41 colpi, Marco Peroni e Riccardo Cecchetti onorano la poetica di Bruce Springsteen

41 colpi, è un fumetto della Becco Giallo realizzato da Marco Peroni e Riccardo Cecchetti che hanno deciso di rendere omaggio alla poetica di Bruce Springsteen.

becco giallo

Becco Giallo ha pubblicato 41 colpi, un volume sceneggiato da Marco Peroni e disegnato da Riccardo Cecchetti. L'opera (caratteristiche tecniche: 176 pagine, brossura con sovraccoperta, colori) è da considerarsi come un vero e proprio omaggio alla poetica di quel grande artista chiamato Bruce Springsteen, una personalità che ha aggiunto un qualcosa di unico al mondo della musica.

Il graphic novel è basato sul brano American Skin che Springsteen ha composto per commentare con i suoi sentimenti l'uccisione da parte delle forze dell'ordine dell'innocente, disarmato, incensurato Amadou Diallo, con 41 colpi di pistola. A New York, il 12 giugno 2000, a poche ore dal primo dei dieci concerti in programma al Madison Square Garden, il cantante subì la pressione dell'associazione dei poliziotti di New York e delle autorità cittadine intenzionate a bloccare la sua esibizione per la presenza di un brano così scomodo. I fumettisti della Becco Giallo ci narrano la vicenda attraverso il racconto di Joe, un poliziotto qualunque che non può sentirsi slegato da una tale tragedia e da tutte le sue conseguenze. Prima di leggere il fumetto è bene prestare attenzione alle parole dello stesso Bruce Springsteen che così ha commentato il suo pezzo:

“Con "American Skin non avevo fatto altro che continuare a scrivere di cose sulle quali mi interrogavo da tempo. Cosa significa essere americano? Cosa sta succedendo in questo paese?”

La coppia di fumettisti formata Marco Peroni e Riccardo Cecchetti consolida così una fruttifera collaborazione, essendo giunti al loro terzo lavoro assieme. La loro tecnica narrativa è fuori dal comune: con il libro dedicato a Gigi Meroni hanno fatto di tutto per non parlare della morte del giovane calciatore, mentre con quello dedicato ad Adriano Olivetti avevano evitato ogni forma di nostalgia ambientando il racconto nel 2061. Ancora una volta hanno confermato la loro originalità riuscendo con “41 colpi” ad onorare la poetica del rocker più famoso del mondo senza farlo vedere nemmeno una volta. Nonostante questo promettono di far percepire l'artista dalla prima all'ultima pagina, dando spazio esclusivamente alla sua poetica, la vera protagonista del graphic novel.

Cliccate qui per osservare alcune pagine in anteprima e/o prenotare il volume.

  • shares
  • Mail