Spoiler capitolo 660 di One Piece

Spoiler capitolo 660 di One Piece

Gli eventi scorrono veloci in One Piece! Eiichiro Oda è il classico "treno" e, ora che ha ingranato, difficilmente si fermerà o rallenterà il ritmo della narrazione...tutto di guadagnato per noi lettori, quindi! Ricordiamo a tutti i lettori dell’edizione italiana di One Piece di non proseguire nella lettura mentre, se seguite la serializzazione giapponese del manga, potete tranquillamente usufruire dei nostri spoiler.

Dopo il salto troverete il riassunto breve del capitolo 659 e gli spoiler (con immagini) del capitolo 660.

Cosa è successo nel capitolo precedente:

Smoker e Tashigi hanno indossato, insieme all'equipaggio della nave, delle apposite maschere antigas per provare ad oltrepassare i grossi iceberg che bloccano un fiume, individuato dal viceammiraglio, che passa proprio in mezzo a Punk Hazard. E l'unico modo per farsi strada è, appunto, quello di "cannoneggiare" le enormi lastre di ghiaccio che bloccano il percorso del fiume!

L'azione si sposta su Rufy, Usopp, Zoro e Sanji che, bloccati da un lago metà freddo e metà caldo, stanno cercando di capire come fare ad oltrepassarlo. Zoro vorrebbe farsi una bella nuotata, ma visto che Robin e Rufy non possono stare a galla, Usopp risolve tutti i problemi dei ragazzi utilizzando uno dei semi raccolti durante i suoi due anni d'allenamento Boin che, dopo esser stato "lanciato", diventa una specie di barca/banana! Creati i remi con lo stesso procedimento, Usopp invita tutti a remare e, quando sono a metà del guado, il centauro precedentemente sconfitto da Rufy dice al "capo", che scopriamo si trova dall'altra parte del lago, di fermare quegli intrusi "violenti". Sentendolo chiamare così, i ragazzi pensano che quel "capo" sia appunto il "tizio" a cui si riferiva la voce del tipo che ha lanciato l'S.O.S. anche se, vedendo Zoro, la misteriosa figura che si staglia nell'oscurità pensa che i ragazzi siano, appunto, "amici" del samurai che ha affettato le sue truppe! E così, mentre Rufy e gli altri stanno per incontrare il "capo", Nami e Chopper stanno portando i bambini verso quella che "intuiscono" potrebbe essere l'uscita dell'edifico, con Sanji e Franky che proteggono l'avanzata degli amici dalle retrovie. E, mentre stanno combattendo, Franky nota che la testa è come affaticata e, interrogato, il samurai risponde che il suo corpo si sta dando un po' "da fare". Quello che la testa non sa e che è proprio Brook il nemico che il suo torso sta affrontando e, spaventato da quel corpo semovente che combatte così bene, lo scheletro canterino se la da a gambe per la paura!

Preoccupato per l'avanzata dei Marines di Smoker (arrivati ormai alle porte dell'edificio), il misterioso liquido senziente si ritira in alcuni alambicchi ordinando, ai suoi sottoposti, di nascondere tutto quel che potrebbe sembrare sospetto. Ma Smoker è arrivato, appunto, davanti alla porta dell'edificio e, dopo aver suonato più volte al citofono (una cosa un po' stupida che i suoi sottoposti gli fanno immediatamente notare), i marines vedono aprirsi l'enorme portone che rivela, infine, la figura di...Trafalgar Law! Spaventati, i marines del G-5 riconoscono il Law l'uomo che ha mandato al Governo Mondiale i cuori di 100 pirati per diventare Shichibukai...ruolo che, a quanto pare, ricopre! Ma Smoker non si lascia intimorire e, freddo come sempre, il viceammiraglio chiede a Law cosa ci fa li e questo, sorridendo, dice che Punk Hazard è la sua casa "delle vacanze"...

Spoiler capitolo 660:

Nami, Chopper e i bambini sembrano arrivati a quella che è l'uscita dal laboratorio e, mentre corrono, i ragazzi vengono a scoprire dai piccoli che queste persone li hanno "visitati" tempo addietro e che, reputandoli malati, hanno convinto i genitori dei bimbi a portarli con se in quell'enorme struttura. La cosa non convince del tutto Nami che, ad una rapida occhiata, non solo pensa che i bambini non siano malati, ma che qualcuno li abbia rapiti apposta per effettuare qualche sorta di esperimento...

Inoltre, sempre a detta dei bambini, quando questi "signori" sono andati a prelevarli, i piccoli non hanno avuto neanche il tempo di salutare i propri genitori perché, a dire dei "medici", questi avrebbero potuto infettarli. Chopper, allora, interviene dicendo che questa malattia doveva essere davvero "grave" e, dopo essersi preso un bel pugno da Nami, questo viene avvertito dalla ragazza circa il fatto che questa storia puzza di marcio da lontano un miglio. Comunque, per sicurezza, Nami chiede a Chopper di visitare i bambini una volta che saranno fuori di li, in modo da capire se questi sono stati davvero malati oppure no. Corri che ti corri, Chopper e Nami sembrano arrivati all'uscita e, arrivati davanti ad una stanza molto buia, la ragazza avverte subito freddo. Chopper non se ne rende subito conto (ha la sua bella pelliccia che lo protegge), ma qui succede qualcosa di inaspettato: i bambini sono già passati da quella stanza e, impauriti, questi dicono a Nami e a Chopper di non proseguire da quella parte. La ragazza non capisce come mai i piccoli non vogliano seguirli e, quando una bambina gli dice di guardare in alto, Nami aguzza un po' la vista riuscendo a scorgere, in quell'oscurità, una marea di corpi congelati attaccati ai muri! Terrorizzata, Nami abbraccia Chopper (anche lui in panico)...di chi saranno i misteriosi corpi che hanno appena visto?

Intanto, nelle retrovie, Sanji "capta" che Nami potrebbe essere in difficoltà (spacciando questa sua sensazione come "una imminente dichiarazione d'amore" da parte della ragazza) e, visto che lui e il cyborg sono riusciti a sbarrare bene la strada, il cuoco propone a tutti di "affrettarsi". Franky, osservando un paio di quei tipi "in tuta", nota che questi sono mezzi uomini/mezzi pecore e, insospettito, il cyborg vorrebbe capire cosa succede in questo misterioso edificio. Anche la testa vorrebbe saperne di più e, infuriato come sempre, il samurai chiede a Sanji di lasciarlo li perché vuole continuare la ricerca di suo figlio. Sanji, irritato, dice al samurai che se lui non lo trasportasse con le sue mani non andrebbe da nessuna parte e che, se vuole che loro l'aiutino a ritrovare sia il corpo che il figlio, la testa non dovrebbe far altro che chiedere. Ma il samurai non vuole avere debiti con dei pirati e, con un giro di parole, fa capire a Sanji che se "casualmente" loro volessero trasportarlo per un po' e "casualmente" venisse ritrovato il suo corpo, lui non ne sarebbe dispiaciuto! Quest'atteggiamento dell'uomo manda Sanji in bestia e, ricordandogli che sono in questa situazione perché è stato lo stesso cuoco a volersi prendere cura del samurai, Franky gli leva dalle mani la testa prima che il ragazzo tenti di fracassarla! Sanji lo sa, ma non avrebbe mai pensato che questo samurai potesse essere così cocciuto e, con un ghigno malefico, la testa dice al ragazzo che adesso dovrà continuare a trasportarlo...se per lui non è un problema! Beccatosi un bel po' di botte, il samurai viene comunque trasportato da Sanji anche se, per un po', l'uomo dice di non voler più parlare (per non ricevere altre "mazzate", ovviamente!)...

Nel frattempo, Smoker ha fatto ascoltare a Trafalgar Law la conversazione intercettata in cui un misterioso individuo ha lanciato un S.O.S. a cui i Mugiwara hanno risposto dove, distintamente, si sente che l'uomo al telefono ha dichiarato d'essere a Punk Hazard. Smoker taglia corto e, ricordandosi bene dell'incidente di Sabaody in cui Law è stato coinvolto insieme a Rufy e Kid, il "cacciatore bianco" inizia ad insinuare che tra l'ora Shichibukai e "Cappello di Paglia" ci sia un legame d'amicizia. A conferma di ciò, Smoker cita anche l'episodio in cui Law ha salvato Rufy dalle grinfie di Akainu (durante la guerra) aggiungendo, così, un altro "tassello" al mosaico accusatorio nei confronti del pirata. Law, per nulla intimorito, risponde dicendo che la Marina è molto brava a falsificare richieste d'emergenza e, quando Smoker risponde dicendo che quella telefonata non è stata una trappola congegnata da loro, lo Shichibukai lo invita ad andarsene perché, anche lui, non ne sa nulla. Smoker insiste dicendogli che queste "fesserie" non lo convincono, ma Law non vuole mostrare ai Marines la sua "residenza delle vacanze" in un isola che, come tutti sanno, è stata abbandonata dal Governo Mondiale e, quindi, "libera" da ogni vincolo. E, comunque, se mai Rufy "Cappello di Paglia" dovesse presentarsi a Punk Hazard, Law dichiara davanti a Smoker e alla Marina che lo catturerà sicuramente...

Mentre Law e Smoker parlano, si iniziano ad udire delle voci di bambini che dicono di non voler passare in mezzo a dei cadaveri congelati, ma quando viene menzionata un'apertura, si sente chiaramente che i passi di tante persone si stanno dirigendo proprio verso il portone. Di li a qualche secondo, Chopper "sfonda" la porta d'ingresso, seguito da una infreddolita Nami e da tutti i bambini! I Marines non riescono a credere ai loro occhi e, quando dalle retrovie spunta il "carrarmato Franky" insieme a Sanji e alla testa, la confusione si impadronisce di tutti! I bambini intonano, insieme a Franky e a Chopper, un canto per il "piccolo carrarmato Franky" concludendo, come sempre, con il "super" del cyborg, ma quando tutti capiscono che li fuori stanno succedendo delle cose strane, i canti si bloccano immediatamente! Chopper riconosce Law, ed anche Nami sembra ricordare il viso del pirata che, come abbiamo detto, ha incontrato i Mugiwara quando questi erano sbarcati all'arcipelago Sabaody. Nami inizia a sospettare che sia stato Law ad imprigionare i bambini nel laboratorio, ma Sanji nota che, oltre alla "bella signorina samurai", ci sono anche Smoker e dei marines poco raccomandabili...quindi, senza colpo ferire, Chopper e gli altri dicono ai bambini di tornare indietro e di cercare un'uscita secondaria!

Inizia il caos: Tashigi ordina ai Marines di non lasciarsi scappare Nami e gli altri, Sanji cerca di coordinare la fuga dei bambini indicandogli di andare dall'altra parte mentre Smoker, furioso, dice a Law che quest'isola è tutt'altro che disabitata...e che lui lo sapeva! Law pensa, tra se e se, che non avrebbe mai immaginato l'arrivo dei Mugiwara a Punk Hazard e, urlando che "quei pirati" causano davvero un mucchio di problemi, lo Shichibukai usa la sua tecnica per imprigionare la nave della Marina in uno dei suoi campi di forza! Sollevandola come fosse una piuma, Law dichiara che ora non può proprio permettere che la Marina se ne vada da li, aggiungendo che non avrebbe mai dovuto dire che l'isola era disabitata. Smoker, allora, sfodera i suoi pugnali dicendo a Law che quelli come lui devono essere fatti "a pezzi"...cosa succederà ora? Ci sarà davvero uno scontro tra Law e Smoker? E che ne sarà di Nami, Chopper, Franky e Sanji?

Spoiler capitolo 660 di One Piece
Spoiler capitolo 660 di One Piece
Spoiler capitolo 660 di One Piece
Spoiler capitolo 660 di One Piece
Spoiler capitolo 660 di One Piece
Spoiler capitolo 660 di One Piece
Spoiler capitolo 660 di One Piece
Spoiler capitolo 660 di One Piece
Spoiler capitolo 660 di One Piece
Spoiler capitolo 660 di One Piece

via | Mangahelpers

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.