La Corte di Cassazione ha confermato la condanna di Giorgio Forattini

forattini
La Corte di Cassazione ha confermato la condanna di Giorgio Forattini, della Mondadori e del direttore di Panorama Roberto Briglia per una discussa vignetta pubblicata nel 1998.

La Cassazione ha ribadito che il diritto alla satira è inviolabile ma al pari di ogni altra manifestazione del pensiero, non può infrangere il rispetto dei valori fondamentali della persona", come reputazione e dignità.

La vignetta tanto sgradita, uscita su Panorama, metteva in evidenza uno scheletro con una bilancia ed una pistola nelle mani, una sciarpa rossa, con un ciuffo di capelli bianchi che assumevano una forma di falce. Caselli sporse denuncia rivedendo in quel disegno se stesso e percependo un chiaro riferimento al suicidio del procuratore Capo della Pretura circondariale di Cagliari Luigi Lombardini, indagato dal pool di Palermo in relazione al sequestro di Silvia Melis. Quel terribile gesto infatti avvenne durante una pausa dell'interrogatorio che lo stesso Caselli e al pm stavano conducendo. La condanna, già stabilita in primo grado è del pagamento di 50 milioni di lire per danni morali.

Credete che il diritto alla satira sia stato violato?

via | Ansa

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.

10 commenti Aggiorna
Ordina: