Kaijuu no Kodomo, Children of the sea, il fumetto esce in Italia

Un bell'inizio, non c'è che dire: Kaijuu no Kodomo ( children of the sea ) ben si presenta al lettore.

Kaijuu no Kodomo

Vediamo in primis qualche dato tecnico di Children of the sea: il manga è pubblicato in patria nipponica sul magazine Ikki della casa editrice Shogakukan, autore Daisuke Igarashi, l'opera è in 5 volumi, completa. In Italia esce oggi, 3 aprile, con queste caratteristiche: 13x18, B., 320 pp., b/n e col. con sovraccoperta al costo di 9,90 euro.

Un ottimo inizio, con una donna che parla ad un ragazzino, dicendo che gli racconterà i segreti del mare. La storia la coinvolgerà in prima persona, e riguarderà il momento in cui era più giovane, spensierata e non sapeva ancora nulla della vita, del mare, del cielo...

La protagonista della vicenda sarà quindi una giovane Ruka, una ragazza molto attiva e vivace, perfino un po' mascolina e "violenta". Una giovane che in ogni caso si fa rispettare, a volte anche esagerando. Vive in un luogo meraviglioso, con una splendida vista sul mare. Ruka viene cacciata dalla squadra di basket poichè considerata troppo invadente e violenta con le avversarie. Essendo le vacanze estive la giovinetta non sa sostanzialmente cosa fare e come impiegare il tempo a sua disposizione.

Per passare una giornata serena

si trova per caso sul lungo mare e vede gettarsi in acqua ad ora tarda un giovinetto. Questi è Umi, un ragazzino molto particolare. Ruka conoscerà anche Sora: i nomi, attenzione, non sono scelti a caso, Umi=mare e Sora= cielo. L'estate della giovane prende toni particolari: la vicinanza di questi giovani la coinvolge in qualcosa di nuovo ed inaspettato. Potrà infatti vedere il lato meraviglioso del mare e delle sue profondità, lo splendore dei pesci e le mille stelle del cielo notturno. Ma non è tutto purtroppo: mare e cielo possono diventare molto pericolosi e fare paura.

Un veloce appunto sulla grafica, simile alle tinteggiature fatte con gli acquarelli: molto belle e adatte quando si tratta di paesaggi. Il mare e il cielo, infatti, risultano lievemente astratti e sembrano quindi essere ancora più "poetici". Non mi piacciono molto invece i disegni degli esseri umani, che risultano un po' grossolani.

Un'opera affascinante, tutta da godere in un tranquillo pomeriggio di relax.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.