Silver Spoon, primo capitolo online per il nuovo manga di Hiromu Arakawa (Fullmetal Alchemist)

Silver Spoon di Hiromu Arakawa

Gin no saji – Silver Spoon (Il cucchiaio d’argento) è la nuova serie regolare di Hiromu Arakawa, autrice ormai celebre tra gli appassionati per il successo internazionale di Fullmetal Alchemist. Come per Over Fence di Mitsuru Adachi, il sito “Club Sunday” di Shogakukan ha reso disponibile online il primo capitolo del nuovo manga della Arakawa, pubblicato sul numero 19 del settimanale Shonen Sunday il 6 aprile scorso.

Il giovane Yugo Hachiken aspira a rendersi indipendente dalla propria famiglia, quindi afferra al volo l'occasione di iscriversi all’Istituto tecnico agrario Nogyo-A di Hokkaido, che richiede ai propri studenti di vivere nel dormitorio scolastico. Yugo pensa che con le sue doti intellettuali sarà uno scherzo superare qualunque problema gli verrà proposto, ma si sbaglia di grosso! Al contrario dei suoi compagni, per un ragazzo abituato alle comodità della vita metropolitana il soggiorno e il lavoro in fattoria non saranno per nulla semplici... riuscirà a resistere?

Nella gallery in basso 12 delle 35 pagine dell'anteprima online sul sito ufficiale dell'editore giapponese. Segnaliamo anche che fino al 6 giugno sarà possibile sfogliare online le 40 pagine del terzo capitolo di Raiden-18 (cliccate sulla pagina in grande dopo il salto per accedere alla preview), one shot ripreso dall’autrice dopo cinque anni e ambientato in un mondo macabro in cui scienziati senza scrupoli creano per un concorso il proprio “mostro di Frankenstein” assemblando e ridando la vita a dei cadaveri. La Professoressa Tachibana è uno di questi “alchimisti” e la sua ultima creatura, guardacaso, proprio Raiden-18.

Gin no saji – Silver Spoon capitolo 1
Gin no saji – Silver Spoon capitolo 1
Gin no saji – Silver Spoon capitolo 1

Tutte le immagini sono (C) 2011 Hiromu Arakawa/Shogakukan.

Raiden-18

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.