He-Man and the Masters of the Universe, la Mattel vince una causa contro Donald Glut

Circa un anno fa, l'autore e disegnatore Donald Glut citò in giudizio la Mattel richiedendo la paternità dei personaggi di He-Man and the Masters of the Universe. Ma le cose non sono andate bene per il povero Glut...

He-Man_and-the-Masters-of-the-Universe-DC-Comics-Cover

I fatti risalgono a giugno 2013 quando, in pieno rilancio dei fumetti dedicati a He-man and the Masters of the Universe (rilancio operato dalla DC Comics che, per il momento, detiene i diritti di pubblicazione di opere a fumetti dedicate ai personaggi), l'autore Donald Glut citò in giudizio la Mattel attribuendosi la paternità della storyline che ha poi generato l'universo di Eternia. A detta di Glut, la Mattel affidò a lui la realizzazione delle storielle a fumetti che vennero distribuite insieme ai personaggi nella prima sfornata di action figures che l'azienda americana aveva distribuito nei negozi nel lontano 1981 cosa che, a conti fatti, è vera. Ma Glut si attribuisce la paternità delle storie ivi contenute, dicendo che la Mattel avrebbe dovuto pagargli i diritti per una saga cross-mediale che è durata qualcosa come trentatré anni! In sua difesa, la Mattel ha dichiarato che Glut è stato assunto con un contratto da "workers-for-hire" e che, una volta concluso il progetto, Glut non avrebbe più dovuto interessarsi di He-Man and the Masters of the Universe. E invece, Glut se n'è interessato...eccome!

Perdere una causa già persa...

Di solito sono solidale con tutti i disegnatori ed autori che cercano di dimostrare la paternità delle loro opere con fatti concreti e ben documentati, ma stavolta non me la sento di prendermela con la Mattel che, a conti fatti, è riuscita a dimostrare d'aver avuto ragione davanti al giudice Manuel Real che, esaminata la questione, ha attribuito all'azienda americana la proprietà intellettuale di He-Man and the Masters of the Universe. Contratti alla mano, il giudice Real ha visto che Glut ha effettivamente ceduto alla Mattel i diritti delle storie che ha prodotto quando è uscita la prima linea di giocattoli di He-Man and the Masters of the Universe e, visto che è stato assunto proprio per realizzare le suddette storie per l'azienda, l'autore non dovrebbe nemmeno richiederne i diritti. Tutto questo, poi, è avvenuto a distanza di trentatré anni dalla prima linea di giocattoli dei personaggi...

Se Glut avesse fatto causa alla Mattel per alcune discrepanze contrattuali, allora sono sicuro che il giudice avrebbe sicuramente preso una decisione molto diversa da quella scaturita oggi, ma è anche vero che una cosa del genere andava fatta almeno una trentina d'anni fa. Prima di firmare il contratto, Glut doveva mettere nero su bianco che non avrebbe ceduto la proprietà intellettuale delle sue opere alla Mattel che, e ne sono sicuro, avrebbe sicuramente contattato un altro autore/disegnatore. Glut pecca quindi di quella lungimiranza che avrebbe potuto fargli si perdere un lavoro che l'ha reso famoso in tutto il mondo, ma che gli avrebbe almeno consentito di poter campare di rendita!

Appellarsi adesso è stato un suicidio per Glut che, adesso, dovrà pure pagare le spese processuali! Il tutto mentre la Mattel, a quanto pare, sembra intenzionata a valutare con attenzione una proposta della Sony Pictures che, a quanto pare, sembra intenzionata a realizzare un film su He-Man e i suoi fantastici amici!

via | Comic Alliance

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.