Ah Pook is Here - ecco il fumetto di William Burroughs

ah pook

Negli Usa uscirà a breve un fumetto dal titolo simpatico, ma che per molti avrà un valore maggiore di quello di un semplice fumetto: Ah Pook is Here!

Questo volume può essere considerato il primo e solo romanzo a fumetto creato dallo scrittore statunitense (non di fumetti) William Burroughs (noto per Pasto Nudo, Nova Express e The Ticket that Exploded). Quasi per sfizio, nel lontano 1970, il saggista propose all'artista Malcom McNeill di iniziare a lavorare su un progetto del tutto originale. Così iniziò a svilupparsi un vero e proprio racconto a fumetti che prese vita sulle pagine della rivista britannica Cyclops. La collaborazione per la realizzazione di tale strip comica fu abbandonata circa 40 anni fa.

La prossima estate tutto il materiale disponibile verrà preso e ripubblicato integralmente in un'unica soluzione. Il titolo dell'opera sarà proprio quello voluto dagli autori: Ah Pook is Here. Le strip sono tantissime, soprattutto perché, dopo la chiusura della rivista Cyclops, Burroughs e McNeill decisero di lavorare per diverso tempo sul loro fumetto, con lo scopo di realizzare quello che consideravano un "romanzo parola/immagine" (oggi quella tipologia di fumetto è nota con il nome di graphic novel). Abbandonarono il tutto solo perché nessun editore dimostrò coraggio nel pubblicare la mole di materiale prodotto. Dopo 40 anni la casa editrice americana Fantagraphics Books (nota per la distribuzione dei fumetti di Charles Schulz e R Crumb) è riuscita ad accaparrarsi i diritti di Ah Pook is Here ed ha promesso di pubblicare prestissimo tutto ciò che è in loro possesso. Il fumetto scritto da William Burroughs ha una trama insolita, che fa riflettere divertendo. Infatti trovarete sfumature di fantascienza e misticismo, grazie ai tanti richiami alla cultura Maya, a rituali magici, ad esperimenti disumani e sopratutto grazie alla venuta improvvisa di Ah Pook, quello che i maya consideravano il dio della morte! Chissà se in Italia qualcuno deciderà di seguire l'esempio di Fantagraphics Books, proponendoci questo reperto storico...

via | La Stampa

  • shares
  • +1
  • Mail