C2E2, la Marvel presenta Wolverine: 3 Months to Die

Eravamo tutti curiosi di sapere come la Marvel avrebbe gestito la notizia della morte di Wolverine e, durante il C2E2 di Chicago, la risposta alla nostra domanda è stata rivelata proprio nel panel dedicato agli X-Men!

Death-of-Wolverine-Preview-Spoiler-Scans-Download-Marvel

Capitanati da Mike Marts (editor delle testate mutanti), autori e disegnatori del calibro di Jordan White, Jason Latour, Mahmud Asrar, Charles Soule, Greg Pak e Russel Dauterman hanno spiegato ai curiosi e agli addetti ai lavori che hanno partecipato al panel Wolverine: Three Months To Die tutto quello che c'è da sapere (per il momento) sulla morte di Logan e sul futuro delle testate mutanti. Grande protagonista di questo panel è stato indubbiamente Soule, colui che avrà il compito materiale di uccidere Wolverine e di lanciarci verso un nuovo universo narrativo dove, come avete capito, di Logan non ci sarà più nessuna traccia! Ma come si è arrivati a voler uccidere Wolverine? E cosa accadrà al Marvel Universe una volta che la notizia della morte di Logan sarà confermata?

La fine di un'era

Wolverine e Storm al C2E2

Charles Soule è meno epico di me, ma grazie al suo stile diretto ed empatico, l'autore ha cercato di spiegare alla platea cosa accadrà a cavallo tra Wolverine: Three Months To Die (storia che sarà serializzata dal numero #8 al numero #12 della testata regolare di Wolverine) e The Death of Wolverine, la miniserie che metterà la parola fine alla storia editoriale del mutante canadese. Inizialmente un po' sulle sue, Soule spiega poi alla platea che la morte di Wolverine sarà l'ultimo atto di questa lunga preparazione alla fine del personaggio che, come avevamo anticipato, morirà perché un qualche villain ha capito che Logan ha perso il suo fattore rigenerante rendendolo, di fatto, un mortale. Soule anticipa la composizione di Death of Wolverine rivelando che sarà una miniserie di quattro albi e che, come da titolo, sarà qui descritta la morte del personaggio in tutti i suoi particolari. Ma attenzione: Soule dice che si, assisteremo alla morte di Wolverine, ma che questa avverrà dopo una lunga narrazione dei fatti attraverso ritagli temporali vicini e lontani a questo presente di sangue e mortalità.

Sarà quindi molto importante seguire prima il ciclo di Wolverine: Three Months To Die e poi quello di Death of Wolverine, che sarà seguito immediatamente da un titolo chiamato A world without Wolverine, dove l'universo marveliano si troverà a fare i conti con un mondo senza Logan. E la testata che più soffrirà di questa perdita così importante sarà proprio Wolverine and the X-Men...

Il futuro mutante nel dopo-Wolverine: tocca a Storm!

Wolverine e Storm al C2E2

Anticipata come una delle uscite più importanti dell'anno, quella dedicata a Storm è una delle testate che subirà i contraccolpi della morte di Wolverine insieme a Wolverine and the X-Men, dove Logan aveva provato a replicare (a modo suo) gli insegnamenti di Charles "Professor X" Xavier creando una sua scuola di giovani mutanti. Qui le cose inizieranno a farsi dure anche perché, con una testa calda come Quentin Quire (che se la prenderà con Cyclops degli All-New X-Men), la scuola potrebbe andare letteralmente allo sbando. Ed è qui che entra in gioco Storm che, dopo il lancio della sua testata in luglio, dovrebbe prendere in mano le redini della scuola per potarla a quell'ideale che sia Xavier (prima) che Wolverine (dopo) avevano provato ad infondere nel progetto per l'apprendimento e la "scolarizzazione" dei giovani mutanti.

Ovviamente Storm avrà il suo bel daffare anche fuori dalle logiche della scuola, ma qui toccherà a Greg Pak e Victor Ibanez spiegarci cosa combinerà una delle mutanti più potenti della Terra sia prima che dopo la morte di Wolverine. E sono sicuro che, se gestita bene, la testata dedicata a Storm potrà darci parecchie soddisfazioni!

Ah, un paio di cose prima di chiudere il post: Deadpool sarà sempre più protagonista delle varie testate mutanti (era ora, direi) e, nel finire della conferenza, è stato rivelato un logo che recava la scritta AXIS, composto dalla A degli Avengers e la X degli X-Men...cosa vuol dire tutto ciò? L'evento sarà lanciato nell'autunno del 2014, e sembra proprio che potrebbe esserci una specie di riconciliazione ufficiale (o forzata) tra gli Avengers e gli X-Men. Un qualcosa che, in cuor mio, spero sia trattata decisamente meglio dei macroscopici errori che la Marvel ha fatto nel primo periodo del post Avengers Vs X-Men!

via | Newsarama

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.