X-Men: Giorni di un Futuro Passato, online il final trailer italiano

Mancano meno di due settimane al 22 maggio 2014, data in cui i lettori delle avventure degli X-Men potranno ritornare nelle sale cinematografiche italiane per gustare X-Men: Giorni di un Futuro Passato, secondo capitolo dei vari prequel annunciati dalla 20th Century Fox!

E visto che manca davvero poco alla prima italiana, alla 20th Century Fox hanno chiuso ufficialmente il ciclo di trailer dedicati ad X-Men: Giorni di un Futuro Passato rilasciando questo final trailer che, come andremo a vedere, riesce a riassumere perfettamente quello che vedremo da qui a qualche giorno. Un final trailer, questo, che mi piace davvero tanto e che sintetizza molto bene la storia della pellicola senza essere troppo invasivo o "spoileroso". Andiamo quindi ad analizzare le immagini del trailer finale di X-Men: Giorni di un Futuro Passato, ripercorrendo insieme la storia generale della pellicola e quello che potrebbe succedere al mondo mutante quando gli X-Men del passato incontreranno gli X-Men del futuro!

X-Men: Giorni di un Futuro Passato: mutanti in tutte le salse!

X-Men-Days-of-Future-Past-Wolverine-Mystique-Poster-Trailer

Come ho detto più volte, la storia di questo X-Men: Giorni di un Futuro Passato è stata presa direttamente da una saga di due capitoli che Chris Claremont e John Byrne serializzarono sulle pagine di X-Men #141 e The Uncanny X-Men #142 nel 1981. La saga, che manco a farlo apposta si chiamava Days of Future Past (Giorni di un Futuro Passato) è stata ripresa bene da Bryan Singer e dagli sceneggiatori che, rimaneggiando giusto qualche dettaglio, hanno mantenuto pressoché intatto l'impianto originale della storia. Una storia ambientata nel 2013 e che vedeva Wolverine e la razza mutante ormai in via d'estinzione, con le Sentinelle pronte a sferrare un'offensiva di scala mondiale contro la popolazione terrestre. Per evitare che la Terra cada sotto il dominio delle Sentinelle (diventate ormai macchine di morte anche per gli esseri umani), i mutanti del 2013 decidono di inviare nel passato la coscienza di Wolverine (nel fumetto è Kitty Pryde a compiere il viaggio temporale), in modo che questo possa avvisare gli X-Men degli anni settanta (quelli degli anni ottanta nel fumetto) del pericolo incombente.

Gli X-Men del passato dovranno quindi scardinare i piani della Confraternita dei Mutanti Malvagi (capitanati da Mystica) che, dopo aver assassinato il candidato alla casa bianca Robert Kelly, innescheranno quella che possiamo definire come la fine dell'era dell'uomo (e dei mutanti). Riusciranno gli X-Men ad impedire tutto questo? E quali saranno le modifiche sostanziali che gli sceneggiatori e Bryan Singer avranno apportato alla storia originale di X-Men: Days of Future Past? E perché si è scelto di mandare nel passato proprio Wolverine e non Kitty Pryde?

Le risposte alle nostre domande arriveranno solo tra due settimane...ovvero, quando X-Men: Giorni di un Futuro Passato sarà presente in tutte le sale cinematografiche italiane!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.