Spoiler capitolo 539 di Naruto

Spoiler capitolo 539 di Naruto

Grande capitolo questo di Naruto! Masashi Kishimoto sta svelando dei colpi di scena niente male e, quando usciranno i tankobon degli ultimi capitoli, siamo sicuri che i lettori del manga rimarranno veramente a bocca aperta...potete giurarci! Ovviamente ricordiamo a tutti i lettori italiani di non proseguire nella lettura mentre, se seguite la serializzazione giapponese del manga, potete tranquillamente usufruire delle nostre anticipazioni.

Dopo il salto troverete il riassunto breve del capitolo 538 e le prime indiscrezioni (confermate e con immagini) del capitolo 539.

Cosa è successo nel capitolo precedente:

Naruto, usando il Chakra del Kyuubi, riesce ad illuminare il cammino suo e di Killer Bee che, ringraziando il ragazzo per la bella idea, viene "sgridato" dall'Hachibi che lo vorrebbe più vigile sulle mosse del suo "protetto"...

Ma Naruto sembra in grado di gestirsi da solo e, mentre sta saltando da una roccia all'altra, la Volpe a Nove Code lo "richiama" per dirgli qualcosa. Una volta davanti all'inferriata che lo separa dalla bestia, Naruto viene "interrogato" dal Kyuubi sulle sue vere intenzioni e su quel che vuole fare per questa guerra. Naruto, sorpreso di come il Kyuubi sia diventato così "loquace", dice alla bestia che parleranno dopo la guerra, ma è proprio questo quello di cui vuole parlare la Volpe ora: riuscirà Naruto a far fronte a tutto l'odio generato dalla guerra senza che questa lo "infetti" a sua volta? E come farà il ragazzo con quel poco potere che ha a vincere una battaglia del genere? Naruto, infuriato, si volta verso la volpe e gli dice che lui non è più un bambino e che troverà un modo per poter fermare l'odio generato dalla guerra ma Kyuubi, risentito eppur ancora convinto di poter convincere il ragazzo a cedere, ricorda al suo "contenitore" quel che avvenne tempo addietro con Sasuke. Naruto ricorda quando Iruka fece combattere lui e Sasuke in uno "sparring match" e, proprio in quell'occasione, il ragazzo vide negli occhi del compagno un odio talmente profondo che era impossibile da decifrare...un odio che, però, non era indirizzato verso di lui, ma verso qualcosa "che non c'era"...

Kyuubi dice a Naruto che se non è neanche riuscito a salvare una persona prima che l'odio la tramutasse completamente, per lui sarà praticamente impossibile salvare un mondo "ripieno" d'odio. Ma il ragazzo non sembra arrendersi e, dopo aver fatto finta di liberare il Kyuubi (che, probabilmente, cercava con i suoi giri di parole di convincere il ragazzo a "farlo uscire"), gli sbatte il colonnato in testa dicendogli che egli non è più lo stupido di una volta e che, in un modo o nell'altro, cercherà di salvare tutti quanti...Sasuke compreso!

Spoiler capitolo 539:

La Volpe, ricordando i vecchi eventi che lo legano a Naruto, nota come il "bambino" sia cresciuto diventando, giorno dopo giorno, sempre più tenace e sicuro di se. Naruto, sorridendo, dice al Kyuubi che lui non è più un bambino e un giorno, finita questa guerra, riuscirà a fare qualcosa anche per tutto l'odio che la bestia porta in se...perché, come dice il ragazzo, nonostante Kyuubi gli abbia fatto passare un sacco di guai, dev'essere veramente "schifoso" vivere la propria esistenza portandosi tutto quell'odio dentro! Kyuubi risponde dicendo che lui è una "massa vivente di pura malvagità" ma Naruto, con un gran sorriso, dice alla Volpe di non preoccuparsi...

Intanto, sul campo di battaglia, Neji crolla esausto per il troppo combattere e Kiba, notando che il compagno è in difficoltà, dice all'amico di andare subito in infermeria per curarsi. Kiba pensa che Neji abbia usato troppo il suo Byakugan per individuare la presenza dei nemici nelle vicinanze e così, per convincere il compagno ad andare al campo medico, il ragazzo fa notare all'amico che oltre ai suoi occhi c'è anche il "fiuto" del clan Inazuka...e a quello non si può sfuggire!

In una foresta, i resuscitati Nagato e Itachi camminano tenendosi l'un l'altro. I due, che paiono aver capito quello che sta succedendo, parlano sulle reali intenzioni dell'Akatsuki e di cosa potrà fare Madara con i loro preziosissimi occhi. Itachi pensa che chi li sta controllando userà le loro tecniche oculari quando ne avrà più bisogno e, visto che l'utilizzatore possiede sia uno shinobi con il Rinnegan che uno con il Mangekyu Sharingan, non è difficile intuire quali saranno le prossime mosse che questo vorrà compiere. E Nagato, dopo aver sentito quello che Itachi ha da dirgli, risponde dicendo che il "compagno" è sempre stato "avvolto nelle tenebre"...

Nel frattempo, al campo allestito come pronto soccorso/ospedale, vediamo Sakura e gli altri shinobi medici prendersi cura dei feriti. Il lavoro pare senza fine e Neji, arrivato davanti alle guardie sensoriali preposte dinnanzi all'entrata, viene "esaminato" accuratamente da queste prima di entrare nell'ospedale da campo. Sakura nota che l'amico è entrato e, vedendolo un po' "smarrito", la ragazza lo fa entrare nella sua tenda per prestagli le cure necessarie. Finiti i vari bendaggi, Sakura dice a Neji di approfittare un po' della situazione per riposarsi, ma mentre i due stanno parlando uno shinobi sconosciuto sembra "ascoltare" quello che i ragazzi si stanno dicendo...

Un ninja medico sta finendo di mettere a posto i suoi attrezzi quando, all'improvviso, un'ombra gli piomba alle spalle e lo uccide! La stessa sorte tocca ad altri due medici Jounin e, dopo aver scoperto gli omicidi, i responsabili del campo portano i cadaveri fuori ed avvisano Sakura di quello che sta succedendo. Sakura capisce subito che il nemico non può aver usato la tecnica della trasformazione per infiltrarsi nel campo visto che, avendo alle porte dei ninja sensoriali, questi sarebbero riusciti immediatamente a scovarlo. L'unica soluzione possibile a questo giallo è che uno dei ninja presenti sul campo sia una spia controllata dal nemico e Neji, accortosi di quanto sta succedendo, propone agli altri di usare il suo Byakugan per scandagliare la zona e cercare di capire chi può essere l'artefice di questi misfatti. Anche lo shinobi che prima ascoltava Sakura e Neji osserva la situazione dall'ombra e lo Hyuga, accortosi della sua presenza, si volta verso l'uomo non riuscendo, però, a trovarlo...

La situazione è delicata: il nemico sa che i ninja medici sono importantissimi per l'alleanza degli shinobi e, mettendoli nella situazione di sospettarsi l'uno contro l'altro, Madara ha fatto si che nel campo ci siano dei "malumori". E, nonostante Sakura si sia raccomandata di non farsi prendere dal panico, alcuni medici cominciano a sospettare che i dottori preposti al cambio turno siano in realtà le famose "spie" di Madara. Interviene Neji che, in una delle tende, dice ai medici di non farsi prendere dal panico e di continuare a lavorare come se niente fosse. Ma Neji pare preoccupato soprattutto per Sakura e, dopo aver calmato i due dottori, dice a questi di indicargli dove si trova la tenda dell'amica. Rassicurato dall'impegno di Neji, uno dei ninja medici chiede al ragazzo se ha già trovato la spia e questo, dopo aver risposto di si, attacca i due medici uccidendoli...la spia è proprio lui!

Sakura, che si trova nella sua tenda, viene avvicinata dallo shinobi che la stava osservando nell'ombra. Questo altri non è che un ferito curato dalla ragazza che, innamoratosi di lei, le consegna una lettera d'amore prima di tornare sul campo di battaglia. Sakura accetta i sentimenti del ragazzo, ma ovviamente risponde dicendo che ella è già innamorata di un altro uomo. Ma mentre i due stanno parlando, Neji si avvicina minaccioso alla tenda di Sakura...cosa succederà?

Spoiler capitolo 539 di Naruto
Spoiler capitolo 539 di Naruto
Spoiler capitolo 539 di Naruto
Spoiler capitolo 539 di Naruto
Spoiler capitolo 539 di Naruto
Spoiler capitolo 539 di Naruto
Spoiler capitolo 539 di Naruto
Spoiler capitolo 539 di Naruto
Spoiler capitolo 539 di Naruto
Spoiler capitolo 539 di Naruto
Spoiler capitolo 539 di Naruto
Spoiler capitolo 539 di Naruto

via | Mangahelpers

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.