d/visual: editoriale di scuse al veleno di inizio anno

Coming soon

La società di Federico Colpi torna a farsi viva in questo inizio anno con un editoriale al veleno che non risparmia frecciate e polemiche a chicchessia.

Parte con l'elogio del suo direttore, passando per le sue varie esperienze in campo lavorativo, per arrivare ad ammettere che d/visual non è questo ricco "mega-conglomerato giapponese" che si dice, ma solo un piccolo studio situato nel centro di Tokyo gestito da tre persone e due collaboratori! Nonostante il parallelismo, anche solo presunto dai lettori, con la Dynamic Planning di Go Nagai, per cui sembrava che la società di Colpi avesse diritto di prelazione ed esclusiva su tutte le opere del Maestro, avevamo tutti ormai capito che d/visual non è che una piccola realtà editoriale, ma sinceramente non che il lavoro fosse tutto sulle spalle di tre persone. Si spiega ora la lentissima produzione dei suoi manga, per non parlare del comparto DVD, se possiamo davvero parlare o pensare di un comparto DVD. Tante le giustificazioni portate che potrete leggere nell'editoriale, eppure oggi quel Gundam che Colpi si è tanto battuto per riportare in Italia giunge in una splendida edizione DVD ma ad opera di un altro editore, che in concreto si è dimostrato assolutamente più affidabile nel campo degli anime in home video. Ma è possibile che solo gli "altri" riescano a lavorare decentemente? Magari, se si è solo in tre, sarebbe meglio assumere un po' di gente. Non si trova nessuno all’altezza, tutti incapaci e indegni di lavorare per la società?

Personalmente ho sempre sostenuto d/visual, ho sempre affermato che le sue edizioni manga sono le migliori sul mercato italiano, unica pecca, i tempi "biblici" di serializzazione. Al contrario, non ho mai considerato il reparto video, a partire dall’infelice idea di proporre in Italia DVD non doppiati ma solo sottotitolati (paradossalmente nient'altro che un invito alla pirateria e al download di fansub) alla bizzarra edizione di Mazinkaiser in box di plastica arancione, dall’annunciato – in pompa magna – e mai pubblicato New Getter Robo, ribattezzato Re:Model, al Goldrake ancora inconcluso e allo Shin Jeeg persosi nel triangolo maledetto del Pacifico... Ma soprattutto, fatto gravissimo, non c’è comunicazione con l'utenza. I lettori non possono chiedersi per mesi se la società esiste ancora, se è fallita, se stanno gettando via denaro per acquistare serie che non arriveranno mai alla fine. La professionalità non può essere legata solo alla qualità dei prodotti. A proposito, giunge solo ora, a mesi di distanza dal problema (da giugno!!), l'annuncio ufficiale sulla sostituzione di Ken il guerriero volume 17: "Alcuni lettori ci hanno segnalato che nella loro copia di Ken il guerriero #17 mancavano alcune pagine. Dopo una verifica col nostro rilegatore abbiamo potuto constatare come, per un errore del rilegatore stesso, un sedicesimo – cioè un "blocco" di sedici pagine – non sia stato inserito in circa un migliaio di copie.

Col prossimo ordine d/books invierà a tutti i sigg. negozianti un numero di copie corrette equivalente al valore del loro ordine precedente di questo volume, in modo da poterlo sostituire gratuitamente ai clienti che richiedessero una sostituzione. Invitiamo i sigg. lettori che abbiano verificato la mancanza di alcune pagine nel volume in loro possesso a recarsi dal negoziante presso il quale lo hanno acquistato. La nuova copia, corretta, verrà consegnata solo in cambio di quella precedentemente acquistata: ogni richiesta di sostituzione che non sia accompagnata dalla consegna al negoziante della copia fallata non potrà essere esaurita. Non e' invece necessario consegnare la mini-figure, o la confezione della stessa, in quanto queste non sono difettose e dunque non sono oggetto di sostituzione. Ci scusiamo con tutti i lettori e i negozianti di questo disguido". Ma intanto non esiste ancora un indirizzo e-mail per contattare l'editore. Gli spunti di riflessione e discussione sarebbero diversi... L'articolo non manca di menzionare anche la questione Goldrake in tv, che tutto pare fuorché risolta, a causa di "qualche altro scatto di arroganza dei diretti interessati". E termina con la constatazione che in questo 2011 servono "nuovi percorsi". Quali? "Presto vi faremo sapere"... Dopo il salto il lungo comunicato d/visual.

Come avete passato le feste natalizie? E che anno e' stato per voi il 2010? Speriamo che per tutti i nostri lettori, clienti e fornitori sia stata un'annata prospera e piena di felicita', e auguriamo che questo 2011 lo sia ancora di piu'!

Dal canto nostro, il 2010 è stato un anno ricco di valori simbolici.
Segna infatti il 35mo anniversario da quando uno dei nostri fondatori, Federico Colpi, comincio' a disegnare fumetti vendendoli per 50 lire ai compagni di scuola (all'inizio erano "UFO" e "Spazio:1999"; poi, a grande richiesta divennero "Goldrake", "Jeeg Robot" e "Mazinga Z"); 30 anni da quando comincio' a contattare le varie televisioni (che al tempo erano Canale 5 di Reteitalia, Italia 1 di Rusconi e Retequattro di Mondadori) per preparare una fanzine sugli anime che poi sfocio' nell'esperienza de "I nostri eroi", primo periodico dell'intero occidente dedicato agli eroi giapponesi, la cui eredita' - assieme ad alcuni fumetti di Colpi - fu di seguito raccolta da "Yamato"; 20 anni da quando si trasferi' in pianta stabile in Giappone; 15 da quando comincio' a lavorare a Dynamic Planning al fianco di Go Nagai, cercando di dar vita a qualcosa di diverso nel panorama degli anime con Dynamic Italia e le altre Dynamic europee, in un'epoca in cui i cartoni giapponesi erano oggetto quotidiano degli attacchi di media ed educatori e gli unici che venivano propinati al pubblico dello stivale erano serie di maghette o soap-opera supercensurate . Ma in Italia ci si poteva anche dire fortunati: tra il 1996 e il 1997 la Francia aveva decretato la cacciata dalla TV via etere di serie di successo come "Dragon Ball Z", "Ken il Guerriero" e "Sailor Moon", mentre in Spagna (a parte in alcune regioni) grandi successi come "Ranma 1/2" e "Dragon Ball Z" venivano considerati tanto pericolosi per i giovani da essere trasferiti in orari notturni o su canali secondari. Bisognera' attendere la fine degli anni '90, con opere curate proprio dal nostro staff come "Neon Genesis Evangelion", "Cowboy Bebop" o "Escaflowne", perche' gli operatori televisivi di tutta Europa si convincano che gli anime sono opere di grande valore e qualita'.

Il 2010 ha segnato anche il decennale da quando, poste le basi per il contratto che avrebbe riportato in Italia "Gundam" dopo anni di trattative, Colpi si convinse di aver completato il suo progetto di rilancio degli anime e annuncio' la sua volonta' di ritirarsi per dedicarsi alle vecchie passioni che l'avevano portato in Giappone, l'antropologia e la linguistica.
Di certo non poteva immaginare che alcuni situazioni in seno a Dynamic l'avrebbero costretto dapprima a rimanere, poi addirittura a mettere in piedi assieme a noi una nuova realta' come d/visual: una scelta sofferta, con la quale crediamo di aver dimostrato un senso di responsabilita' ben superiore anche a tutti coloro che al tempo, in Giappone, ci chiesero di rimanere e che si sono poi dimostrati molto piu' interessati al profitto immediato che alla lealta'. Ma, siccome siamo sempre stati convinti che quando si incomincia una cosa bisogna sempre farla al meglio, in d/visual crediamo di aver veramente profuso tutte le nostre energie.

Ci ha sempre divertito leggere sul web commenti su di noi, rappresentati come un ricchissimo mega-conglomerato giapponese. d/visual, essenzialmente, e' sempre stata gestita da tre persone e due (validissimi) collaboratori da un piccolo ufficio al centro di Tokyo e certe descrizioni faraoniche sono quanto di piu' distante possa esistere dalla realta'.

Oggi, come dieci anni fa con "Gundam", siamo riusciti a raggiungere un altro obiettivo: finalmente tutti i personaggi di Go Nagai torneranno in televisione - a meno che qualche altro scatto di arroganza dei diretti interessati non venga a bloccare di nuovo tutto. E' un ritorno che avviene dopo quasi due decenni che Dynamic e Toei si sono scannate dentro e fuori le aule di tribunali, prima negandoci per due anni la possibilita' di sfruttare un contratto che ci doveva consentire di pubblicare i DVD di "Goldrake" gia' dal 2005, poi - quando finalmente potemmo cominciare - costringendoci piu' volte a ritardarli, rinviarli o sospenderli. Nel frattempo, noi siamo riusciti a creare un network di grandi aziende - dal piu' grande gruppo televisivo italiano al maggiore operatore nell'ambito del merchandising; dal piu' letto quotidiano al piu' venduto settimanale della penisola; da un gruppo editoriale storico a una grande firma della moda - tutti coinvolti in un'operazione senza precedenti che avrebbe finalmente riportato "Goldrake" in Italia come questo classico dell'animazione si merita. Forse non spettera' a noi raccogliere i frutti di questi anni di sudato lavoro, ma resta comunque la soddisfazione e l'orgoglio di essere riusciti a organizzare attorno a un personaggio degli anime un'operazione di una portata massiccia. Sempre che, ripetiamo, tutto cio' non venga meno a causa dell'egocentrismo di alcune persone che si trovano ad aver tra le mani il destino di "Goldrake" - anzi, di "Grendizer" - pur probabilmente senza neppur sapere di preciso di cosa questa serie parli.

Comunque vada a finire, la scelta finale esula dalle nostre competenze e, da parte nostra, come quando si defini' l'affare "Gundam" dieci anni or sono, anche questa volta possiamo dirci soddisfatti di quanto ottenuto e concentrarci su nuovi obiettivi, non necessariamente nell'ambito di anime e manga. D'altronde anche in questa esperienza con d/books possiamo dirci orgogliosi di aver portato - con tutti i problemi determinati dalle limitatezze delle nostre risorse umane e finanziarie - i piu' bei manga "indipendenti" in Italia in edizioni degne del valore di queste opere. Sinceramente, fatichiamo a individuare altre serie di simile valore che vorremmo riprensentare al pubblico italiano (anche se "Maison Ikkoku" sarebbe una di quelle che meriterebbero di esser riproposte in un'edizione ritradotta e ben curata).

Da anni abbiamo esternato senza alcuna reticenza i nostri dubbi sul futuro del mercato dei manga: in patria, nonostante i goffi tentativi delle autorita' di Tokyo di intervenire sui contenuti, manga e anime diventano sempre piu' un prodotto per un pubblico di trentenni e quarantenni, lontano dalle grandi serie di azione o dalle love-story che abbiamo conosciuto nell'arco di decenni. Con l'unica eccezione forse di "Shonen Jump", ormai tutte le riviste di manga cercano il profitto in un volgare esibizionismo o in soggetti che intendono scatenare le fantasie morbose di un pubblico sempre piu' incapace di comunicare con la realta' o di inserirsi nella societa'. Una patologia tipicamente giapponese che, per fortuna, trova pochi riscontri in Occidente cosi' come negli altri Paesi asiatici, ma che rischia di far diventare anime e manga qualcosa di molto diverso da cio' che noi fan di lunga data amiamo e apprezziamo. D'altro canto, il mercato non offre molti stimoli agli autori: anche in Giappone sono sempre piu' quelli che si lamentano del fatto che la maggior parte dei lettori non compra le loro opere ma le scarica gratis dal web, rendendo sempre piu' difficile, se non impossibile, continuare l'attivita' di artistica.

Viene quasi da ridere a ricordare come, ai tempi di Granata, si pensasse di chiudere "Nausicaa" perche' vendeva meno di 15.000 copie, quando oggi un manga - a parte un paio di blockbusters - stenta ad arrivare alle 2500; nel frattempo pero' le varie fiere del settore registrano una sempre maggiore affluenza di pubblico, a dimostrazione del fatto che un mercato esiste, ma sono le modalita' del business a non saperlo soddisfare.

Quando nel 2004, di fronte all'invasione di DVD pirata, proponemmo di lanciare DVD a basso prezzo con i soli sottotitoli in piu' lingue europee ed asiatiche in contemporanea alle uscite giapponesi, gli operatori che all'inizio avevano supportato l'idea ci imposero tanti di quei paletti che alla fine la "uscita in contemporanea" avrebbe finito per avere un ritardo medio di sei o sette mesi sui DVD pirata; e quando acquistammo uno dei primissimi cartoni animati in alta definizione per presentarlo dapprima al Comicon di Napoli (come di fatto riuscimmo a fare) e poi in DVD (come ancora non siamo riusciti a fare), ci vennero inviati master con la qualita' video artificialmente ridotta perche' "le edizioni straniere non potevano vantare la stessa definizione di quella giapponese" (e spettava a noi convincere il nostro pubblico a comprare dei dvd che si vedevano come dei VHS mentre su YouTube giravano i filmati a 1080p). Due scelte che illustrano molto bene il piu' grande problema del mondo dei manga e degli anime: sono entrambi fenomeni culturali e artistici creati e cresciuti da grandissimi artisti fin dagli anni '50, e distrutti in modo increscioso da un branco di operatori locali incapaci e egocentrici.

Chi si ricorda quegli articoli sui settimanali italiani dei primissimi anni Ottanta in cui si raccontava di come la Disney fosse sull'orlo del tracollo finanziario dopo una serie di flop commerciali culminati in "Bianca & Bernie", mentre le "disney dell'oriente" raccoglievano succesi planetari con i loro Goldrake, Harlock & Candy? Vi ricordate anche delle fotografie di quell'amministratore di un grande studio che dichiarava orgoglioso di aver creato tutti lui quei personaggi (cosa che ora sappiamo non essere vera). Ecco, mentre lui sorrideva felice, ancora non gli era passato per la mente di costituire un ufficio esteri in seno alla sua azienda per cogliere tutte le occasioni citate in quell'articolo (il primo studio ad averne uno lo costitui' nel 1989; il gigante Shueisha non ebbe un responsabile per l'estero fino al 1992) e quando lo fece lo affido' a una persona dichiaratamente xenofoba che tradi' gli operatori europei che avevano portato al successo le serie mitiche degli anni Settanta per affidare i suoi prodotti a corrotti e incapaci connazionali accorsi in Europa per impadronirsi di guadagni ingenti.
Risultato: con cosa ci ritroviamo a trent'anni da quell'articolo? Disney e' diventato uno dei colossi mondiali dell'entertainment a tutto campo e gli studios giapponesi sono ancora relegati a livello di piccole-medie aziende, con prodotti che sempre piu' vengono scartati dalle televisioni di tutto il mondo per essere sostituiti con cartoni americani ed europei, o serie live dal Nord e Sud America. Nel frattempo paesi come la Corea o la Cina investono centinaia di milioni per creare una industria locale dell'animazione. In Giappone? Il governo si sta svegliando solo adesso, invocando i risultati di un boom che e' gia' passato da tempo e proponendo strategie che farebbero scompisciare dalle risate anche un principiante del settore.

Cosi' come accadde per gli ukiyoe nell'ottocento, disprezzati in patria e amatissimi in Europa, anche nel caso di anime e manga il Giappone sta buttando alle ortiche il frutto del lavoro di incredibili autori, geniali registi e ingegnosi animatori. E' anche questa amara constatazione che ci ha convinti a incamminarci per nuovi percorsi durante questo 2011. Presto vi faremo sapere qualcosa di piu'. Nel frattempo godetevi le nostre edizioni librarie: come al solito, le abbiamo curate con tutta la nostra passione. Speriamo che le leggiate con lo stesso piacere che abbiamo provato noi editandole.

Buon anno a tutti!

  • shares
  • +1
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: