato e-book), un "noir tropicale" tratto da un romanzo di Daniel Chavarría e adattato da Matz, autore de Il Killer, edito anch'esso da Rizzoli.

Protagonista del racconto è Alicia, una procace ragazza, studentessa di disegno dell'Avana e "jintera", ossia una delle tante giovani cubane che si concedono agli occidentali in cambio di soldi, nella speranza di essere sposate o mantenute. Alicia si aggira, molto discinta, per le strade della capitale, in sella a una bici con i freni "casualmente" malfunzionanti. Così le capita sempre di cadere nei pressi di qualche quartiere turistico, dove gli uomini la aiutano a rialzarsi e dove finisce per ricevere immancabilmente qualche invito a cena. Durante una di queste sue interessate peregrinazioni, la ragazza seduce un facoltoso canadese in visita a Cuba per conto di una compagnia olandese. Quando è ormai convinta di aver ricevuto l'atteso colpo di fortuna, finisce nei guai, travolta da un minaccioso intrigo di soldi e sesso.

Bacilieri si misura qui in una delle sue rare opere a colori e il plot, da classico thriller, non manca di tingersi delle atmosfere a lui più congeniali, quelle del grottesco e del bizzarro. L'autore restituisce anche un'accurata ricostruzione di ambienti, senza rinunciare alle sue tipiche invenzioni linguistiche, nella scansione delle inquadrature e nella composizione della pagina, che ricordano molto da vicino lo stile di Guido Crepax.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO