All Star Batman and Robin di Frank Miller trabocca di parolacce, cosa ne pensa l'autore?

All Star Batman And Robin

Nei giorni scorsi si è parlato parecchio delle parolacce leggibili sull'ultimo numero di All Star Batman And Robin uscito in questi giorni negli USA. I primi a darne notizia con tanto di immagini sono stati quelli di Funnybook Babylon il 9 settembre (qui) mentre i primi scan sono stati pubblicati da Rich Johnston sul solito Lying in the Gutters il 10 (qui).

Come potete vedere le pecette nere che nascondono le oscenità non sono abbastanza nere da nasconderle del tutto, portando così agli innocenti occhi dei bambini parole che non dovrebbero conoscere. Questa vicenda ha alzato in rete due questioni distinte.

Da una parte ci si chiede se davvero albi come All Star Batman and Robin siano indirizzati a un pubblico di bambini, rendendo necessaria questa censura. Dall'altra in molti mettono in dubbio la necessità da parte di Miller di usare un determinato linguaggio, se questo aggiunga davvero qualcosa al racconto e ai suoi personaggi. Miller, raggiunto al telefono da Hero Complex, si è detto stupito del problema definendolo "una di quelle brutte e gloriose cose che capitano a volte nel mondo editoriale".

Frank sottolinea come l'albo non sia inteso come una lettura per bambini e di aver scritto effettivamente le parole nella sceneggiatura per permettere la creazione di pecette della giusta lunghezza. Voi cosa pensate dell'intera vicenda?

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO