Pippi Calzelunghe, Hayao Miyazaki voleva farne un anime...negli anni settanta!

Tra le varie notizie curiose che circolano per la rete, è spuntato fuori un progetto davvero delizioso che avrebbe sicuramente attirato l'attenzione di molti...

Era il lontano 1971 e, in Giappone, l'animatore Hayao Miyazaki e il suo socio Isao Takahata avevano in mente di realizzare un adattamento a cartoni di Pippi Calzelunghe, romanzo scritto dall'autrice svedese Astrid Lindgren da cui, come sapete, è stata tratta una serie TV molto apprezzata dai bambini degli anni settanta. L'autrice fu contattata da Miyazaki e Takahata per parlare del progetto e, per loro sfortuna, la Lindgren non accordò loro il permesso di poter realizzare una serie animata dedicata a Pippi Calzelunghe. Di questa probabile serie si persero quindi le tracce, ma grazie ai ragazzi che curano la pagina Miyazaki and Studio GHIBLI LiveJournal, siamo oggi in grado di mostrarvi le immagini dei disegni preparatori che Miyazaki e Takahata avevano presentato alla Lindgren! Ma prima di vedere i disegni, cerchiamo di capire perché la Lindgren potrebbe non aver accordato ai due animatori giapponesi il permesso di creare un serie su Pippi Calzelunghe...

L'importanza di chiamarsi...Pippi!

Da quanto ci è dato sapere, pare che Hayao Miyazaki e Isao Takahata abbiano contattato la Astrid Lindgren nel 1971, a due anni di distanza dalla prima messa in onda della serie TV originale dedicata al romanzo di Pippi Calzelunghe (adattamento operato dal regista Olle Hellbom per il canale TV svedese SVT). Erano i primi anni settanta, e gli anime iniziavano timidamente a far capolino anche nelle TV europee anche se, come molti di voi sapranno, la vera invasione di cartoon giapponesi si avrà solo dopo la prima metà della stessa decade di cui sopra. Suppongo, quindi, che da parte della Lindgren ci sia stata un po' di diffidenza nei confronti del "prodotto anime", senza considerare che l'autrice avrà avuto sicuramente un contratto in esclusiva con la SVT di cui, purtroppo, non abbiamo conferma.

Un altro fattore da considerare è che ai tempi, nonostante avessero già iniziato a lavorare con profitto nel territorio giapponese, ne Miyazaki e ne tantomeno Takahata erano conosciuti fuori dai confini nipponici...insomma, erano due perfetti sconosciuti per la Lindgren!

Un progetto che poteva dare (e dire) molto

Quando vedrete le splendide immagini che Hayao Miyazaki e Isao Takahata avevano preparato per l'adattamento animato di Pippi Calzelunghe, sono sicuro che anche voi vi morderete il labbro come ho fatto io: i disegni erano davvero ben fatti e, se quello doveva essere il character design dei personaggi, sono sicuro che il prodotto sarebbe stato apprezzato da tutti, anche dai telespettatori svedesi! Un'occasione sprecata quindi, che ci fa capire come è davvero difficile per un produttore riuscite ad avere la possibilità di poter lavorare su un prodotto che avrebbe potuto avere del potenziale.

Datevi un'occhiata ai disegni preparati da Miyazaki e Takahata per l'occasione, perché sono davvero bellissimi!

via | Comics Alliance

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.