Spider-man: Homecoming, Stan Lee apprezza la scelta di Zendaya nei panni di Mary Jane

La sterile ed assurda polemica riguardo al colore della pelle della prossima Mary Jane Watson cinematografica non accenna a placarsi, ma c'è qualcuno che forse metterà finalmente la parola fine a questa farsa: Stan Lee!

spider-man-homecoming-logo-marvel-studios-sony-pictures-2016.jpg

Anche se il sottoscritto è molto rigido quando si tratta di parlare degli adattamenti cinematografici dei personaggi di cui vi diamo spesso notizia, l'idea di avere un attore dal colore della pelle diverso rispetto alla controparte cartacea non è mai stata messa in discussione. Perché, se l'attore è bravo, a guadagnarci è soprattutto lo spettatore. E come me la pensa Stan "The Man" Lee che, intervistato in merito alla scelta di affidare a Zendaya il ruolo di Mary Jane Watson in Spider-man: Homecoming, ha dichiarato che anche per lui non c'è nessun problema!

Ricordando la buonissima interpretazione di Michael Clarke in Daredevil (dove lo scomparso attore americano fu il Kingpin del film), Lee cerca di far capire ai lettori e ai severissimi "critici della domenica" che non conta il colore della pelle di un attore per far grande un personaggio, ma le sue capacità come professionista. Una cosa che qualche piccolo razzista internettiano sembra aver dimenticato.

Anch'io sposo la causa di Lee, e rilancio dicendo che vorrei un Marvel Cinematic Universe più multietnico e femminile!

via | Comic Book Resources

  • shares
  • +1
  • Mail