The Seven Deadly Sins, ottiene la serie di animazione

Sul Weekly Sh?nen Magazine è comparso l'annuncio riguardante il futuro adattamento a serie di animazione per l'opera di Nakaba Suzuki dal titolo The Seven Deadly Sins (Nanatsu no Taizai).

The Seven Deadly Sins è un fumetto assai popolare, con in circolazione più di 3 milioni di copie. La casa editrice Kodansha ha recentissimamente pubblicato e distribuito il volumetto numero 8, con una bonus story.

Ecco qui come si presenta la storia: i combattenti chiamati Seven Deadly Sins( nome assai minaccioso...) vengono accusati di voler sovvertire la monarchia e, in conseguenza, mandati in esilio. I cavalieri Holy dovrebbero essere i buoni ma...si scopre ben presto che in realtà vogliono uccidere il re e prendere il potere. La principessa Elizabeth scopre l'inganno ma, ahimè troppo tardi: suo padre viene brutalmente ucciso dai malvagi cavalieri.

La principessa è costretta ovviamente alla fuga

e va a cercare proprio i Seven Deadly Sins. L'incontro con loro non è tra i più idilliaci, infatti non sono affatto cavalieri leggendari, quanto più che altro un'accozzaglia di bizzarri ragazzoni: Meliodas, il primo cavaliere che la principessa incontra, è un "locandiere" con un porcellino parlante e non ha neppure una vera spada. Dunque la leggenda che è narrata riguado questi fantasmagorici cavalieri...è del tutto falsa? E ora come farà la principessa a riprendersi il suo regno?!

Suvvia, la storia sembra parecchio simpatica, e un adattamento a serie di animazione può dare luogo ad una divertente commedia.

Il fumetto è stato anche nominato ai Manga Taisho (Cartoon Grand Prize) quest'anno, oltre ad essere tra i primi 4 manga raccomandati dagli impiegati dei booksore nipponici secondo il sito Honya Club.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.