Maria no Shiro, nuovo shojo per Rinko Ueda di Tail of the Moon

In Giappone sta per cominciare una nuova serie di Rinko Ueda di Tail of the Moon (di cui qui vedete un video tributo): si intitolerà Maria no Shiro (Maria's Castle).

Sul sito ufficiale della rivista Monthly You di Shueisha è stato annunciato ufficialmente che la mangaka Ueda Rinko (nota per Tail of the Moon o Tsuki no Shippo) è in procinto di lanciare il suo nuovo shojo dal titolo Maria no Shiro (in inglese diventa Maria's Castle). Questa serie dovrebbe cominciare proprio sul numero del magazine di maggio, quello che sarà messo in vendita dal 15 di aprile. La storia è ambientata durante il periodo storico giapponese noto come Taisho (quello che va dal 30 luglio 1912 al 25 dicembre del 1926). L'annuncio pubblicitario parla di una cosa che una certa ragazza derisa dal fato starebbe cercando.

Storia di Tail of the Moon


Maria no Shiro Tail of the Moon

Tail of the Moon, il cui titolo originale giapponese sarebbe Tsuki no Shippo, è uno shojo storico dedicato alle arti marziali scritto e disegnato da Ueda Rinko. La sua pubblicazione era cominciata nel 2002 sulla rivista Margaret di Shueisha: in totale la serie si compone di 15 tankobon. La serie è arrivata anche nei paesi del Nord America grazie a Viz, è nota con i titoli alternativi di Tail of the Moon, Tsuki no Shippo e Promise of the Moon e vanta anche un prequel dal titolo Tsuki no Toiki Ai no Kizu.

La trama di Tail of the Moon di Ueda Rinko racconta la storia di Usagi, la nipote del capo di un prestigioso villaggio ninja. Diciamo che Usagi non brilla per la sua età e il nonno, frustrato dalla mancanza di progressi fatti da Usagi, la spedisce a sposarsi con Lord Hanzo con l'ordine di generare molti piccoli ninja. Purtroppo c'è un piccolo problema: Lord Hanzo non prova il benché minimo interesse per Usagi o anche solo per la sua capacità di generare una prole.

Via | AnimeNewsNetwork

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.