Samurai Warriors, anime e fumetto a Marzo 2014

Nuovo anime in vista per il videogioco Sengoku Musou (Samurai Warriors).

Sengoku Musou

Il videogame per PlayStation 2 e Xbox "Sengoku Musou" (Samurai Warriors) diventerà presto un anime. L’annuncio è stato lanciato nei giorni scorsi dalla stessa Tecmo KOEI, in occasione del decimo anniversario del lancio del videogame, avvenuto per l’appunto nel 2004 in Giappone. Il titolo di questo nuovo adattamento animato dovrebbe essere “Sengoku Musou SP Sanada no Shō” (Samurai Warriors Special: Sanada's Chapter), e sarà trasmesso a partire dal prossimo Marzo in Giappone.

Durante l’evento sarebbero stati anche rivelati i nomi di alcuni doppiatori che prenderanno parte al cast della serie. Nello specifico troveremo Takeshi Kusao nel ruolo di Yukimura Sanada, Daisuke Ono in quello di Nobuyuki Sanada, Masaya Takatsuka sarà Kanetsugu Naoe e Eiji Takemoto presterà la voce a Mitsunari Ishida. Inoltre Yuko Nagashima sarà Kunoichi, Makiko Ohmoto darà la voce a Inahime (Ina), Akio Ohtsuka interpreterà il ruolo di Tadakatsu Honda, e infine Jouji Nakata sarà Ieyasu Tokugawa.

Samurai Warriors, dal videogame all’anime e al fumetto


Il videogame Samurai Warriors è un gioco che ripercorre la guerra nel Giappone feudale contro Oda Nobunaga. Durante questa guerra si sono battuti alcuni dei più famosi samurai della storia di tutti i tempi. Il primo capitolo dell'anime ispirato al videogame ricoprirà le vicende dell’assedio del castello di Ueda. Detto questo, secondo quanto riportato pare che il videogame abbia ottenuto anche l’approvazione per un adattamento a fumetti, il cui titolo sarà appunto “The Sengoku Musou”, e che sarà lanciato sulle pagine della rivista “Monthly Shonen Magazine” di casa Kodansha, in edicola a partire dal 6 Febbraio 2013. Il fumetto sarà realizzato da Seijirō Narumi.

Non ci rimane che attendere ulteriori novità ed aggiornamenti in proposito!

via | ANN 1, 2

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.