Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag jack kirby

Jack Kirby è tra i protagonisti del film Argo di Ben Affleck

pubblicato da Marcello "Marte" Durante

jack kirby

Ieri sono andato al cinema a vedere Argo, film diretto ed interpretato da Ben Affleck.

La storia di Argo prende spunto dalla realtà, narrando fatti realmente accaduti a Teheran durante la rivoluzione iraniana del 1979. Durante la visione mi sono accorto della presenza di alcune tavole a fumetti, disegni che mi ricordavano il tratto dell’artista più grande di tutti: Jack Kirby. Ho aspettato i titoli di coda per avere una conferma ed eccolo qui spuntare il suo bel nome, scuotendo il mio orgoglio di nerd. In questa fortunata pellicola Ben Affleck (nei panni dell’agente dei servizi segreti americani Tony Mendez) deve recuperare alcuni ostaggi americani intrappolati in Iran e per farlo si serve proprio del mitico Jack Kirby (interpretato dal Michael Parks) per portare a termine un piano geniale. L’autore dei fumetti ha infatti realizzato svariati concept art e materiale di pre-produzione per un film “fasullo” di fantascienza intitolato Argo, contribuendo così al salvataggio degli ostaggi e permettendo l’infiltrazione in Iran da parte della CIA e del suo agente. L’unica soluzione per portare a termine la missione di salvataggio era proprio quella di spacciarsi per canadesi con un unico sogno da realizzare: girare un film in quelle zone così affascinanti, con paesaggi quasi extra-terrestri.

Continua a leggere: Jack Kirby è tra i protagonisti del film Argo di Ben Affleck

....
condividi 3 Commenti

Contro la Marvel, nel nome di Kirby

pubblicato da Daniele

Sul sito americano Slate il fumettista James Sturm annuncia il suo personale boicottaggio nei confronti della casa Marvel. Sturm è un importante autore di graphic novel (da noi è stato pubblicato soltanto un libro, Americana, per i tipi Coconino), che dice di essere cresciuto, come lettore, con i supereroi di Jack Kirby. Ed è proprio in difesa del maestro, che l’autore annuncia di voler boicottare, come avanzato già da molti, il nuovo film sui Vendicatori.

Sturm non è il primo a schierarsi contro la Marvel nell’annosa querelle sui diritti dei suoi più famosi personaggi, che secondo molti andrebbero riconosciuti agli eredi di Jack Kirby. Senza il talento e le invenzioni di Kirby, sostiene Sturm, la Marvel sarebbe stata costretta a chiudere i battenti: “Questa estate, quando ho sentito che ci sarebbe stato un film basato su The Avengers, una delle squadre di supereroi Marvel più popolari (Iron Man Thor!! The Hulk! Capitan America!), ero abbastanza esaltato. E non ero l’unico. Contavo di vederlo nella prima settimana di programmazione. […]Purtroppo questo idillio estivo non è durato. Ho deciso di boicottare The Avengers. La storia del fumetto è costellata di case editrici defunte. Dalla necessità di mettere insieme un prodotto decente alla possibilità di trovare una distribuzione e tenere il passo con le mode attuali, tante cose possono andare storte. Ma se un personaggio colpisce il nervo giusto nel pubblico, può venirne fuori una fortuna. La DC Comics ha prosperato grazie a Superman e Batman, mentre operazioni come quella di Dynamic Publications e Standard Comics hanno fallito. Senza Jack Kirby, la Marvel Comics avrebbe fatto la stessa fine”.

Altri autori, come Seth e Steve Bissette, avevano sollevato la stessa questione e oggi è stata persino indetta una petizione online per indurre la Marvel a restituire le royalty dei personaggi di Kirby ai legittimi proprietari.

....
condividi 1 Commenti

USA - Morto Joe Simon, co-creatore di Capitan America

pubblicato da Francesco "Zoroastro" Fusillo

Joe Simon Wikipedia

Ancora un gravissimo lutto per il mondo del fumetto americano: è morto, all’età di novantotto anni, l’artista/scrittore/editore Joe Simon (al secolo Joseph Henry Simon) che, come alcuni di voi sicuramente sapranno, nel 1941 creò insieme a Jack “The King” Kirby il personaggio di Capitan America per l’allora Timely Comics (che si tramuterà, anni dopo, nella Marvel Comics che tutti conosciamo).

Attivo nel periodo d’oro del fumetto americano (la famosa Golden Age), Simon è rimasto così legato al mondo del fumetto da continuare, fino all’anno scorso, a pubblicare e ripubblicare nuove e vecchie storie dei personaggi da lui creati. E, se non fosse stato per Simon, non avremmo sicuramente letto le storie di tanti personaggi della DC Comics come Newsboy Legion, Sandman (personaggio reso poi famoso da Neil Gaiman ma inizialmente creato dal duo Simon/Kirby), Boy Commandos e Paul “Manhunter” Kirk. Ma è con Capitan America che Simon è diventato famoso ed è proprio per “colpa” del Cap che, nel 2003, il vecchio Joe fece causa alla Marvel per i diritti sul supereroe. Fortunatamente le due parti trovarono un accordo extra-giudiziario e la cosa finì con il pieno possesso, per la Marvel, di tutti i diritti legati al supereroe di Simon.

Purtroppo sono ancora poche e confuse le news che ci arrivano dagli USA (io stesso ho scoperto della morte di Simon sul Wikipedia americano) anche se, proprio qualche minuto fa, la Marvel ha mandato a Comic Book Resources un comunicato con la conferma della morte di Joe. Ovviamente tutto lo staff di Comicsblog esprime alla famiglia le più sentite condoglianze.

Continua a leggere: USA - Morto Joe Simon, co-creatore di Capitan America

....
condividi 0 Commenti

USA - Marvel Comics: Tom Brevoort parla dei cinquant'anni dei Fantastici Quattro

pubblicato da Francesco "Zoroastro" Fusillo

Fantastic Four Fantastici Quattro 50 anni anniversario Marvel Comics

Come sapete tutti, quest’anno si festeggiano i primi cinquant’anni dei Fantastici Quattro, la superfamiglia più famosa dell’universo Marvel di cui, settimana scorsa, è uscito lo storico e allo stesso tempo controverso numero #600. E, per parlare un po’ della loro storia, la Marvel ha ben pensato di dare a Tom Brevoort (Senior VP-Executive Editor della casa editrice) il compito di illustrare, in un documentario di ben due ore, la “fantastica” avventura editoriale di Reed, Sue, Johnny e Ben…

Brevoort, dal canto suo, sembra davvero molto a suo agio nel parlare dei Fantastici Quattro che, a suo dire, sono sicuramente uno dei tre fumetti più importanti pubblicati dalla Marvel nel corso degli anni. Ovviamente il “viaggio” all’interno del mondo dei Fantastici Quattro non può iniziare senza parlare di Stan “The Man” Lee e Jack “The King” Kirby e Brevoort, minuziosamente, ripercorre il cammino creativo del gruppo proprio partendo dai creatori della superfamiglia senza dimenticare, però, gli altri grandi nomi che hanno reso grandi questi quattro supereroi newyorkesi. Fortunatamente il buon Tom è davvero molto informato e bravo e, anche per i non anglofoni, sarà facile capire quello che Brevoort dice perché, ripeto, l’editor parla in maniera così chiara e comprensibile che vi sarà davvero facile seguirlo.

E la Marvel, con la sua classica “crudeltà” (se così possiamo chiamarla), ha pubblicato sul suo sito ufficiale solo un brevissimo estratto del documentario che, a quanto pare, sarà disponibile solo tra un mese. E noi, per farvi felici, abbiamo pensato di inserire questa piccola “video sneak peek” dopo il salto!

Continua a leggere: USA - Marvel Comics: Tom Brevoort parla dei cinquant'anni dei Fantastici Quattro

....
condividi 0 Commenti

USA - Marvel Comics: polemiche sull'ospite "speciale" del numero #600 dei Fantastici Quattro!

pubblicato da Francesco "Zoroastro" Fusillo

Fantastici Quattro #600 Cover Marvel Comics

Nel novembre del 1961 uscì il primo numero dei Fantastici Quattro, “superfamiglia” di eroi creata dal grande Stan Lee con i disegni dell’altrettanto mitico Jack Kirby. E, a distanza di cinquant’anni dal primo, storico, albo del quartetto, di acqua sotto i ponti ne è passata davvero tanta: maxisaghe, intrighi, morti, resurrezioni, matrimoni, nascite…

Non dovrebbe far specie, quindi, il ritorno del defunto Johnny Storm tra le pagine dell’albo #600 della testata! E, invece, alcune piccole polemiche ci sono state: perché far tornare Johnny Storm dopo appena dieci mesi dalla sua morte? A calmare le acque ci ha pensato Tom Brevoort, il “senior vice president for publishing” della Marvel che, parlando dell’albo celebrativo sui 50 anni della testata, ha subito messo le cose in chiaro con un lapidario:

Yes, he did die. He died a couple of times…

Non c’è pericolo, quindi, che una resurrezione “improvvisa” di Johnny Storm possa turbare i nuovi equilibri all’interno della Future Foundation, squadra nata dalle ceneri dei Fantastici Quattro che, come sapete tutti ormai, ospita tra le sue fila il buon Spider-man. Ma i lettori americani non sono stupidi e, oltre ad aver notato il ritorno della dicitura Fantastici Quattro sulla testata (nomea tolta dalla stessa dopo la morte di Johnny Storm), questi si chiedono se l’improvvisa “resurrezione” della Torcia non sia l’ennesimo “pasticcio” della Marvel che, accortasi di un’errore, ha voluto rimediare in maniera goffa e frettolosa.

Ma anche qui Brevoort ha avuto da ridire perché, a detta del vice-presidente, Jonathan Hickman aveva progettato il temporaneo ritorno di Storm già da mesi e che, oltre a lavorare per la nuova testata FF, l’autore sarà inserito in pianta stabile anche nella “nuova” Fantastic Four. Ma a questo punto vi chiedo: secondo voi, questa resurrezione “temporanea” di Johnny Storm era necessaria oppure no?

Continua a leggere: USA - Marvel Comics: polemiche sull'ospite "speciale" del numero #600 dei Fantastici Quattro!

USA - DC Comics: presentato il "nuovo" Darkseid!

pubblicato da Francesco "Zoroastro" Fusillo

Darkseid DC Comics

La DC Comics sta sfornando news a un ritmo vertiginoso e oggi, amici e fans di Batman e soci, ne leggerete così tante da avere l’acquolina in bocca per almeno una settimana! Ma nel frattempo concentriamoci su un evento che, in previsione delle saghe future targate DC, potrebbe rivelarsi molto, molto importante…

Stiamo parlando del ritorno di Darkseid, il villan più potente che sia mai stato creato dalla casa editrice americana: nato originariamente dalla matita del “Re” Jack Kirby, il “nuovo” Darkseid è stato rielaborato un po’ dal grandissimo Jim Lee che, con la sua tecnica sopraffina, ha donato ad Uxas (vero nome del personaggio) un look conforme alla nuova era della DC. Tralasciando le normalissime discussioni sul look del personaggio (mi aspetto di vedere tanti commenti da parte vostra), la cosa che più mi preme sapere è il perché dell’inserimento di questo pericoloso villan già dal numero quattro della nuova Justice League, ed il motivo di così tanta preoccupazione da parte mia è presto detto: era davvero necessario reinserire Darkseid in un periodo “di assestamento” delle nuove testate? Non si poteva aspettare ancora un po’ prima di poterlo vedere nuovamente “all’opera”?

Da un certo punto di vista, però, posso ritenere che Geoff Johns abbia “i suoi piani” e, quasi sicuramente, si tratterà solo di una minisaga introduttiva del personaggio che, ricordiamo, non appare sulle testate DC dal 2009. E questa, probabilmente, sarà una buona occasione per tutti i giovani lettori DC per conoscere e “temere” un villan della caratura di Darkseid…sempre che Johns non l’abbia “depotenziato”!

Continua a leggere: USA - DC Comics: presentato il "nuovo" Darkseid!

....
condividi 2 Commenti

USA - DC Comics: annunciato il ritorno dei Challengers of the Unknow

pubblicato da Francesco "Zoroastro" Fusillo

Challengers of the Unknow DC Comics New 52

La DC Comics sta cominciando a progettare alcuni cambiamenti importanti sulle nuove testate e, a tre mesi dall’uscita del numero sei di DC Universe Presents, la casa editrice newyorkese ci fa sapere che il ciclo narrativo di Deadman finirà qui per lasciare spazio ai…Challengers of the Unknow!

E, gli editor, a chi potevano affidare il rilancio di questi supereroi creati dal “Re” Jack Kirby per la DC Comics nel lontano 1957? Ma ovviamente a Dan DiDio e Jerry Ordway che, ora, avranno il non facile compito di riportare “in auge” il supergruppo di cui, da qualche anno, si erano ormai perse le tracce (la loro ultima apparizione/incarnazione è stata in The Brave and The Bold). Probabilmente, come è accaduto per i tanti supereroi “rilanciati” dalla DC Comics, anche la storia dei Challengers of the Unknow sarà completamente rinarrata e, come una nota su The Source ci informa, l’unico a cui poteva essere affidato questo compito è proprio DiDio che, con O.M.A.C. , ha dimostrato d’avere parecchia “confidenza” con le storie del compianto Kirby.

Ma sarà davvero così? DiDio rinarrerà “fedelmente” le origini dei Challengers of the Unknow o si lancerà in qualcosa di totalmente nuovo? Non ci resta che aspettare il numero sei di DC Universe Presents e, finalmente, sapremo la verità su questo preannunciato rilancio!

Continua a leggere: USA - DC Comics: annunciato il ritorno dei Challengers of the Unknow

....
condividi 2 Commenti

USA - Dark Horse: realizzata un'action figures...su Spider-man!

pubblicato da Francesco "Zoroastro" Fusillo

Dark Horse Comics Spider-man Action Figures Statuetta 01

La Dark Horse Comics è una casa editrice abbastanza particolare: riprendendo quanto fatto in precedenza da Todd McFarlane (che, oltre a curare gli interessi della Image Comics, è proprietario della McFarlane Toys e della Todd McFarlane Entertainment), gli editori della DH hanno, da tempo, dedicato una sezione della casa editrice che pubblica esclusivamente action figures e statuette varie.

Non dovrebbe far strano, quindi, vedere un’action figure dedicata al mitico Spider-man “anni sessanta”…eppure, quasi sicuramente, anche voi vi sarete posti questa domanda: perché la Dark Horse ha pubblicato un’action figure dedicata a un personaggio di una casa editrice “concorrente”? La risposta ce la da, parzialmente, proprio la Dark Horse nella pagina di presentazione della statuetta, dove è specificato che questa nuova serie di action figures dedicate alle icone del mondo del fumetto sarà, ovviamente, solo un “tributo” a quello che hanno rappresentato (e che continuano a rappresentare) i grandi supereroi americani nell’immaginario collettivo fumettistico. Infatti questo Spider-man anni sessanta non rimarrà solo per molto tempo perché, a detta della Dark Horse, ci saranno nuove uscite dedicate sia ai Fantastici Quattro che ai supereroi più grandi del passato!

Di certo sarebbe interessante sapere quanto la Dark Horse ha “sborsato” alla Marvel per poter realizzare un’action figures su Spider-man, ma credo che queste cose siano più roba “da fumettari” che non da collezionisti! Questi ultimi, poi, saranno sicuramente felici nel sapere che l’action figure in questione (molto carina e fedele a quel che è stato lo Spider-man di Lee/Kirby/Romita) è stata prodotta in soli 2.000 pezzi ed è commercializzata, come potete vedere voi stessi, in una bellissima scatola di latta (chiaro omaggio ai giochi anni 60/70). Certo, “sborsare” circa 50 dollari per un’action figure non è roba da tutti, ma essendo un pezzo da collezione sono sicuro che molti di voi hanno già messo le mani al portafoglio!

Continua a leggere: USA - Dark Horse: realizzata un'action figures...su Spider-man!

....
condividi 0 Commenti

USA - I diritti delle storie di Jack Kirby rimangono alla Marvel!

pubblicato da Francesco "Zoroastro" Fusillo

Jack Kirby Wikipedia

Il giudice federale di New York Colleen McMahon ha messo la parola “fine” ad uno dei capitoli più dolorosi ed intricati della “giustizia fumettara”…

Con un faldone di ben cinquanta pagine, McMahon ha stabilito che i diritti sulle opere di Jack Kirby rimarranno alla Marvel Comics che, in questi anni, ha dovuto combattere una pesantissima battaglia legale con gli eredi dell’autore newyorkese. Eredi che, per ottenere la paternità e quindi il copyright di tutte le opere dell’autore, hanno sempre dichiarato che Kirby ha lavorato per Marvel come collaboratore esterno (usando lo sgradevole termine di “worker-for-hire”) mentre la casa editrice, di tutta risposta, è riuscita a dimostrare che “Il Re” ha sempre ricevuto compensi adeguati al grado di collaboratore interno. Per la vittoria della causa da parte della Marvel è stato necessario anche l’intervento di Stan “The Man” Lee che, in tutta onestà, è apparso più volte ai piedi della corte per dimostrare che Kirby non era un “lavoratore a cottimo”, ma un membro stabile e fidato dello staff.

Ora, grazie a questa sentenza, la Marvel potrà ripubblicare tutte le opere di Kirby senza dover tener conto degli eredi dell’autore che, probabilmente, non staranno con le mani in mano e cercheranno, sicuramente, di usare qualche altro cavillo per recuperare i diritti del defunto Re. L’unica cosa che dispiace è vedere come Kirby è stato trattato da eredi e collaboratori, ma questo fa purtroppo parte “del gioco”…un gioco che, speriamo, non si ripeta mai più.

Continua a leggere: USA - I diritti delle storie di Jack Kirby rimangono alla Marvel!

....
condividi 4 Commenti

Snack Time - Astonishing Spider-Man Wolverine 1 (il fumetto Marvel dell'estate 2011)

pubblicato da Marcello "Marte" Durante

Jason Aaron e Adam Kubert fanno risplendere Spider-Man e Wolverine

Il Fumetto: Prendere autori di un certo calibro e affidare loro miniserie con protagonisti i più grandi tra gli eroi si sta rivelando una mossa vincente. Astonishing Spider-Man Wolverine è inserito il un progetto Marvel che propone l’incontro artistico di grandi personalità. In questo caso abbiamo la nuova star Jason Aaron e la divinità Adam Kubert. Panini Comics con grande orgoglio ha intrappolato il tutto nei suoi agili volumetti brossurati da 48 pagine (saranno tre in tutto) che sono spesso sinonimo di qualità.

Soggetto&Sceneggiatura: Il fumetto più bello dell’estate Marvel. Viaggi nel tempo assurdi ed una coppia come Spider-Man e Wolverine che dovrebbe essere riproposta più spesso per il loro carattere diverso, contrastante e mai in sintonia. Jason Aaron esagera e ci regala due episodi ad altissimo impatto emotivo, come se le storie facessero parte di una serie regolare e dovessero in qualche modo segnare la storia degli eroi per sempre. Il lavoro dello sceneggiatore non è per niente svogliato; si nota un impegno inatteso nel comporre prima il soggetto, poi la sceneggiatura. L’espediente dei viaggi nel tempo, della mutazione della realtà e l’inserimento di un nemico alquanto misterioso incollano il lettore alle pagine, divertendolo con i siparietti ripetuti messi in scena dal burbero mutante che mal sopporta l’intrusione schizofrenica di un troppo agitato Peter Parker. La sceneggiatura è fluida dalla prima all’ultima pagina, i dialoghi dimostrano una particolare sintonia tra l’autore ed i due protagonisti che sono caratterizzati alla grande. Determinate trovate come la fusione tra il Pianeta Ego e Destino sono splendide chicche che sempre più raramente vengono riscontrate in produzioni del genere.

Disegni: Da dove iniziare? La sola copertina, una doppia tavola dove i protagonisti sono sospesi nel vuoto, deve convincere l’acquirente a puntare forte su questo prodotto elaborato da un Adam Kubert ai massimi livelli. All’interno è tutto perfetto, tutto! Ambientazioni da urlo, vignette dettagliate con cura impressionante, un tratto sottile che permette di offrire massima pulizia alle tavole. L’espressività dei personaggi è ideale per coglierne l’umore ed ogni figura è proporzionata a dovere amalgamandosi con grazia con sfondi mai piatti ed anonimi. La colorazione di Justin Ponsor dona le giuste atmosfere, senza appesantire i disegni e variando perfettamente in base agli scenari proprosti.

Presentazione: MARVEL MINISERIE 115 ASTONISHING SPIDER-MAN WOLVERINE 1 (DI3)17×26, B., 48 pp., col.MARVEL ITALIA Disponibile dal 14/07/2011 prezzo: € 3.00 All’Interno: Una nuova miniserie “Astonishing” in tre uscite! Sperduto in una terra dimenticata dal tempo, Peter Parker alias Spider-Man è ridotto all’ombra di quello che era, e ormai trascorre le sue ore a catalogare insetti. Logan, che per qualche bizzarro motivo ha fatto il viaggio con lui, non gli è di grande aiuto, anche perché passa il suo tempo in mezzo a una tribù di uomini di Neanderthal. Come sono finiti in questo bel pasticcio? Chiedetelo pure a Jason Aaron e Adam Kubert, gli autori della miniserie!

Commento finale: Questo incontro anomalo tra il Ragno ed il Canadese si rivela una sorpresa di alto livello. Il lettore è accontentato da tanti punti di vista, narrativi e grafici. Gli omaggi alla letteratura fumettistica del passato (Jack Kirby è vivo come non mai tra queste pagine) sono una ciliegina sulla torta che delizia appassionati di tutte le generazioni.

Voto complessivo: 7,5 [Rivelazione!]

....
condividi 0 Commenti