Secondo Voi - Ars Regia volume I di Martini, Bettanin, Bovo

ars regia

La saga di Harry Potter (cinema compreso) ed i suoi fans sono rimasti a mani vuote.

Ci ha pensato Cyrano Comics a riempire questo grande vuoto, lanciando un fumetto intitolato Ars Regia e che può essere considerato come una parodia tutta italiana della saga che ha conquistato il mondo intero. Ars Regia non è solo parodia, ma è proprio il racconto delle vicende più o meno assurde che si sviluppano all'interno di una scuola di magia. Il tocco puramente magico di questa produzione si percepisce sin dal primo impatto. La cover non è una cover, ricorda piuttosto uno scrigno in legno, un contenitore di altri tempi, con sopra stampato un sigillo che il lettore dovrebbe violare senza esitazione. Nel sigillo leggiamo: Hic est draco caudam suam devorans. Un volume da sfogliare con cautela, dotato anche di Parental Advisory – Explicit Content, suggerimento utile a capire che gli autori non si sono rivolti ad un pubblico infantile: sesso, droga e fancazzismo sono solo alcuni dei caratteri distintivi della Scuola Professionale di Magia di Porco Rosso.

E' alto il rischio di finire vittima di un qualche incantesimo, quindi è bene indicare immediatamente i responsabili reali di questa questa produzione alquanto originale: Enrico Martini alias Nebbioso, Enrico Bettanin detto Il Betta e Suri nota un tempo come Eleonora Bovo. L'introduzione all'opera è molto simpatica, poiché “la redazione” ha preferito far parlare proprio il libro, come se fosse animato. Poche frasi bastano per capire chi sono i protagonisti che animano la Scuola fondata da messer Aleister Crowley in Italia: Ed, Vittorio ed i tanti alunni fuori controllo. Il libro è diviso in sei capitoli (scritti di Martini), più un capitolo extra (scritto da Bettanin e Suri) e vari “racconti speciali” inseriti tra le varie storie a fumetti.

LE STORIE

Capitolo 1 – Mille Bolle Blu: E' forse il capitolo più difficile da affrontare. La narrazione all'inizio è poco fluida e l'impatto con i personaggi non è immediato poiché il lettore si trova proiettato in un'ambientazione tutta nuova ed animata da personaggi inediti. Nei passaggi finali spicca la caratterizzazione dei vari personaggi che va ad evidenziare la giocosità della trama, basata sulle dinamiche variopinte messe in moto da ragazzi che ben conosconol'arte del “fumo”.

Capitolo 2 – Benvenuti a Porco Rosso: Questo capitolo è tra i migliori del libro. Molto astuto l'autore a presentare l'ambiente circostante con l'espediente della “visita degli ospiti illustri”, dove vengono illustrati alcuni segreti propri dell'istituto. Da favola la tavola d'apertura, con un personaggio senza nome, ma ben riconoscibile, un passeggero di disneyana memoria. Tracce ironiche di erotismo tengono alta l'attenzione.

Capitolo 3 – Strano posto, Strana gente. C'è anche la politica nel progetto di Martini e ci sono anche gli scambi interculturali. L'Erasmus è previsto anche per i corsi di magia. Andando avanti con la lettura fuoriescono certi aspetti particolari che fanno notare l'impegno dello sceneggiatore a non voler presentare una storia fatta solo di bizzarrie e situazioni buffe, ma la rappresentazione “magica” della realtà.

Capitolo 4 – E allora Samba! E' una storia di passaggio. L'autore si rilassa facendo sfogare “orso e lepre” in un variopinto scontro (in b/n) fatto tutto di magie proibite. Ogni scuola ha i suoi elementi problematici, soggetti che danno un senso alle loro giornate attraverso piccoli fatti illeciti e non cattivi che stimolano la fantasia. Il tutto si interrompe infatti sul più bello. La fuga di Edward finisce tra un i corpi nudi di diverse donne...

Capitolo 5 – L'isola Aeaea. Cosa dire di più? Storia e leggenda si mescolano per partorire un paradiso islamico e maschilista. Un solo uomo circondato da tanta bellezza, tutta a sua disposizione. Il maschio è fragile e schiavo della donna. Basta poco per trasformare un ragazzo in una marionetta al proprio servizio. Buoni i vari riferimenti velati ad alcuni capisaldi della letteratura.

Capitolo 6 – Di scoiattoli e di altri guai. Sul più bello tutto svanisce. Pessimismo o solo un espediente per farci sorridere ancora una volta? Martini chiude il suo primo ciclo di storie con un pericoloso annuncio di morte da parte di un mago oscuro. Risulta buono il suo spezzare la storia e passare da un contesto erotico (la maga Circe dovrebbe essere in ogni fumetto) ad uno più cupo e teso. Proprio nel finale ci si rende conto che Edward è ormai stato selezionato come vero protagonista dell'opera. I capitoli finali sono nettamente superiori ai precedenti poiché si leggono in modo più spedito e meno confuso e mostrano che gli autori hanno scelto, finalmente, quale deve essere l'iter narrativo più adatto.

Capitolo Extra – La dura strada dei prescelti. Lo chiamano capitolo extra, ma si incastra perfettamente nella storia principale, anzi è un capitolo fondamentale. Bettanin e Bovo lo scrivono e lo sceneggiano con uno spirito ben diverso da quello di Martini ed il risultato è sorprendente. Lucilla è la protagonista-antagonista e la sua caratterizzazione è eccellente, poiché si riesce subito ad inquadrare la sua personalità, le sue capacità di interazione. Un personaggio profondo, brillante ed in cerca di riscatto. Lo scontro/gara tra sceneggiatori è palese: chi tra Lucilla ed Edward avrà la meglio?


I DISEGNI

Capitolo 1 – Il primo episodio disegnato da Bettanin soffre una sceneggiatura caotica che racchiude in poche pagine più del dovuto. La migliore tavola è sicuramente quella iniziale, dinamica al massimo e che introduce lo stile ironico e fresco dell'artista.

Capitolo 2 – Con il giusto spazio a disposizione Bettanin si esalta ed offre la sua versione quasi umanizzata di un personaggio Disney. Si ha subito la sensazione che i suoi disegni con una giusta colorazione possano acquisire maggiore profondità e spessore. Escluse alcune angolazioni un po' troppo libere, il resto funziona e determinate vignette mettono in luce le potenzialità di Enrico.

Capitolo 3 – Il primo intervento a colori non si scorda mai; c'è, infatti, una tavola colorata da Alessandra Lupo che si inserisce a dovere tra le altre, visto che è una tavola cruciale dove vengono messi in luce alcuni tra i soggetti più rappresentativi. Buona l'espressività che Bettanin offre ai personaggi, consigliando la giusta atmosfera della storia.

Capitolo 4 – L'ultima tavola è la più interessante di tutto il volume. Gli studiosi la analizzeranno per anni, per capire cosa ha spinto l'autore a scegliere determinati parametri artistici, arrivando a creare uno stile tutto originale, evocativo ed innovativo. Descriverla non è facile: cinque o più donne seminude al cospetto di un solo uomo e di Obelix. Ditemi voi se è facile mantenere alta la concentrazione mentre si disegna una scena così provocante.

Capitolo 5 – La reazione più naturale ad una nudità femminile è... Questo non è il luogo più adatto per sottolineare tale particolare, diciamo solo che Bettanin ha consegnato una statuetta dell'oscar al protagonista, il quale ha ben deciso di esporla all'interno dei suoi bermuda. Belle le prime tavole dove si nota lo sforzo di “antichizzare” i disegni.

Capitolo 6 – Quale è il miglior modo per chiudere la storia principale? Certamente realizzando la tavola più bella. Il mago oscuro che spunta fumante, puntando la bacchetta magica contro il protagonista (colori della solita Alessandra Lupo) offre un giusto motivo per continuare la lettura... Attenzione: in questo capitolo il disegnatore ha tratteggiato una torre di troppo. Riuscirete a trovarla?

Capitolo Extra – Il volume si chiude con le matite di Eleonora Bovo. Il suo stile ben si adatta ad Ars Regia, non provocando alcuna discontinuità artistica. E' piacevole il suo modo di delineare l'espressività dei personaggi, i quali risultano vitali e dinamici.

COMMENTO FINALE

L'arte di fare fumetto è nata come passatempo, come divertimento e Ars Regia incarna questo spirito primordiale, spingendosi un po' oltre nel suo affidarsi ad un linguaggio di strada e situazioni che possono essere definite moderne ed estrose. Si parla di sesso, di droga, di ragazzi/e in continuo movimento e lo si fa con le giuste dosi, per non rendere disturbante la lettura ai più sensibili. E' lo specchio (non magico) di una società che si conferma in declino, dove le regole sono solo ostacolo ad una libertà che cammina su strade non del tutto lecite. Il tutto fa sorridere perché risulta una visione un po' fantozziana dell'essere italiani in questo decennio.

PRESENTAZIONE UFFICIALE

Cyrano Comics Presenta… - n°4
“Ars Regia” - vol. 1
di E. Bettanin, Suri e Nebbioso
14.5x21, Incollato, 80 pp, colori e b/n, Euro 5,90

Ci hanno abituato a maghi inglesi, tutti presi con le loro cerimonie, i loro obiettivi e il loro principi inamovibili: onore, rettitudine e fratellanza. Provate ora a immaginare se una scuola di magia fosse fondata in Italia. Seriamente: pensate davvero che l’alunno medio possa far proprie le stesse forze motrici? O credete piuttosto che la butterebbe inevitabilmente a sesso, droga e fancazzismo? Se avete solo il minimo dubbio o se la vostra certezza vi fa già ridere sottecchi, vi invitiamo a seguire le avventure degli alunni della Scuola Professionale di Magia di Porco Rosso, narrate da Enrico Bettanin, dalla Suri e Nebbioso vincitori del Premio Via Roma 33 Cafè 2011.

Ars Regia

Vi piacciono i fumetti di magia? Nel catalogo Cyrano Comics troviamo anche un altro volume dedicato alla magia, intitolato Abracadabra. Cliccate qui per avere altre informazioni! https://cyranocomics.blogspot.com/2011/10/magiche-novita-per-lucca-2011-comics.html
Sinossi: Mettete una mano nel cilindro, senza badare alla sensazione di buio e di disagio, mischiate un po' e poi leggete la formula in copertina: ABRACADABRA! Da qui in poi, NO PANICO! Sono solo storie di magia, crude e dolcissime, ironiche e poetiche, comiche e disorientanti, come trovarsi in un mondo diverso, regolato da regole assurde. Basterà poi chiudere le pagine di Comics Factory abracadabra e tutto sarà finito. O forse no: con la magia non si può mai sapere!
La sfida tra Harry Potter e Cyrano Comics non finisce qui! Mentre Ars Regia è un tributo fumettistico, è stato rilasciato anche "Potterologia – dieci as-saggi dell’universo di J.K. Rowling"  di AA.VV. ( Pagine: 224 circa,  Prezzo: 10,00 euro).

Sinossi: Cosa accade se si riunisce in un solo volume un gruppo di esperti potteriani? Si ottiene un lavoro caleidoscopico come quello che avete in mano ora. Dieci colori e sapori diversi, insoliti, innovativi, disposti secondo una formula, quella antologica, ancora inedita per il panorama potterico italiano. Agili ma approfonditi, questi mini-saggi gettano luce su aspetti ancora insondati del mondo diHarry Potter e il lettore si troverà dunque a contemplare una girandola di spunti in grado di prolungare ancora un po’ il piacere di essere immerso nel fantastico universo creato da J.K. Rowling.

Per chiudere ogni argomento ecco un video animato sul fenomeno Harry Potter!

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.