"Kanojo ga Flag o Oraretara" anime, nuovi dettagli sul cast della serie

La serie light novel “Kanojo ga Flag o Oraretara” diventerà un anime: ecco i primi dettagli in merito a questo progetto.

Kanojo ga Flag o Oraretara anime

Animazione in arrivo per la serie light novelKanojo ga Flag o Oraretara”, ad opera di Touka Takei. Proprio nei giorni scorsi, attraverso il sito ufficiale di questo nuovo adattamento, sono stati riportati i dettagli in merito al progetto, compresi i nomi dei membri del cast e dello staff che si cimenteranno nella sua realizzazione. Per l’esattezza troveremo Ryota Ohsaka nel ruolo di Sōta Hatate, Ibuki Kido darà la voce a Nanami Knight Bladefield e Kana Asumi sarà Kikuno Shōkanji.

Inoltre Kana Hanazawa presterà la voce al personaggio di Megumu Tōzokuyama, Ai Kayano a quello di Akane Mahōgasawa, Yōko Hikasa presterà la voce a Rin Eiyūzaki, Ayaka Suwa sarà Ruri Ninjabayashi e infine Aoi Yūki darà la voce a Serika Ginyūin.

Per quanto riguarda lo staff dell’anime, che sarà prodotto presso la Hoods Entertainment, alla direzione troveremo Ayumu Watanabe, le sceneggiature sono state affidate a Takashi Aoshima e la realizzazione del character design sarà infine affidata a Shizue Kaneko. La serie anime sarà lanciata a partire dal mese di Aprile 2014.

Kanojo ga Flag o Oraretara, la trama


Ma scopriamo quale sarà la trama di questa nuova serie animata. Protagonista di “Kanojo ga Flag o Oraretara” sarà un ragazzo che riesce a vedere delle "bandiere" sopra le teste delle persone. Queste bandiere definiscono se una persona deve andare incontro a delle scelte importanti, scelte che possono ad esempio riguardare l’amicizia, l’amore, e persino la morte. Intenzionato a frequentare la Hatagaya Academy di Tokyo, il ragazzo si vedrà costretto a convivere con cinque splendide ragazze. Come si evolverà questa situazione?

Non ci rimane che attendere nuovi dettagli in merito al progetto.

via | ANN

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.