Naruto, spoiler capitolo 661

Naruto ritorna dopo la consueta pausa di fine anno...e lo fa con il botto! Masashi Kishimoto ha deciso di dare una bella sferzata alla narrazione e, con il colpo di scena finale, si aprono parecchi scenari importanti per il manga dedicato allo shinobi di Konoha!

Noi, come sempre, ricordiamo a tutti i lettori italiani di non proseguire nella lettura mentre, se seguite la serializzazione giapponese di Naruto, potete tranquillamente usufruire delle nostre anticipazioni.

Dopo il salto troverete il link di rimando al capitolo 660 e le prime indiscrezioni (confermate e con immagini) del capitolo 661.

Riassunto e spoiler del capitolo 660 (link)

Spoiler capitolo 661

Madara sta trascinando tutti i Bijuu nella Statua del Demone Eretico e, quando è toccato a Kurama, Naruto ha risentito del colpo svenendo all'istante! Gaara, che ha scambiato due parole velocissime con il Kyuubi, usa la sua tecnica della sabbia per creare un giaciglio su cui prendere al volo Naruto che, se non fosse stato per l'intervento del Kazekage, sarebbe sicuramente crollato pesantemente al suolo. Uno dopo l'altro, tutti i Bijuu vengono ingoiati dalla Statua del Demone Eretico e, quando è il turno dell'Hachibi, l'enorme cercotero si rivolge idealmente all'amico Killer Bee dicendogli solamente che "gli dispiace". Kurama, prima di essere ingoiato, rivolge il suo ultimo pensiero a Gaara, con la speranza che il giovane Kazekage abbia capito cosa fare...

Quando la Statua del Demone Eretico ha finito di ingoiare tutti i Bijuu, Madara salta sulla testa della statua dicendo che questo è stato il massimo che poteva fare al livello attuale e lo Zetsu Bianco, notata l'estrema lentezza d'esecuzione della tecnica, dice al suo creatore che l'operazione è durata decisamente troppo, ma sempre meno di quando la stessa tecnica fu usata da Obito. Madara sembra seccato dall'osservazione dello Zetsu Bianco e, scontroso come sempre, l'Uchiha dice al suo sottoposto che è solo lo scarto di un esperimento fallito che si è sempre permesso di parlare a sproposito davanti al suo creatore. Questo risponde dicendo che lo Zetsu Nero era soprannominato "l'ingiurioso" e lui "il chiacchierone", quindi Madara non può aspettarsi niente di diverso! Madara chiede allo Zetsu Bianco come procede "l'altra battaglia" e, visibilmente tranquillo, la creatura risponde dicendo che sta filando tutto liscio come l'olio. Ma mentre i due stanno parlando, Tobirama spunta alle spalle di Madara con il chiaro intento di ucciderlo!

Madara riesce ad accorgersi per tempo della presenza di Tobirama e, dopo aver schivato l'attacco del Secondo Hokage, riesce quasi a disarmare l'avversario provando a far saltare in aria il kunai che lo shinobi teneva in mano. Lo scambio di colpi è velocissimo e Tobirama, che della velocità ha sempre fatto un vanto, riesce a recuperare al volo il controllo del kunai portandosi in posizione sopraelevata rispetto all'Uchiha. Mentre i due combattono, Gaara è riuscito a prendere Naruto e, insieme all'amico, il Kazekage fugge verso un luogo indefinito. Gaara giura a Naruto che non permetterà mai all'amico di morire...ce la farà?

Intanto, mentre Gaara ha approfittato del combattimento per scappare, Madara è riuscito a sconfiggere con facilità Tobirama, intrappolandolo con le stesse barre nere che ha usato per fermare Hashirama. Madara ricorda che Tobirama ha sempre sfruttato i momenti in cui l'Uchiha si sentiva in grado di vincere per poter sferrare il contrattacco, ammettendo che il Secondo Hokage è un tipo davvero scaltro. Anche Toribrama pensa che Madara sia abbastanza scaltro, ma l'Uchiha risponde dicendo che gli dei non gli hanno mai sorriso in passato...ma stavolta è diverso: colui che era considerato lo shinobi più veloce è stato sconfitto da Madara! Madara dice che c'è un motivi se lui e Hashirama non riescono ad usare appieno le loro capacità e questo, a detta dell'Uchiha, rende la disparità tra lui e i due Hokage troppo grande da colmare. Come se tutto ciò non bastasse, Madara dice che sta plasmando un nuovo occhio, ma non sa se riuscirà davvero a farlo suo...

Madara si riferisce a Sasuke che, in volo su di un falco, presumibilmente sta cercando di raggiungere proprio l'Uchiha. Ma scopriamo che il ragazzo ha avuto un fugace incontro con Hashirama che, prima di lasciar andare il ragazzo al suo destino, ha deciso di affidare al giovane Sasuke uno dei suoi jutsu! Hashirama, bloccato dalle barre nere di Madara, dice al ragazzo che Madara si è impossessato del suo charka eremitico, ma con la tecnica che sta per insegnargli riuscirà sicuramente a contrastarlo. Sasuke risponde ad Hashirama dicendogli che può usarla su se stesso e che lui, al massimo, può provare a togliergli le barre nere, ma il Primo Hokage vieta al ragazzo di mettere le mani su quegli "aggeggi": essendo conficcati nei suoi punti vitali, Hashirama non riesce ad impastare il chakra e, secondo lui, è meglio se il ragazzo non tocchi gli artefatti lasciati li da Madara. Hashirama si offre quindi di donare a Sasuke tutto il charka che gli è rimasto e la tecnica di cui sopra e, quando il giovane shinobi chiede al Primo Hokage perché sta donando tutto questo proprio ad un Uchiha, l'uomo risponde dicendo che il ragazzo gli ricorda molto il fratello di Madara, Uchiha Izuna. Sasuke non capisce cosa centri tutto questo con Madara e Hashirama, ricordando gli eventi del passato, risponde dicendo che il suo avversario amava molto il fratello e che, secondo lui, Sasuke potrebbe riuscire a fermare Madara senza ucciderlo...

Madara dice a Tobirama che aspettava da tempo questo momento e, ora che è finalmente ai suoi piedi, l'Uchiha può chiedere al Secondo Hokage se è stato lui ad uccidere Izuna! Tobirama risponde dicendo che lui è solo un cadavere, e che le torture su di lui non avranno effetto...ma c'è qualcosa che il Secondo Hokage vorrebbe chiedere a Madara: perché tutto questo? Perché ha usato la resurrezione per tornare in quest'epoca che non appartiene a nessuno dei due? Madara risponde dicendo che vuole fare quello in cui Hashirama ha fallito perché, a detta dell'Uchiha, la realtà in cui si trovano adesso altro non è che il fallimento dell'ideologia del Primo Hokage. Madara ordina di "prestare soccorso a chi sta per morire" allo Zetsu Bianco, con il chiaro intento di usare lo Tsukuyomi Infinito per porre fine alle contraddizioni del mondo creato da Hashirama. Cercare la pace versando il sangue degli altri è una caratteristica prettamente umana e Madara, in un flashback, ricorda come Hashirama sia riuscito a trafiggerlo con una lama per via del tradimento operato dall'Uchiha nei confronti del villaggio! Madara dice che per proteggere qualcosa è necessario sacrificare qualcos'altro riferendosi, ovviamente, alla libertà di cui priverebbe l'umanità con lo Tsukuyomi Infinito. Il "mondo dei sogni" è la soluzione perfetta e, mentre ne parla a Tobirama, il Secondo Hokage sorride dicendo che non ha tutti i torti...ma che non potrà mai avere il controllo di quel sogno!

Tobirama, seppur immmobilizzato, prova a colpire Madara con degli aghi che aveva in bocca, ma l'Uchiha riesce a parare con facilità il colpo. Ma la mossa di Tobirama era finalizzata all'attacco a sorpresa di Sasuke che, saltando dall'uccello su cui stava viaggiando, prova a colpire il nemico con un fendente volante! Ma quando arriva a portata di Madara, Sasuke è come se fosse stato immobilizzato: Madara s'è accorto di tutto e, riprendendo il discorso delle cose da sacrificare per un bene superiore, prende la spada del ragazzo e la conficca nel petto di Sasuke! Madara aveva dato a Sasuke il tempo di pensare alla sua proposta, ma il ragazzo non ha accettato e ora ne deve pagare le conseguenze...

Cosa succederà adesso? Sasuke sopravviverà all'attacco di Madara?

via | Mangahelpers

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.