“A panda piace ... L’avventura!!”, Giacomo Bevilacqua presenta la nuova serie a Bologna

Nuovo incontro in arrivo per i fan di Giacomo Keison Bevilacqua.

A Panda Piace L’avventura

Sabato 21 dicembre Giacomo “Keison” Bevilacqua, autore della divertente serie a fumetti "A panda piace", presenterà la sua nuova serie “A Panda Piace L’avventura!”. Per gli inguaribili fan del famoso, tenero e divertente Panda, si tratta senza dubbio di un appuntamento da non perdere, un appuntamento che si terrà presso il Panini Store Bologna a partire dalle ore 16.00. Alla direzione di questo incontro troveremo il Direttore Editoriale Panini Comics, Marco M. Lupoi, D., mentre il talentuoso fumettista – del quale vi abbiamo peraltro parlato qui – sarà a disposizione dei fan per firmare autografi e per rispondere a tutte le loro domande.

Ma le sorprese non finiscono qui! Chi comprerà infatti un fumetto dell’autore (edito da Panini Comics) potrà anche richiedere degli speciali sketch. Ma detto questo, chi è Giacomo Bevilacqua? Per chi non lo sapesse, ecco qualche informazione in più sull'autore.

Giacomo Bevilacqua, il padre di “A Panda piace …”


Giacomo Bevilacqua è un fumettista italiano di grande talento. Nel corso della sua carriera il giovane autore ha collezionato molti successi, primo fra tutti quello rappresentato dalla serie di strip “A Panda Piace” (che potrete trovare sul sito ufficiale), divenute in brevissimo tempo un autentico fenomeno del web. Insieme alla Panini Comics l’autore ha pubblicato le serie a fumetti “Metamorphosis Omnibus”, “Il primo grande libro di A panda piace” e infine sta appunto per lanciare la nuova serie a fumetti “A Panda Piace L’avventura”. La serie sarà in vendita a partire da oggi in tutte le edicole, al prezzo di 2,90 €, e di sicuro ci regalerà nuovi momenti di divertimento e spensieratezza!

Per il momento è tutto! Non vi rimane a questo punto che partecipare in tanti all’incontro!

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.