Morto George A. Romero, padre degli zombie movie...e fumettista!

La notizia è freschissima e, purtroppo, per niente bella: nella notte tra ieri ed oggi, il regista George A. Romero ci ha lasciati. Quel Romero che, come ogni bravo esperto di fumetti sa, ha anche scritto un paio di opere di cui andremo a parlare oggi.

empire-of-the-dead-marvel-george-romero-cover-1.jpg

George A. Romero è morto. Dopo una brevissima ed intensa lotta contro un cancro ai polmoni, il regista e sceneggiatore americano che ha praticamente dato vita al genere degli horror movies con protagonisti gli zombie ci ha lasciati. Ma anche se la persona non c'è più, è quello che ha lasciato prima di morire che vale. E Romero, per fortuna, ci ha lasciato davvero tanto. E non sto parlando solo della sua produzione cinematografica, che consta di quasi una ventina di film. Sto parlando anche (e soprattutto) della sua produzione fumettistica. Perché si, essendo stato anche sceneggiatore, per Romero non dev'essere stato complicato scrivere fumetti. Andiamo quindi a fare un piccolo excursus tra i lavori pubblicati da Romero nel corso degli anni. Fumetti, questi, che potrebbero anche stupirvi.

Sulla pagina di Comic Vine relativa alle produzioni di Romero, le più vecchie collaborazioni del regista americano risalgono agli anni settanta e sono conservate su un numero di Heavy Metal e uno di The House of Hammer, storiche riviste antologiche americane dove venivano raccolti anche racconti e riduzioni di opere di letteratura e film. E non potendo capire esattamente cosa Romero ha pubblicato su Heavy Metal e su The House of Hammer, mi limito soltanto a citare le sue apparizioni e basta. Anche perché Romero, i veri fumetti, li ha pubblicati solo qualche tempo dopo e per una casa editrice molto importante come la DC Comics che, assicuratasi nel 2004 la collaborazione diretta del regista americano, gli diede la possibilità di pubblicare quello che è il suo primo, vero fumetto: Toe Tags. L'anno dopo, Romero concesse alla IDW Publishing i diritti per la pubblicazione dei fumetti relativi al film Land of the Dead, che ai tempi era l'ultima opera (in ordine cronologico) del maestro.

Successivamente, nel 2006, Romero collaborò con la Avatar Press per l'adattamento fumettistico di Night of the Living Dead: The Beginning, dove l'autore John Russo si occupò di ampliare l'universo de La notte dei Morti Viventi in un contesto totalmente nuovo. Passano ben sei anni da questo volume e Romero, per la Dark Horse Comics, va a lavorare su uno dei tre albi della miniserie The Incredible Adventures of Dog Mendonca and Pizzaboy. Il secondo, ad essere precisi. Ed è un albo molto, molto "intenso", credetemi! Ed è forse dopo questa collaborazione con la Dark Horse che Romero si è ri-appassionato ai fumetti a tal punto da volerne creare, di nuovo, uno tutto suo. Ed indovinate un po' chi ha bussato alla porta del regista americano per un progetto del genere? La Marvel, che domande!

Affiancato a Romero un'artista di peso quale Alex Maleev, la Marvel pubblica nel 2014 George Romero's Empire of the Dead, storia horrorifica con zombie e vampiri suddivisa in tre atti che il regista americano ha concluso nel settembre del 2015. Un bellissimo esperimento, quello di George Romero's Empire of the Dead, dove sono confluiti anche parecchi nomi semi-sconosciuti del fumetto americano, che qui hanno finalmente avuto modo di farsi conoscere ed apprezzare dal grande pubblico.

Non ho voluto ricordare il grandissimo impatto culturale che hanno avuto i film di Romero per tutta una serie di autori e registi osannati oggi da pubblico e critica solo perché è giusto non polemizzare quando il corpo del buon George è ancora caldo. Ed anche se alcuni potranno dire che Romero ha solo "rimaneggiato" quelli che erano già classici della filmografia horror degli anni sessanta, è stato comunque suo il merito del successo di questo filone cinematografico. Un filone che, senza l'apporto essenziale di Romero, sarebbe rimasto sconosciuto ai più.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO