Kanojo ga Flag o Oraretara, animazioni primaverili 2014 prima impressione

Pessima, priva di senso, irreale, che non fa ridere: scegliete voi l'aggettivo più adeguato per Kanojo ga Flag o Oraretara, eppure, le premesse erano molto buone! La serie di animazione si presentava come simpatica, con un protagonista tra il serio e il faceto, e una storia tendenzialmente ridicola.

Veniamo ad enunciare cosa accade nella prima puntata: Hatate sta andando a scuola e sulla via sventa un incidente mortale. Viene visto da Nanami, che si domanda come abbia fatto il giovane a salvare un certo numero di persone da morte certa. Incontra nuovamente il ragazzo a scuola: Hatate è uno studente trasferito e Nanami lo abborda immediatamente facendogli un lunghissimo e tediosissimo discorso sul fatto che il giovane può imbrogliare chiunque ma non certo lei! No, lei è furba e si è accorta che Hatate guarda sempre sopra la testa delle persone prima di rispondere ad una qualsivoglia domanda. Il fanciullo è quindi costretto a spiegare che vede delle "bandierine" che rappresentano ciò che succederà alla persona, c'è la bandierina dell'amicizia, dell'amore, della morte etc etc. OVVIAMENTE Nanami gli crede al volo!

Dopo questo noiosissimo discorso

ecco che si avvicina un'altra ragazza che desidera fare amicizia con il ragazzo: questa è Akane, erede di una nobile famiglia. Ha un pensero che la tormenta da quando è bambina, poichè non le hanno permesso di fare amicizia con una bimba povera! Dunque, ora che è più grande ha manifestato la necessità di aiutare i bisognosi e tra questi bisognosi c'è Hatate, classificato dunque da Akane immediatamente come un poveraccio. Bene, fattogli questo grande complimento, il gruppetto pare ormai compatto: si chiacchiera e ci si diletta non troppo allegramente nella cadente casa del giovane quando, disgrazia tra le disgrazie, Akane cade al piano di sotto, sfondando un'asse della casa in legno di Hatate. Come salvarle la vita e distruggere la bandierina della morte che incombe sulla sua capoccia? Ovviamente baciando la ragazza, così la bandierina cambierà e dalle ferite mortali della caduta invece si arriverà ad un amore incommensurato verso il giovane perchè, si sa, con un bacio una botta mortale trova immediato sollievo.

Nemmeno se obbligata proseguirei nella visione di questa serie: non c'è una casella che va al posto giusto. Tutto è privo di significato, improvvisato, e il peggio è che non fa nemmeno sorridere. Si va a perdere quindi completamente il senso delle puntate.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.