Saint Seiya Episode G interrotto: svelato il mistero

Aiolia - Saint Seiya Episode G

Pessime notizie sulla sorte de I cavalieri dello zodiaco - Episode G di Megumu Okada, bloccato in Giappone da ben oltre un anno senza alcuna spiegazione, né da parte dell'autore, né dell'editore, né di Masami Kurumada, creatore della serie originale.

Da Planet Manga è ora svelato l'arcano durante la conferenza al Romics 2010: il manga è congelato per una imprecisata controversia tra Megumu Okada e il suo editore, Akita Publishing, che dal 2002 pubblicava Episode G sul mensile Champion RED (da dove arrivano titoli come Shin Mazinger Zero, LineBarrels of Iron, The Qwaser of Stigmata e Shigurui). Abbandonata – pare definitivamente – l'opera al volume 17 (pubblicato interamente da Planet Manga con l’albo numero 34) e al capitolo 76, apparso su rivista a maggio 2009, Okada è ora impegnato nel seguito del suo Shadow Skill (in Italia per GP Publishing), pubblicato da Kodansha.

Secondo un'antica leggenda, quando il mondo cade preda delle Forze Oscure, Atena, la dea greca della giustizia e della battaglia, si reincarna in una fanciulla e raduna attorno a sé una schiera di sacri guerrieri protetti da armature: i cavalieri dello zodiaco. Ogni cavaliere possiede poteri immensi derivanti dalla costellazione che lo rappresenta nel firmamento e dal Cosmo, l’ardente forza delle stelle. I più potenti cavalieri indossano un’armatura d'oro, dodici in tutto, una per ogni segno dello zodiaco. Ogni cavaliere d'oro è custode di una Casa dello zodiaco, templi disposti in successione secondo un percorso obbligato, verso il Santuario di Atena, dimora del sacerdote della dea, suo rappresentante in terra.

Questa è una storia segreta, mai raccontata, accaduta circa sette anni prima della Scalata alle Dodici Case di Seiya, Shun, Shiryu, Hyoga e Ikki in salvezza della dea: per resuscitare il loro signore Crono, sconfitto nel tempo del mito dal sommo Zeus, i Titani devono recuperare gli artefatti divini nascosti nel basamento del simulacro della dea al Santuario. Dodici le antiche divinità vestite di Soma, armature del colore del Tartaro forgiate dalla dea madre Gaia legando i poteri dell'attacco e della difesa. Il primo dei Titani a presentarsi al Tempio è Iperone il Nero, che viene subito accolto dal giovane cavaliere d'oro del leone dalla criniera tinta di rosso in segno di diniego del tradimento fraterno!

Aiolos

Vota l'articolo:
3.98 su 5.00 basato su 117 voti.  

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO