Dylan Dog, i diritti media e consumer products tornano alla Bonelli: cosa succederà adesso?

È notizia del fine settimana scorso che i diritti media e consumer products di Dylan Dog sono tornati finalmente in mano alla Sergio Bonelli Editore, che li aveva ceduti alla Platinum Studios Inc. di Scott Mitchell Rosenberg. E ora, cosa succederà al buon Dylan?

dylan-dog-363-cose-perdute-copertina-gigi-cavenago-2016-sergio-bonelli-editore.jpg

Con una mossa che dire fantastica è poco, la Sergio Bonelli Editore è riuscita a ritornare in possesso dei diritti media e consumer products di Dylan Dog che, tempo addietro, la casa editrice italiana aveva ceduto alla Platinum Studios Inc. di Scott Mitchell Rosenberg. Una notizia che il mondo del fumetto italiano ha giustamente salutato con gioia, rimembrando ancor con orrore il pessimo adattamento cinematografico sul personaggio operato proprio dalla Platinum Studios nel 2011. Ma tutti gli sforzi operati dalla Sergio Bonelli Editore per ritornare in possesso dei diritti media e consumer products di Dylan Dog in cosa si tradurranno? Cerchiamo di ragionarci su, perché di ipotesi possiamo farne davvero tante e tutte, secondo me, sono da tenere in considerazione!

Partiamo da quella che potrebbe essere le due opzioni più semplici: un nuovo film dedicato all'Indagatore dell'Incubo o una serie TV. Lo stesso Roberto Recchioni ci ha scherzato su in questi giorni, proponendo delle rose molto divertenti di attori che potrebbero interpretare i personaggi principali. Il giochino è stato molto bello da seguire, anche perché la comunità di persone che il buon "RRobe" è riuscito a costruirsi nel corso degli anni è fatta di follower sagaci ed intelligenti. Ed effettivamente, dopo tutto il simpatico polverone scatenato sui social dal RRobe, le ipotesi più plausibili rimangono queste. E sono sicuro che la Sergio Bonelli Editore non avrà alcun problema a trovare dei media partner che lavorerebbero su Dylan Dog anche per produzioni lunghe e importanti come potrebbero essere quelle di un film o di una serie TV. Staremo a vedere.

Ben diversa e decisamente più intrigante potrebbe essere l'opzione che vede lo sviluppo di cartoon o videogames dedicati a Dylan Dog. Anche se sono assolutamente sicuro che un cartoon su Dylan Dog potrebbe essere valido qualora si sviluppasse un motion comics stile Orfani, credo che la produzione di una serie animata sarà scartata per far spazio ad una serial con attori in carne ossa. Ben diverso sarebbe un videogioco con protagonista Dylan perché, nell'era del web e delle grandi produzioni videoludiche, basta trovare un team di programmatori in gamba per sviluppare un prodotto che potrebbe davvero fare "il botto".

Nell'attesa di sapere cosa farà la Sergio Bonelli Editore dei riacquistati diritti di media e consumer products, lascio a voi lo spazio per commentare la notizia.

via | Sergio Bonelli Editore

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO