A Panda piace fare i fumetti degli altri (e viceversa), Giacomo Bevilacqua torna in libreria con la Panini!

Cosa succede quando il Panda disegnato da Giacomo Bevilacqua incontra persone come Leo Ortolani, Gipi, Roberto Recchioni e Sio? Succede che il personaggio inizia a fare i fumetti degli altri!

Annunciato dalla Panini Comics come uno dei maxi-eventi di questo autunno/inverno 2014, A Panda piace fare i fumetti degli altri (e viceversa) è un progetto editoriale che vede la partecipazione di personalità di spicco del fumetto italiano quali Leo Ortolani, Gipi, Donald Soffritti, Roberto Recchioni, Sio, Federico Rossi Edrighi, Ale Giorgini, Zerocalcare, Pagani e Caluri e Nicola Righi (quest'ultimo in veste di colorista) che, insieme al simpatico Giacomo Bevilacqua, hanno confezionato qui un volume che sembra essere un "What If?!" in salsa...panda! Gli ingredienti ci sono tutti: Panda incontrerà Rat-Man, sostituirà l'armadillo come coscienza di Zerocalcare, farà conoscenza con il misterioso Peter Parkour e si farà pure un bel viaggetto a Topolinia! Panda sarà ovviamente il protagonista assoluto di tutte le vicende che andremo a leggere in A Panda piace fare i fumetti degli altri (e viceversa), ma è la partecipazione di tutti i personaggi e gli autori coinvolti che rende questo volume un piccolo cult all'interno del panorama fumettistico italiano. Perché dico questo? Beh, perché A Panda piace fare i fumetti degli altri (e viceversa) è uno dei pochi volumi contemporanei che raccoglie così tante anime del fumetto...tutte insieme!

Giacomo Bevilacqua "on the rocks"!

A-Panda-Piace-Fare-I-Fumetti-Degli-Altri-Panini-Comics-Giacomo-Bevilacqua-Zerocalcare-Leo-Ortolani-Roberto-Recchioni-Gipi-Cover

Diventato uno degli autori umoristici di punta della Panini Comics, Giacomo Bevilacqua ha qui l'opportunità di mostrarci cosa è in grado di fare se messo a confronto con dei veri mostri sacri del fumetto italiano, sia umoristici (Leo Ortolani su tutti) e sia più autoriali (Gipi in primis). Scontata ma assolutamente gradita anche la partecipazione di Roberto Recchioni e Zerocalcare, con cui il buon Giacomo ha spesso condiviso momenti (e storie) divertenti sulle loro improbabili uscite a tre. Bella l'idea di inserire anche Sio, autore sicuramente poco conosciuto da chi non bazzica troppo spesso sul web e che qui, grazie a Giacomo, ha ottenuto una vetrina decisamente molto, molto importante. Su Pagani e Caluri penso che ci sia davvero poco da dire, mentre tutti gli amanti di Topolino e delle grandi storie Disney avranno qui fatto i salti di gioia nel vedere il coinvolgimento del grande Donald Soffritti, autore/disegnatore/vignettista italiano che ha esordito sulle pagine di Sturmtruppen del maestro Bonvi. Ma sarà bello vedere come Panda sarà tratteggiato da Federico Rossi Edrighi e Ale Giorgini, due disegnatori italiani che hanno sempre saputo destreggiarsi tra le produzioni più svariate e che, secondo me, daranno il giusto apporto ad una storia di cui sia Giacomo che la Panini stanno mantenendo l'assoluto riserbo! Ah, non dimentichiamoci di Nicola Righi, colorista che ha collaborato con la scrittrice Licia Troisi e con Roberto Recchioni per la stesura della miniserie a fumetti de Le Cronache del Mondo Emerso.

Dicevo prima che qui, grazie all'apporto di tutti questi protagonisti del fumetto italiano, Giacomo Bevilacqua può mostrarci un lato decisamente diverso di Panda che, pur essendo una creatura dell'autore a tutti gli effetti, sarà qui rimaneggiato da Ortolani e compagnia bella su un canovaccio che, e ne sono sicuro, tutti gli autori ed artisti coinvolto hanno studiato sin nei minimi dettagli. Ma può darsi che, spinti semplicemente dalla voglia di fare qualcosa di divertente, i nostri abbiamo preso in prestito la creatura di Giacomo per rimodellarla a loro piacimento, dando così vita a una storia (o a più storie) che l'autore romano ha tracciato per loro. Il mistero che ruota intorno ad un prodotto atipico qual è A Panda piace fare i fumetti degli altri (e viceversa) mi lascia davvero spiazzato, e non saprei davvero come fare a descrivere un libro del genere senza averlo tra le mani!

Spero che questo team-up di autori ed artisti italiani possa darci qui qualcosa di davvero divertente perché A Panda piace fare i fumetti degli altri (e viceversa) sembra un fumetto davvero troppo bello e simpatico per essere vero! E giusti per farci due risate in anteprima, vi posto qui l'esilarante selfie-intervista che Sio e Giacomo Bevilacqua hanno realizzato durante l'Etna Comics 2014.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • +1
  • Mail