Gundam, una nuova statua in scala 1:1 in Giappone

Dopo Odaiba, una nuova località giapponese avrà una statua dedicata al famosissimo mobile suit bianco.

In Giappone c’hanno preso gusto (o il flusso turistico è aumentato notevolmente) dato che hanno intenzione di realizzare una nuova statua in scala 1:1 di Gundam dopo quella famosissima di Odaiba e questa misurerà ben 20 metri di altezza.

A rivelarlo è stato un servizio del telegiornale sul canale televisivo giapponese Asahi TV (che potete vedere anche in questo post) che però non ha rivelato né la data in cui sarà completata l’opera e né tantomeno a quale dei vari mecha del mondo di Gundam sarà dedicato.

L’unica notizia certa è che verrà costruita in una zona adiacente all'aeroporto Haneda di Tokyo come parte di una nuova attrazione chiamata “Cool-J Project” e che sarà alta 20 metri.

Questo però non ha fermato i numerosi fan mondiali che subito sono partiti con le congetture, avendo come input il fatto che la statua del Gundam RX-78-2 che sta ad Obaida è in scala 1:1 ma è alta “solo” 18 metri.

Quale Gundam sarà?


Quindi non è sicuro che la nuova opera sia una statua dell’RX-78-2 come quelle di Odaiba (o anche di Hong Kong). Il popolo della rete ipotizza che non sia un robot dell’Universal Century (la linea temporale ufficiale) o se lo sarà potrebbe essere un modello Zeta Gundam o un Gundam MK-II (tratti dalla serie tv Kido Senshi Z Gundam), che però in scala reale sono alti 19 metri e non 20.

Qualcun altro ipotizza addirittura che possa essere l’enorme Nu Gundam de Il contrattacco di Char, che però è alto ben 23 metri e quindi oltre la dimensione prevista.

Non vedo l’ora che sia finita dato che devo ancora andare a visitare il Gundam di Odaiba e, approfittando del fatto che si trova a soli 15 minuti d’auto dall’Aeroporto Haneda, poter così fare un mobile suit tour (magari con una Toyota dedicata allo Zaku rosso di Char).

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.