Miniserie formato Bonelli - vi convincono?

miniserie

Le miniserie formato Bonelli si stanno ritagliando una buona fetta di mercato italiano.

Le case editrici più illustri stanno puntando con continuità su questi prodotti, coinvolgendo autori di una certa caratura, che sposano l'idea volentieri e senza perdersi in chiacchiere. Realizzare un'opera propria, non troppo impegnativa, è sempre meglio di spuntare saltuariamente in qualche serie nota finendo per scomparire tra le firme dei colleghi. L'autore assume un ruolo da protagonista e la sfida è più entusiasmante. Anche per questo, per adesso, è stato posto un freno a nuove serie regolari che puntino a superare i due anni di pubblicazioni.

Quando una miniserie ottiene il giusto successo può essere premiata ulteriormente dall'editore che ne permette il proseguimento attraverso una nuova stagione (Nemrod della Star Comics ha avuto un prolungamento notevole), o una nuova miniserie allegata (presto arriverà Shanghai Devil, il seguito di Volto Nascosto di Gianfranco Manfredi). È assai probabile ritrovarsi tra le mani speciali annuali che tengono legati e premiano quella fetta di fan acquisiti e rimasti soddisfatti dall'opera che non saranno costretti a tormentare l'editore per leggere avventure inedite del loro nuovo beniamino (non si contano più gli speciali di Brad Barron). Un personaggio della defunta Eura, Detective Dante, ha fatto anche un'apparizione in John Doe (chiedete il perché a Bartoli e Recchioni). Il meccanismo funziona e continuerà a dare profitti nel prossimo decennio. Chi viene conquistato da un'idea editoriale è chiamato a seguire proprio tutti gli albi prodotti, poiché ognuno di essi diventa un tassello fondamentale per seguire la storia nel suo complesso. Non sono ammesse distrazioni! Anche Panini Comics ha tentato di allacciarsi a questa tendenza (David Murphy dello stesso Recchioni, disegnata da Matteo Cremona), ma non dimostrando di crederci troppo e preferendo concentrarsi sulla propria mole smisurata di proposte. In questo periodo stanno per essere introdotte The Secret di Giuseppe Di Bernardo/Michela Da Sacco e Dr. Morgue di Rita Porretto, Silvia Mericone/Francesco Bonanno. Vi sta convincendo questa tendenza di lanciare numerose miniserie?

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.

10 commenti Aggiorna
Ordina: