Spoiler capitolo 623 di One Piece

Spoiler capitolo 623 di One Piece

C'è stato un piccolo "pro-quo-quo" la settimana scorsa circa i capitoli in prossima uscita di One Piece, Naruto e Bleach: come sapete, in Giappone iniziava la Golden Week (che, ricordo, si chiude proprio oggi) ma alcuni, fortunosamente, sono riusciti a "mettere le mani" sul numero in prossima uscita del WSJ. Però questo non cambia niente perché, pur avendo dato i capitoli con una settimana di ritardo, saremo in perfetta "connessione editoriale" con il Giappone già dalla prossima settimana! Ricordiamo a tutti i lettori dell’edizione italiana di One Piece di non proseguire nella lettura mentre, se seguite la serializzazione giapponese del manga, potete tranquillamente usufruire dei nostri spoiler.

Dopo il salto troverete il riassunto breve del capitolo 622 e gli spoiler (con immagini) del capitolo 623.

Cosa è successo nel capitolo precedente:

Fisher Tiger, a colloquio con Nettuno, svela al regnante che ha attaccato un Tenryuubito perché questo teneva in schiavitù alcuni uomini-pesce e lui, mal sopportando la cosa, ha deciso di liberarli. Ma quest'atto potrebbe essere considerato ostile dagli umani che, dopo tanto tempo, hanno riconosciuto l'isola degli uomini-pesce ed hanno invitato i regnanti a partecipare al Reverie...Reverie in cui Otohime ripone tutte le sue speranze per una lunga e pacifica coesistenza con gli umani! E, mentre la regina cerca di convincere gli abitanti dell'isola degli uomini-pesce della bontà del Reverie, Fisher Tiger organizza una ciurma di pirati che ha, come unico scopo, quello di liberare gli uomini-pesce dalla schiavitù degli umani!

Le azioni di Tiger sono in netto contrasto con la pacifica e democratica opinione di Otohime sugli umani e, mentre l'avventuriero solca i mari insieme ad Arlong e Jinbei liberando quanti più uomini-pesce possibile, la regina si impegna in prima persona nella raccolta di firme per il Reverie. Ma gli echi delle imprese di Tiger e la sua fama come liberatore di schiavi precedono, seppur di poco, le ambizioni di pace della regina che, giorno dopo giorno, incontra sempre più difficoltà nel far firmare ai suoi sudditi la partecipazione al Reverie. Tiger stava quindi "surclassando" la regina, ma per l'avventuriero non sempre le cose andavano per il verso giusto: più di una volta il pirata ha dovuto frenare gli istinti omicidi di Arlong che, accecato dall'odio verso gli umani, spesso è arrivato quasi ad ucciderli. Ma Tiger non vuole assolutamente che si uccidano degli uomini: il loro scopo è solo quello di liberare gli schiavi e di convincere gli umani che sulla loro ciurma non ce ne sono...anche perché, grazie al tatuaggio dei Pirati del Sole, il "marchio" della schiavitù è coperto al 100%!

E, mentre le cose per i Pirati del Sole andavano per il verso giusto, un giorno viene affidato a Tiger un bambino umano che è stato prigioniero/schiavo dei Tenryuubito per tanto tempo e che, ora, vorrebbe tornare a casa. Tiger accetta la "missione" e, caricato il bambino a bordo, i Pirati del Sole partono per la terra natia del fanciullo (che si chiama Koala). Sin da subito Arlong inizia ad avere un atteggiamento aggressivo nei confronti di Koala e, un giorno, il pirata (infastidito dal perenne sorriso del bambino) inizia a picchiarlo selvaggiamente. Gli altri pirati riescono a fermare Arlong prima che il bambino possa farsi seriamente del male e questo, raggiunto da Jinbei, inizia a pulire il ponte farfugliando qualcosa sul fatto che lui "non ha paura" e che "eseguirà tutti gli ordini con il sorriso". Tiger capisce che Koala è uno schiavo al 100% e, preso il bambino, lo porta in cabina e gli cambia il marchio infliggendogli il tatuaggio dei Pirati del Sole. E, per dimostrare che lui è diverso dai Tenryuubito, Tiger getta una pistola in acqua e dice a Koala che nessuno gli farà del male! Commosso, Koala può finalmente piangere mentre Tiger, con un urlo, carica i suoi uomini dicendogli che porteranno a termine la loro missione...come sempre!

Spoiler capitolo 623:

La ciurma dei Pirati del Sole si prende cura di Koala e, dopo averla rivestita e ripulita, ora quella che sembrava un bambino è in realtà una bellissima bambina. La piccola dice ad Hacchan che tutto questo non era necessario e quando il pirata, senza volerlo, spaventa la bambina dicendole che qui può fare quello che vuole, Koala inizia istintivamente a pulire il ponte della nave! Hacchan le spiega che non deve fare così ogni volta che si sente "in pericolo" e Aladdin, medico di bordo ed ex-schiavo, dice ai ragazzi di farle fare quello che vuole perché la bambina è ancora molto traumatizzata dall'esperienza passata quindi, almeno per il momento, è opportuno che Koala si abitui alla sua "nuova vita" poco per volta...

Arlong, assistendo a questa "scenetta", dice ad Aladdin che lui è in grado di capire la bambina perché era un ex-schiavo come lei, ma non è sicuro che il medico abbia compreso le reali intenzioni degli umani. Arlong dice a tutti che gli umani vengono educati sin da piccoli a disprezzare gli uomini pesce e Koala, come tutti gli altri, avrà sicuramente lo stesso pensiero. La bambina inizia a pulire velocemente spaventata dalle parole di Arlong e Jinbei, che ha ascoltato tutto, dice al compagno che per quello che ha visto lui durante le loro avventure, gli umani più che "odiarli" paiono aver paura di loro. E così, incuriosito, Jinbei va da Koala e le chiede cosa la spaventa di loro e la bambina, continuando a pulire, dice che è perché "non sanno nulla di loro". La risposta della bambina ricorda a Jinbei le parole di Otohime e, mentre Hacchan è riuscito ad incuriosire Koala con un gioco, il "Cavaliere del Mare" riflette sulle parole che entrambe quelle persone così "diverse" hanno pronunciato riguardo al rapporto tra umani e uomini-pesce...

Koala diventa presto la "mascotte" dei Pirati del Sole e, per tutto il tempo in cui la piccola rimane sulla nave, Hacchan e gli altri la coinvolgono in tutte le avventure della ciurma. La piccola pare divertirsi insieme agli uomini-pesce, ma una volta arrivati all'Isola Full Shot (casa di Koala), la bambina deve dire addio a tutti i suoi amici che, ad eccezione di Arlong, piangono disperati! Fisher Tiger si offre di accompagnare Koala sino all'entrata del villaggio e così, dopo aver afferrato la manica della giacca dell'enorme pirata, la bambina saluta affettuosamente tutti gli altri e si reca, insieme all'enorme pirata, verso la sua vera "casa"...

Arrivati al villaggio, Koala viene accolta da tutti con le lacrime agli occhi mentre molti, con lo sguardo torvo, osservano l'enorme figura di Fisher Tiger che si allontana. Koala si volta e, piangendo, saluta Fisher Tiger con la mano e il pirata, accortosi del gesto della bambina, sorride felice. Ma, appena uscito dal villaggio, Tiger viene "accolto" da dei Marines che, ricevuta una soffiata, hanno preso il pirata alle spalle tendendogli li un agguato. Tiger rimane sconvolto mentre il resto della ciurma, che è rimasto sulla nave, viene cannoneggiato dai vascelli dei Marines...

Fortunatamente i pirati riescono a rubare una nave dei Marines e a recuperare Fisher Tiger prima che sia troppo tardi, ma le condizioni fisiche del pirata dopo l'attacco a sorpresa dei Marines sono davvero preoccupanti. Aladdin dice che vuole subito una trasfusione di sangue per Tiger, ma nessuno di loro ha lo stesso gruppo sanguigno del capitano. Fortunatamente, a bordo della nave della Marina, ci sono parecchie sacche di sangue e una di quelle potrebbe essere compatibile con il gruppo sanguigno di Tiger...ma questo, sentendo il "progetto" di Aladdin, dice al medico e agli altri che non vuole avere niente a che fare con quel sangue!

Tiger non accetta di ricevere il sangue degli umani perché questi non hanno mai imparato a conoscere gli uomini-pesce e preferisce, piuttosto, morire davanti ai suoi compagni! Tiger spiega a tutti che nel suo ultimo viaggio (quello antecedente alla formazione dei Pirati del Sole) egli è stato catturato dagli umani e tenuto come schiavo a Mariejois dove, insieme ad altri uomini-pesce, ha capito come si vive in schiavitù. E, riuscito a fuggire per una serie di circostanze fortunate, Tiger non se la sentiva di lasciare i compagni di prigionia nelle mani degli umani e per questo, insieme a Jinbei ed Arlong, ha fondato i Pirati del Sole. Ma lui è convinto che le parole di Otohime siano giuste e che ci sono degli umani in grado di comprendere e rispettare gli uomini-pesce anche se, durante questi anni, non ha mai capito se questa sua convinzione fosse vera o meno...solo grazie al periodo trascorso insieme alla piccola Koala Tiger ha capito che, seppur pochi, anche tra gli umani ci sono persone che sanno davvero cos'è il rispetto e l'amore. E lui vuole che questo ideale di pace sia condiviso da tutti per questo, ora che sta morendo, chiede a tutti i suoi compagni di non dire a nessuno che egli ha rifiutato il sangue di un umano per salvarsi la vita...perché, anche se lui non è riuscito ad accettare di reprimere il suo odio per gli umani, non è detto che gli altri non possano farlo!

Tiger è morto e, per qualche giorno, il mondo non ha saputo più notizie dei Pirati del Sole. Solo Arlong pare intenzionato a voler vendicare la morte di Tiger e, arrivato all'isola natale di Koala, il pirata si scontra con il terribile Kizaru. Questo viene a sapere da Arlong che Tiger è morto e, dopo aver sconfitto con facilità l'uomo-pesce, Kizaru dice al giovane pirata di andare con lui...

Spoiler capitolo 623 di One Piece
Spoiler capitolo 623 di One Piece
Spoiler capitolo 623 di One Piece
Spoiler capitolo 623 di One Piece
Spoiler capitolo 623 di One Piece
Spoiler capitolo 623 di One Piece
Spoiler capitolo 623 di One Piece
Spoiler capitolo 623 di One Piece
Spoiler capitolo 623 di One Piece
Spoiler capitolo 623 di One Piece
Spoiler capitolo 623 di One Piece
Spoiler capitolo 623 di One Piece

via | Mangahelpers

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.