Spoiler capitolo 491 di Naruto

Spoiler capitolo 491 di Naruto

Continua, senza sosta alcuna all'orizzonte, la serializzazione di Naruto! Il manga, che ormai è divenuto una delle "perle" in mano alla Shueisha, continua a riscuotere sempre più consensi favorevoli e, seppur ancora molto lontano da One Piece di Eiichiro Oda, il bravo Masashi Kishimoto sta lentamente "guadagnando terreno" proponendoci, capitolo dopo capitolo, storie sempre più avvincenti! Ricordiamo a tutti i lettori dell’edizione italiana di Naruto di non proseguire nella lettura mentre, se seguite la serializzazione giapponese del manga, potete tranquillamente usufruire delle nostre anticipazioni.

Dopo il salto troverete il riassunto del capitolo 490 e le indiscrezioni (confermate e con immagini) del capitolo 491.

Riassunto capitolo 490:

Madara non capisce: perché Kabuto, che in precedenza ha già avuto a che fare con l'Akatsuki prestando servizio come "spia", ha intenzione di allearsi proprio con l'organizzazione che ha tradito? E soprattutto, cosa ci guadagna lui da questa alleanza? Kabuto sa che Madara è pronto ad iniziare una guerra mondiale e, come riferisce egli stesso all'Uchiha, l'apporto dei resuscitati ex membri andrebbe a rimpolpare la potenza d'attacco dell'Akatsuki. E, a quanto pare, questi non sono gli unici assi nella manica di cui dispone Kabuto...

Ma Madara, seppur riluttante, sembra intenzionato a prendere in considerazione l'offerta d'aiuto di Kabuto anche se, adesso, l'Uchiha chiede allo shinobi la "contropartita" di questo patto. E Kabuto, senza pensarci due volte, riferisce a Madara un nome molto familiare: Sasuke Uchiha! Lo shinobi non vuole nient'altro che lui e Madara, insospettito, chiede a Kabuto cosa il perché di tutto questo interesse. Il motivo è semplice: Sasuke è l'unico "giovane Uchiha" in vita e lui, che come Orochimaru vuole carpire tutti i segreti delle tecniche ninja, desidera "analizzare" il ragazzo per poter continuare nelle sue ricerche. Questa risposta alimenta ancora di più i dubbi di Madara che, provocatoriamente, risponde a Kabuto chiedendogli cosa succederebbe se egli non accettasse la sua proposta. Kabuto, sentito ciò, esegue un altro Edo Tensei e, dalla bara, appare un altro personaggio che sembra destabilizzare moltissimo Madara! L'Uchiha dice a Kabuto che è un pazzo e il giovane, che sembra aver capito le debolezze di Madara, dice che non si sarebbe mai presentato dinnanzi a lui senza un piano "ben congegnato". Madara è davvero tesissimo e Kabuto, per rilassarlo, gli dice che quello che ha appena visto è un "piccolo segreto" che solo loro due sanno...

Il contenuto della bara non viene svelato in alcun modo ma Madara, dopo una piccola risata, sembra intenzionato ad allearsi con Kabuto. Il potenziale espresso dallo shinobi è davvero enorme e Madara, riconoscendone le abilità, decide che forse il loro accordo si può fare. Ma ad una condizione: Sasuke sarà suo dopo la guerra e, per tutto il tempo, egli terrà sott'occhio il giovane Uchiha impedendo a Kabuto di mettergli le mani addosso. Kabuto, accettando la proposta di Madara, dice all'Uchiha che era praticamente sicuro della ragionevolezza espressa dall'Uchiha e, per questo, riconosce al suo nuovo alleato i meriti della reputazione che gode. Madara però taglia corto e, chiedendo a Kabuto di seguirlo, già pensa a come disporre al meglio questa nuova "forza lavoro". Kabuto lo segue ma, sul suo viso, si riesce a scorgere un sorriso davvero diabolico...

Intanto, in una foresta, Anko e il suo gruppo di shinobi hanno trovato i resti di altri ninja uccisi da Kabuto. Uno shinobi dice che questo è un segnale che Kabuto gli sta dando ma, essendo fin troppo chiaro che il ninja non è animato da buone intenzioni, non si capisce se è una trappola o meno. Allora Anko chiede a uno Hyuga (che si chiama Tokuma) di usare il Byakugan per osservare la situazione ad "ore due" e lo shinobi, attivata l'abilità, scova qualcosa di molto interessante: Kabuto e Madara sono insieme! Anko chiede dettagli e Tokuma, usando il Byakugan, gli comunica che i due stanno attraversando un passaggio sotterraneo che, probabilmente, è il nascondiglio di Madara. Ma ad Anko qualcosa non quadra: Kabuto ha davvero fatto questo di proposito? Lo shinobi sapeva che lo stavano inseguendo? E perché rivelare il nascondiglio di Madara proprio a loro? Le domande sono troppe ed Anko, al momento, può solo fare rapporto a Konoha della situazione, attendendo pazientemente gli ordini...

Naruto, invece, è alle prese con un dubbio "amletico": porre o no le mani sul rotolo che libererà il potere del Kyuubi. Il ragazzo è incoraggiato da Fukusaku ma, per Naruto, questa è davvero una decisione difficile. Gamatora lo sa bene e, comprendendo i ragionevoli dubbi di Naruto, il rospo si offre di spiegare a Fukusaku i meccanismi che regolano il Jutsu imposto dal quarto Hokage sul ragazzo. E, per attingere la forza del Kyuubi, Naruto deve compiere una cosa davvero molto difficile: assorbire il chakra della volpe e respingerne l'odio! La cosa funziona così: quando Naruto cerca di estrarre il chakra della volpe, il Kyuubi immette in esso tutto il suo odio e, se non si è mentalmente preparati a "respingere" l'enorme massa negativa che la bestia infonde nel chakra, si rischia di spezzare il sigillo e di far rinascere il nove code. Yondaime ha creato il sigillo in modo che questo facesse fuoriuscire una piccola quantità del chakra della volpe in Naruto ma, se la tecnica viene "annullata" tramite l'uso della pergamena, il ragazzo potrà attingere a tutta la potenza del Kyuubi. Fukusaku riesce finalmente a capire come funziona il jutsu di Yondaime e, incuriosito, chiede a Gamatora se hanno già provato ad aprire il sigillo. Il rospo-rotolo risponde dicendo di si ma, per questo, c'è una spiegazione: il sigillo di Naruto si è indebolito con il tempo e Jiraya, durante l'allenamento con il ragazzo, ha provato ad usare la chiave per "rinforzarlo". Ma il sigillo era ormai andato quindi, nella speranza che Naruto imparasse a controllare l'odio della volpe, Jiraya ha deciso di aprirlo un po', ben conscio che il ragazzo si sarebbe comunque trasformato in qualcosa di molto simile al Kyuubi. Ma non tutto è andato per il verso giusto...

Fukusaku allora chiede a Gamatora come mai Jiraya non sia riuscito ad addestrare Naruto e, non sapendolo, il rospo "passa la parola" al giovane shinobi. Naruto ricorda che, durante l'ultimo scontro avuto con Orochimaru, sentendo il nome di Sasuke pronunciato dal terribile nemico egli ha permesso al Kyuubi di "invadere" la sua mente, trasformandolo in una creatura potentissima ma piena d'odio. Infatti, proprio durante quello scontro, il ragazzo ha attaccato la sua amata Sakura e, da quel momento, Yamato gli ha imposto di non usare il chakra del Kyuubi. Durante gli allenamenti Yamato riusciva a controllare Naruto grazie al ciondolo che Tsunade ha regalato al ragazzo tempo addietro, ma il giovane ninja sa benissimo che, durante uno scontro, è inevitabile non provare un briciolo d'odio per il proprio nemico. E tutte le più nefaste previsioni di Naruto si sono avverate durante lo scontro con Nagato/Pain: vedendo l'amica Hinata praticamente "uccisa" dal nemico, Naruto ha di nuovo perso il controllo e si è quasi trasformato nella versione "completa" del Kyuubi. Solo l'intervento di Yondaime ha permesso a Naruto di poter riprendere di nuovo il controllo della propria mente...

Ma, per combattere contro Sasuke, Naruto sa che bisogna usare per forza il potere del Kyuubi e, per farlo, deve smetterla di comportarsi "da bambino" e assumersi le sue responsabilità: egli è il Jinchuuriki della volpe a a nove code e, da ora in poi, dev'essere in grado di controllare il potere della sua bestia. Quindi, ripensando alle parole del padre, Naruto pone una mano sul sigillo, promettendo al defunto genitore che sarà in grado di controllare il suo potere! Il contratto è stato siglato con successo e, adesso, Naruto deve trovare il "polipo" che il vecchio Rospo Saggio ha visto nella sua profezia...

E, un "polipo" molto potente, sta assistendo adesso ad un meeting che lo vede coinvolto in prima persona...anche se a lui non interessa più di tanto! Ovviamente il polipo in questione è Killer Bee che, durante la riunione indetta dal Raikage per preparare il villaggio alla guerra, sembra più intenzionato a trovare delle rime per le sue canzoni che a sentire le noiose discussioni riguardanti armamenti, razioni e quant'altro. Ma Killer Bee non si è ancora reso conto che, all'interno della Samehada, Kisame ha ascoltato attentamente tutte le decisioni che lui ha snobbato (intento, com'era, a trovare una rima con un intercalare da noi conosciutissimo...un certo "ttebayo")...

Shi è l'ultimo a prendere la parola e a confermare la posizione di alcune squadre di ricognizione e, sentito questo, il Raikage si sente abbastanza sicuro dal voler convocare, tra tre giorni, un meeting tra tutti i paesi coinvolti nella guerra mondiale!

Spoiler capitolo 491:

Gamatora cerca di "entrare" in Naruto e, per farlo, il rospo chiede al ragazzo di ingoiarlo! Ovviamente Naruto non è molto felice di ciò e, grazie al provvidenziale intervento di Fukusaku, il ragazzo riesce a ingoiare Gamatora tutto intero!

Il vecchio Rospo Saggio dice a Naruto che è tempo per lui di trovare il polipo ma, sia Fukusaku che il ragazzo, chiedono all'enorme rospo qualche indicazione su come rintracciarlo. Il grande Rospo Saggio fa un piccolo sforzo mentale e, miracolosamente (visti i problemi di memoria di quest'ultimo), sembra ricordare qualcosa di più riguardo al polipo: egli vive in un'isola lontana dal mondo, un paradiso per tutte le creature viventi e, fortunatamente, egli vorrà cooperare con Naruto per insegnarli quello che sa. Ricevute queste poche informazioni, Naruto viene teletrasportato da Fukusaku al chiosco di ramen...

Sono passati i tre giorni richiesti dal Raikage per preparare un meeting con gli altri capivillaggio e ora, dopo la dichiarazione di guerra di Madara, i Kage sono nuovamente riuniti davanti a un tavolo. Le divergenze tra Tsunade e lo Tsuchikage sono evidenti (tra i due non corre buon sangue) ma Mifune, preoccupato per come nascondere i due Jinchuuriki in loro possesso, chiede a tutti un opinione in merito. Ma il fatto di "nascondere" Naruto manda su tutte le furie Tsunade che, non sapendo niente della riunione precedente, non riesce a capire perché deve privarsi di uno dei punti di forza del suo villaggio. Gaara ricorda alla donna che questa guerra ha lo scopo preciso di proteggere sia Naruto che Killer Bee, visto e considerato che lo stesso Naruto non è nelle condizioni psicologiche per combattere. Tsunade sembra capire e, prendendo la parola, il Raikage comunica a tutti che hanno trovato un luogo "perfetto" per nascondere adeguatamente i due Jinchuuriki...

Naruto si trova con Yamato a bordo di una nave e, incuriosito ed eccitato, il ragazzo racconta al maestro della visione che il Rospo Saggio ha avuto su di lui. Naruto crede di arrivare nell'isola paradisiaca annunciatagli dall'anziano Rospo Saggio ma, una volta diradata la nebbia, il nostro eroe si trova davanti ad un posto inospitale e disabitato, pieno di creature mostruose e pericolosissime! Inoltre, una volta arrivati, i nostri vengono attaccati da un calamaro gigante che, con i suoi tentacoli, cerca in tutti i modi di distruggere la nave!

Ma Killer Bee arriva giusto in tempo per fermare l'enorme calamaro e, "riconosciuto" il polipo della profezia, Naruto lo saluta affettuosamente, ignaro di quello che potrebbe succedere sull'isola...

Spoiler capitolo 491 di Naruto
Spoiler capitolo 491 di Naruto
Spoiler capitolo 491 di Naruto
Spoiler capitolo 491 di Naruto
Spoiler capitolo 491 di Naruto

via | Mangahelpers

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: