Bilbolbul 2012 - I Ronfi di Adriano Carnevali e le storie di Francesca Ghermandi

Adriano Carnevali - Etcium

In una posizione un po' defilata ma comunque in pieno centro, c'è una doppia mostra ospitata dalla Cineteca di Bologna. L'esposizione si tiene in uno spazio in cui hanno avuto luogo vari laboratori di disegno per ragazzi tenuti dagli autori di Bilbolbul. Tra questi ci sono Adriano Carnevali e Francesca Ghermandi, i cui disegni occupano pareti e pannelli della sala, in una mostra comune che attinge alle loro produzioni per i più piccoli ma non si rivolge solo a loro.

"Ronfi e altre storie" offre una panoramica della produzione storica di Carnevali presentando originali e riproduzioni dei suoi fumetti, sia in bianco e nero che a colori.

Adriano Carnevali - Tavole originali

Insieme alle tavole degli improbabili roditori pigri noti come Ronfi, troviamo anche quelle di altri personaggi come Holmouse e Topson e soprattutto diversi racconti-giochi e rebus creati dall'ironico autore milanese per varie testate, a testimonianza della sua grande creatività e versatilità.

Adriano Carnevali - Holmouse e Topson

Una sezione della sala è invece dedicata alla Ghermandi, con una mostra complementare a quella nel Museo Civico Archeologico e chiamata "Non è mai troppo tardi". Il titolo viene da un fumetto per promuovere lo studio del tedesco ma accanto a questo troviamo anche disegni da altre produzioni.

Francesca Ghermandi - Mai troppo tardi

Ci sono infatti diverse tavole originali dal libro "Le avventure di Ulisse" e dal racconto breve "Il giorno del pacchino", apparso lo scorso anno sull'antologico Canicola.

Francesca Ghermandi - Pacchino

È tutto materiale rivolto a bambini e ragazzi ma che non per questo è di minore qualità o privo dell'accattivante segno grottesco per cui la Ghermandi è nota e amata.

Francesca Ghermandi - Ulisse

Entrambe le mostre si tengono nella sala espositiva Spazio Bilbolbul Ragazzi della Cineteca di Bologna, in via Riva di Reno 72 e resteranno aperte sino al 24 marzo dalle 9 alle 18 dal lunedì al venerdì e dalle 15 alle 19 la giornata di sabato 17 marzo e dalle 10 alle 18 sabato 24 marzo. L'ingresso è gratuito.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.