Saikin, Im?to no Y?su ga Chotto Okaishiin Da Ga, promo video per la serie di animazione

La serie di animazione Saikin, Im?to no Y?su ga Chotto Okaishiin Da Ga è ormai prossima all'uscita: nel promo video sentiamo la sigla di apertura dal titolo BINKAN?Attention, cantata da Chinami Hashimoto, Yui Ogura e Hisako Kanemoto. Recentemente il successo di questa serie è arrivato alle stelle, poichè è da poco noto anche l'annuncio ad adattamento a live action, previsto in uscita per la primavera 2014.

Serie ispirata all'opera originale di Mari Matsuzawa, pubblicata dalla casa editrice Kadokawa sul magazine Monthly Dragon Age dal 2010, in 5 volumi e in corso.

La commedia romantica

vede come protagonista una giovane e bella fanciulla di nome Mitsuki Kanzaki che vive con il suo fratellastro Y?ya, in seguito al secondo matrimonio da parte della madre. Kanzaki non è contenta riguardo al trasferimento fatto, nè è tanto felice di convivere con questo ragazzo.

Un giorno, tuttavia, accade l’impensabile e uno spirito le si palesa sotto forma di fanciulla dotata di ali: questa è Hiyori Kotobuki, un fantasma che ogni tanto prende possesso della mente e del corpo di Kanzaki, flirtando pesantemente con il di lei fratellastro. Questi, per carità, accetterebbe anche le avances della ragazza che, però, presto inizia ad apparirgli come una pazza: in alcuni momenti è dolce e cedevole, in altri è violenta e lo allontana con gesti decisi. Hiyori deve in ogni modo far innamorare Y?ya per giungere alle “porte del paradiso”, mentre Kanzaki, quando torna in sè, detesta il fatto di toccare ed essere toccata dal fratellastro. Una faccenda bene intrecciata, non trovate?

Come si suol dire ogni stagione deve avere alcune serie "standard": l'harem anime, l'ecchi, la storia romantica, lo shoujo, l'animazione a tema sportivo. Non vado matta per la trama di questa vicenda, speriamo che non si risolva in banalità ma che faccia sorridere!

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.