One Piece, spoiler capitolo 737

Capitolo davvero molto bello e interessante questo 737 di One Piece...peccato che Eiichiro Oda si prenderà una bella pausa che, a quanto pare, potrebbe durare anche più di una settimana!

Come sempre, ricordiamo a tutti i lettori italiani di non proseguire nella lettura mentre, se seguite la serializzazione giapponese di One Piece, potete tranquillamente usufruire delle nostre anticipazioni.

Dopo il salto troverete il link di rimando al capitolo 736 e le prime indiscrezioni (confermate e con immagini) del capitolo 737.

Riassunto e spoiler capitolo 736 (link)

Spoiler capitolo 737

Rufy, Kinemon, Zoro e Violet vengono fermati da Pica, uno degli agenti migliori di Doflamingo che, a quanto pare, è dotato dei poteri derivanti dal frutto Ishi-Ishi, che gli consente di assorbire la pietra e di manipolarla a suo piacimento. E visto che il palazzo reale è fatto interamente di pietra, Pica può muovere ogni singolo mattone del complesso come più gli aggrada! Quando Violet spiega questo ai ragazzi, Zoro intuisce subito che Pica, fondendosi alla pietra, può modificare ogni singola struttura del palazzo reale, ma questo non fa in tempo a formulare le sue ipotesi che subito il nemico prova a schiacciarli usando i muri del corridoi!

Mente Rufy e gli altri se la vedono con Pica, a Colosseo Arena assistiamo alle prime fasi della finale, dove Burgess riesce a stendere uno dei terribili pesci combattenti selezionati da Diamante con un sol pugno! Le abilità del pirata sono arcinote persino al commentatore di Colosseo Arena, che ricorda ai presenti che Burgess è uno dei dieci "Capitani Giganti" selezionati da Barbanera in persona. Burgess ha comunque il suo bel carattere e, fregandosene altamente del pubblico di Colosseo Arena, ha colpito in faccia il pesce combattente spendendo sugli spalti dell'arena, provocando un bel buco nella struttura e parecchi feriti. La gente rumoreggia, ma a Burgess non importa...lui vuole solo vincere! Mente Burgess se la ride, sul bordo della piscina si fa vedere il pesce combattente che ha sulla schiena il frutto Mera Mera, che attira subito l'attenzione di Diamante e Bartolomeo. Questo non sembra interessato ai due, ma punta dritto dritto verso Rebecca che, senza alcuna esitazione, si prepara a combattere la creatura. La ragazza punta alla catena che tiene stretto il bauletto al pesce e, proprio mentre questo la sta caricando, il Falso Rufy riesce a saltare sulla schiena del pesce combattente e ad aggrapparsi al baule! Diamante se ne accorge e, pensando che quello sia Rufy, l'agente di Doflamingo gli urla contro dicendogli che non gli permetterà mai di avere il frutto Mera-Mera, lanciandogli addosso qualcosa che assomiglia a una specie di bastone. Il Falso Rufy para con facilità il colpo, lasciando visibilmente interdetto Diamante...

Il pesce combattente sta passando pericolosamente davanti a Burgess che, avendolo a un tiro di schioppo, non vuole perdere l'occasione di prendere il frutto Mera-Mera e di abbattere Rufy in un colpo solo. Rebecca si mette in posizione dietro Bartolomeo (che critica il comportamento un po' vigliacco della ragazza) e, mentre Burgess sta caricando il suo colpo, il Falso Rufy si mette in posizione, pronto a deviare qualsiasi cosa gli si scaraventi addosso. Burgess sferra quindi il suo colpo e, saltato dalla groppa del pesce combattente per raggiungere il nemico, il Falso Rufy usa una tecnica chiamata "Artiglio del Drago" per bloccare il potente pugno del nemico. L'onda d'urto è fortissima, e il Falso Rufy riesce a parare il colpo di Burgess solo grazie alla mano indurita con il potere dell'Haki. L'effetto di questo incrocio di colpi lascia Burgess di stucco, anche perché l'armatura dell'enorme pirata va completamente in frantumi! Tra le urla di Bartolomeo e la folla in delirio, il Falso Rufy è riuscito a farsi valere davanti a Diamante, che inizia a sospettare qualcosa circa la vera identità del combattente che ha difronte...

L'azione si sposta al porto sotterraneo dove, condotti dai piccoli abitanti del regno di Tontatta, Usopp e Nami sono riusciti ad arrivare davanti alla torre QG. Come ricorderete, la missione dei nostri è semplice: entrare nella torre, rintracciare Sugar (la bambina che riesce a trasformare gli uomini in giocattoli) e farla svenire, in modo che questa perda il controllo della sua abilità. Arrivati davanti alla torre, Leo spiega a Usopp che i tentacoli che sono collegati al QG sono dei tubi da cui passano persone da trasformare in giocattoli e giocattoli rotti. Tutti quei tentacoli vanno dritti dritti verso il deposito rifiuti, che si trova esattamente sotto il QG, ed è da li che Trebol "pesca" gli uomini con il suo moccio per tramutarli, grazie a Sugar, in giocattoli veri e propri. Ed è la stessa cosa che sta per avvenire al povero Cavendish che, schifato dal moccio di Trebol, non capisce esattamente dove si trova e cosa sta facendo. Trebol gli spiega che quello è il QG, ed è da qui che escono giocattoli a ritmo continuo. E mentre Trebol e Sugar litigano sulle abilità schifose dell'enorme agente, Cavendish chiede alla bambina di liberarlo da quella roba appiccicosa, senza sapere che sarà proprio la ragazzina a tramutarlo in una specie di Pinocchio!

Scopriamo così che Sugar tramuta le persone in giocattoli semplicemente toccandole e, una volta fatto, la ragazzina detta ai nuovi giocattoli una specie di contratto: loro non devono fare del male agli esseri umani e devono sempre obbedire agli ordini della famiglia...questo è quanto! Cavendish riesce a rispondere, ma quando Trebol gli dice di star zitto e di andare a lavorare, il pirata smette di parlare e non riesce più a disobbedire alle sue parole! Trebol dice a Cavendish che si è già dimenticato la sua faccia e che da ora in poi lavorerà per conto di Doflamingo fino alla fine dei suoi giorni e, muovendosi senza il suo volere, il povero pirata inizia a seguire scrupolosamente gli ordini della "famiglia". Nonostante questo, Cavendish conserva ancora la sua volontà, anche se non riesce a parlare e non può fare a meno di eseguire quello che gli è stato ordinato di fare. Scopriamo qui che tutti i partecipanti dell'arena del blocco C sono ancora in possesso delle loro facoltà e che, ognuno di loro, sembra aver capito che Doflamingo è davvero un tipo molto, molto più viscido e pericoloso di quanto potessero immaginare. Scopriamo inoltre che uno dei partecipanti all'arena del Blocco C (il pesce combattente) è uno degli uomini di Dragon, il padre di Rufy, e che doveva mettersi in contatto con Koala...

Usopp, Nami, Leo e gli altri piccoli uomini dell'armata del regno di Tontatta sono finalmente giunti fuori dall'ingresso che porta alla stanza di Trebol e Sugar e, giustamente, il pirata chiede agli amici cosa devono fare adesso. Leo tira quindi fuori una palla, svelando a Usopp i dettagli del piano: quella palla altro non è che Tatababasco, la spezia più piccante del mondo, modellata per l'occasione dagli abitanti del regno di Tontatta per farla sembrare del tutto simile ad un chicco d'uva. Visto che Sugar va matta per l'uva (ne ha un cestino pieno da cui attinge ogni volta), loro faranno in modo di mettere il Tatababasco nel cesto della bambina che, una volta mangiata la spezia, dovrebbe svenire in un colpo solo. Per testare la bontà del prodotto, gli abitanti del regno di Tontatta l'hanno sperimentata su loro stessi, e Leo afferma che il 100% di chi ha assaggiato la pianta è svenuto (e in diciotto stavano anche per morire). Usopp dice quindi a Leo di andare a mettere il Tatababasco nel cesto di Sugar, mentre lui gli coprirà le spalle (per svignarsela qualora le cose si mettano male)...

L'armata di Tontatta fa tutta il tifo per Leo, che ha sulle spalle una missione importantissima: quando Sugar mangerà il Tatababasco, il regno di terrore di Doflamingo cadrà, e tutti scopriranno la verità sui giocattoli e sulle bugie che questo regnante senza scrupoli ha raccontato da quando si è insediato. Ce la farà il piccolo Leo a portare a termine la sua missione?

via | Mangahelpers

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.