Panini Comics - Le ultime leggende Marvel

elektra

Fine della corsa!

Questo articolo è un po' triste perché serve a segnalarvi la conclusione di una bellissima esperienza editoriale, che ha offerto al pubblico una marea di storie significative di una delle case editrici più importanti al mondo: Supereroi: Le Leggende Marvel! Entriamo nel mese (aprile) che determinerà la chiusura naturale di una proposta da edicola di successo realizzata da La Gazzetta dello Sport e Corriere della Sera in collaborazione con Panini Comics! Inizialmente ci aspettavamo soltanto trenta uscite, ma la formula scelta per riproporre storie non inedite, antiche e non, ha conquistato una grossa fetta di appassionati che hanno incoraggiato la casa editrice Panini ed i suoi partner a spingere sino a cinquanta numeri. Il numero 50 è anche simbolico, visto che può essere visto come il giusto omaggio al Cinquantenario Marvel. Anche per questo ogni volume era corredato da un ricco apparato redazionale e, soprattutto dalla rubrica “Marvel Story”, attraverso la quale è stata ripercorsa anno per anno la storia della casa editrice nata grazie alla genialità di Jack Kirby e Stan Lee. Aprile vi regalerà tre uscite veramente super e che possiamo riassumere così:

48) 02/04 – Iron Fist (Ed Brubaker, Matt Fraction, David Aja) – 192 pagine: The Immortal Iron Fist 1-6, Immortal Iron Fist: Orson Randall and the Death Queen of California

49) 09/04 – Elektra Assassin (Frank Miller, Bill Sienkiewicz) – 192 pagine: contiene Elektra Assassin 1-8

50) 16/04 – Devil Classic (Stan Lee, Gene Colan) – 272 pagine: contiene Daredevil 42-53

Avete letto bene! C'è anche Elektra Assassin di Frank Miller, un fumetto che ha fatto storia, basato sul personaggio legato in modo indissolubile a Devil. Solo grazie a questa rinnovata raccolta di storie potrete conoscere fino in fondo la più pericolosa assassina esistente. Grazie Panini Comics e cento di queste iniziative!

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.