Secondo Voi - Bodycount di S. Bisley e K.Eastman


I nomi di Simon Bisley e Kevin Eastman non vi dicono niente? Allora o non avete vissuto gli anni '90 o forse avete bisogno di ripetizioni di Storia del Fumetto! Il primo è stato uno degli sceneggiatori più esplosivi del mondo fumettistico a cavallo tra anni '80 e '90, nonchè l'inventore delle Tartarughe Ninja ( che nei fumetti sono cattivissime per cui dimenticatevi l'immagine idilliaca da cartone animato infantile), mentre Simon Bisley ha donato le sue matite a Lobo, Slaine, Judge Dredd, Batman, lasciando un segno indelebile nella nona arte.

Sinossi: La malavitosa Midnight sta fuggendo da Johnny Woo Woo, criminale bionico dal grilletto facile, quando si imbatte in Casey Jones e Raffaello ( la tartaruga ninja), l'incontro con i due perditempo amplificherà le sparatorie e gli inseguimenti in un susseguirsi di esplosioni, colpi di scena e scontri alle armi bianche che fanno perdere al lettore anche il concetto della parola trama!

Il progetto nasce nel lontano 1994 e viene pubblicato a puntate in america, mentre da noi arriva in volume unico nel 2009 ad opera di edizioni BD al prezzo vanataggioso di 12 euro; la trama poi non necessita la conoscenza di nessun universo supereroistico particolare, anzi non presuppone alcuna conoscenza particolare, solo la voglia di lasciarsi divertire per quelche ora.4stelle_10.jpg


Bodycount
Bodycount
Bodycount
Bisley ha uno stile estremamente caricaturale e ipertrofico, in questo numero vi aggiunge i toni grotteschi e surreali dei migliori volumi della saga di Lobo, come nei suoi volumi a briglia sciolta inserisce, ogni due o tre tavole, personaggi assurdi come scimmie fumatrici, cani mutanti, anziani con le sembianze di yoda e quanto possa stordire e lasciare basito il lettore.

Le scene d'azione sono poi cartoonesche, giocose e coloratissime, come nella migliore tradizione anni '90, con anche un truce corredo di violenza gratuita fatta di teste mozzate, sventramenti e esplosioni deflagranti...sicuramente uno stile grafico non per tutti i gusti.

Eastman dal canto suo imbastisce una storia semplicissima ma ricca di battute divertenti e di espedienti comici, che coniugati con le bizzarrie bisleiane, generano una strana miscela esilerante che straperà più di una risata fragorosa a più di un lettore; memorabile la perdita di controllo di Raffaello di fronte alle armi da fuoco, e la scena del bar.

Non è certamente un volume che può essere consigliato universalmente, bisogna essere nella disposizione d'animo per apprezzare lo stile di disegno e il tipo di comicità, il volume è comunque una perla rara: piacevolissimo da leggere, un capolavoro del genere. Se, a detta di Eastman, lo scopo di Bodycount era quello di creare la sparatoria più lunga della storia del fumetto, si può dire senza problemi che le due menti dietro a questo albo ci sono riuscite a pieno.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: