Pluto di Naoki Urasawa diventerà un anime?

E’ in arrivo un adattamento anime per la serie a fumetti “Pluto”?

E’ attraverso il sito spagnolo Deculture che apprendiamo che la serie a fumetti “Pluto”, ad opera di Naoki Urasawa (Monster) potrebbe presto diventare un anime. A renderlo noto sarebbe stato, in occasione del festival FicZone 2014 di Granada, Masao Maruyama, fondatore dello studio Mappa, il quale ha però specificato che il progetto è ancora nella sua fase embrionale, ma che prima o poi un adattamento anime ispirato al fumetto uscirà senza alcun dubbio! Quella realizzata da Naoki Urusawa è una serie sci-fi/psicologica, una serie che si ispira al personaggio della precedente serie a fumetti Astro Boy (dell’arco narrativo intitolato “Il più grande robot del mondo” per l’esattezza), ad opera di Osamu Tezuka.

Il fumetto fu pubblicato per la prima volta in Giappone nel 2003 sulle pagine della rivista Big Comic Original, per poi essere lanciato anche in Italia, dalla Panini Comics, a partire dal maggio 2009. Ma detto questo, quale sarà la trama di questa fortunata serie a fumetti? Scopriamolo subito!

Pluto, la trama della serie

Pluto

La serie "Pluto" è ambientata in un mondo in cui gli esseri umani condividono la loro vita quotidiana insieme ai robot, i quali assumono l’aspetto umano, vivono, pensano, agiscono, vanno a scuola e lavorano, esattamente come delle normalissime persone. In questo mondo però, qualcuno o qualcosa sta uccidendo i robot, e ad indagare su questa serie di morti misteriose viene incaricato l'ispettore Gesicht, uno dei sette robot più forti del mondo, membro dell'Europol.

Durante la sua intervista, Masao Maruyama ha ammesso che servono molti fondi per realizzare l’anime ispirato alla serie a fumetti, quindi per il momento non ci rimane che attendere nuovi aggiornamenti in merito a questo progetto!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | adala-news.fr

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.