Il nuovo curatore Roberto Recchioni svela il Dylan Dog del futuro

Dylan Dog ha un nuovo curatore: Roberto Recchioni! Lo sceneggiatore, attraverso il suo blog, ha svelato i primi dettagli di questo suo delicato incarico.

recchioni

Roberto Recchioni è stato scelto per essere il nuovo curatore di Dylan Dog, la mitica serie della Sergio Bonelli Editore. L'artista, pur essendo impegnatissimo nel lanciare la nuova serie Orfani, ha accettato di rivestire il delicato ruolo di curatore della serie horror italiana. Attraverso il proprio blog ha chiarito tutti i dettagli di questa operazione. Prima di tutto ha spiegato di aver ricevuto il suo incarico direttamente da Tiziano Sclavi e, pertanto, si prenderà cura di mandare in edicola ogni mese tutte le testate legate al personaggio, scegliendo gli autori, approvando i soggetti, supervisionando le sceneggiature, rivedendo i disegni, stilando la programmazione ecc...

Chi adora Recchioni ha già intuito che Dylan Dog sarà rilanciato alla grande, diventando ancora una volta il punto di riferimento delle nuove generazioni di lettori e non solo. Al fianco del papà di John Doe ci sarà Franco Busatta - curatore di Orfani - che si occuperà degli aspetti più pratici e organizzativi del lavoro. Roberto Recchioni ha specificato che Tiziano Sclavi e la Sergio Bonelli Editore hanno ritenuto necessario un cambio di rotta per il l'Indagatore dell'Incubo, poiché Dylan Dog è la seconda testata più venduta della casa editrice, ma purtroppo è anche quella che, in termini percentuali, perde più lettori ogni anno. E' chiaro a tutti che una situazione del genere non è più tollerabile, visto che ci troviamo di fronte ad una vera e propria istituzione del fumetto italiano.

Il piano di attacco dello sceneggiatore è chiaro: ha intenzione di rinnovare il personaggio senza stravolgerlo, di adeguare il linguaggio (narrativo) delle sue storie al sentire dei tempi moderni, di riportare Dylan Dog nel presente, di tornare a fare storie di Dylan Dog che non solo piacciano ai lettori e alla casa editrice ma in cui il suo creatore, Tiziano Sclavi, si possa riconoscere. In poche parole Rrobe ha in mente di fare tutto ciò che deve essere fatto!

C'è in corso un vero e proprio processo di riflessione e rinnovamento per Dylan Dog ed in questa rivoluzione sia Tiziano Sclavi, sia Paola Barbato saranno parte attiva. Al momento Recchioni ha preferito indicare alcune "cosine" circa il rilancio del personaggio, senza però svelare i punti chiave del progetto di rinascita. Sul blog Dalla Parte di Asso sono stati toccati i seguenti punti:

a) Roberto non vuole uccidere i personaggi del cast, poiché non considera mai un bene far fuori un personaggio, a meno che la cosa non sia narrativamente davvero indispensabile;

b) Dylan non sostituirà la sua esclamazione tipica. Il nuovo curatore è consapevole che le persone parlano in un modo e non lo cambiano. Dopotutto la gente si stufa di dire sempre la stessa roba e potrebbe variare ogni tanto;

c) Dylan avrà probabilmente un cellulare e un computer. Prima di rendere tecnologico il protagonista cercheranno di trovare un espediente sensato e utile in termini narrativi;

d) Bloch forse andrà in pensione, ma non sparirà dal fumetto, visto che è il personaggio preferito dello stesso Recchioni;

e) La tariffa oraria di Dylan aumenterà!

  • shares
  • Mail