Naruto, spoiler capitolo 675

Passata la Golden Week, ecco che ritornano i capitoli di Naruto e One Piece! La saga di Masashi Kishimoto è arrivata ormai al capitolo 675, e dal prossimo capitolo assisteremo sicuramente ad una battaglia senza esclusione di colpi...proprio come piace a noi!

Noi, come sempre, ricordiamo a tutti i lettori italiani di non proseguire nella lettura mentre, se seguite la serializzazione giapponese di Naruto, potete tranquillamente usufruire delle nostre anticipazioni.

Dopo il salto troverete il link di rimando al capitolo 674 e le prime indiscrezioni (confermate e con immagini) del capitolo 675.

Riassunto e spoiler del capitolo 674 (link)

Spoiler capitolo 675

Madara è riuscito ad entrare nella dimensione del Kamui per riprendersi il Rinnegan custodito da Obito e, per evitare che Sakura potesse essere coinvolta nello scontro, l'ex compagno di team di Kakashi riesce a spedire la ragazza indietro prima che l'Uchiha possa farle del male. Tornata nella dimensione "reale", Sakura viene accolta da Sasuke e Kakashi, con quest'ultimo che capisce immediatamente cosa è successo all'interno del Kamui e chi ha rispedito la ragazza da loro...

Sakura nota subito che l'occhio sinistro di Kakashi è andato e, da brava kunoichi/medico, la ragazza si avvicina al maestro per prestargli le prime cure. Kakashi dice a Sakura che Madara è riuscito a togliergli l'occhio senza che lui neanche se ne accorgesse, ma allo shinobi interessa sapere cosa è successo all'interno della dimensione del Kamui e cosa stava facendo Obito. La ragazza risponde dicendo che è stata rimandata nella dimensione reale in un batter d'occhio da Obito che, poco prima, aveva chiesto a Sakura di distruggere il suo Rinnegan prima che Madara riuscisse a trovarli. A Obito serviva l'aiuto di Sakura anche perché lo Zetsu Nero, che lui stava riuscendo a trattenere a fatica, sembrava ormai in procinto di riuscire a riprendersi il corpo dell'uomo. Sakura non è però riuscita a distruggere il Rinnegan di Obito in tempo, nonostante questo avesse spiegato alla ragazza che se Madara si impadronisse anche dell'occhio sinistro, gli effetti sarebbero stati devastanti: il chakra pressoché infinito di Madara, la sua grandissima abilità nelle tecniche di combattimento e la possessione di entrambi gli occhi leggendari sarebbero la fine del mondo per come lo conosciamo, e Obito questo lo sa molto bene!

Il flashback termina mentre Sakura cerca di curare l'occhio di Kakashi e, preoccupata da quanto detto in precedenza da Obito, la ragazza ricorda che l'Uchiha è ormai al limite delle forze e che Madara, quasi sicuramente, riuscirà a recuperare l'occhio che stava cercando. Sakura c'è andata molto vicino: nonostante Madara sia nella dimensione del Kamui per metà (questa cosa è abbastanza strana, e non viene spiegata in nessun pezzo del capitolo), l'Uchiha riesce a tenere testa a Obito che, ormai allo stremo delle forze, non riesce a sfuggire alla presa al collo di quello che era il suo alleato/maestro. Madara chiede quindi ad Obito come ha fatto a rimuovere il sigillo che aveva posto sul suo cuore e questo, ricordando il combattimento con Kakashi, risponde all'Uchiha dicendo che è stato distrutto durante lo scontro. Questa cosa è stata una fortuna perché, se Kakashi non l'avesse distrutto, Obito non sarebbe mai riuscito a diventare (anche se per poco tempo) il Jinchuurki del Juubi. Obito dice quindi a Madara che non sarà mai più un suo sottoposto...ma sembra proprio che il vecchio Uchiha Madara avesse previsto tutto questo!

Ridacchiando, Madara dice a Obito che si è comportato esattamente come voleva ed anzi, pare proprio che il suo sottoposto sia riuscito a superare le aspettative dell'Uchiha. Obito sembra non capire, così Madara ricorda all'uomo che il "Sigillo del Burattinaio" era stato imposto sul suo cuore per evitare che questo non solo potesse rimuoverlo da solo, ma che potesse impedire la rottura anche in caso di un suicidio (cosa che il sigillo avrebbe impedito). Madara capisce quindi che Obito sapeva del Sigillo e, dicendo che il suo sottoposto è sempre stato una pedina molto importante, l'Uchiha si lascia scappare un dettagli sul numero dei sigilli che, a quanto pare, erano due. Obito chiede subito a Madara a chi ha imposto l'altro Sigillo del Burattinaio, e questo risponde dicendo che il destino è davvero strano...perché entrambi i possessori del Sigillo del Burattinaio lo hanno distrutto alla stessa maniera! Obito capisce quindi che Madara ha imposto il secondo sigillo su Rin e Madara, ormai sicuro che Obito non rappresenti più una minaccia per lui, svela all'uomo la verità: nei piani dell'Uchiha era previsto che Rin, portatrice del tricoda, avrebbe dovuto attaccare il Villaggio della Foglia secondo un piano che sarebbe stato architettato dagli shinobi del Villaggio della Nebbia, che impiantarono il Bijuu nel corpo della ragazza. In realtà, tutto il piano era stato studiato da Madara sin nei minimi dettagli, compresa l'entrata in scena di Kakashi, l'uccisione di Rin e l'assenza temporanea di Minato. Ma perché Madara ha fatto tutto questo? Semplice: perché gli serviva uno come Obito!

Madara ha architettato tutto affinché Obito potesse vedere con i suoi occhi il suo migliore amico mentre uccideva la ragazza che amava, in modo da creare l'oscurità nel suo cuore...il cuore di un ragazzo che si è sempre preso cura degli altri. Madara sapeva che tutto l'amore e i buoni sentimenti che Obito provava per Rin e i suoi compagni si sarebbero trasformati nell'odio più puro se, con una leggera spinta, l'Uchiha fosse riuscito a ribaltare la visione del mondo dell'allora giovane ed inesperto ragazzo. E proprio come aveva insegnato ad Obito (ovvero che l'oscurità nel cuore della gente si può comunque creare, in un modo o nell'altro), Madara ha instillato le tenebre nel cuore dell'uomo. Ma ora è giunto il momento, per Obito, di restituire a Madara un'ultima cosa...il suo occhio sinistro!

Naruto lascia uno dei suoi cloni a sorvegliare la parte "oscura" di Madara, intrappolata dal ragazzo con delle barre di chaka eremitico. Ricongiungendosi a Sasuke, Sakura e Kakashi, Naruto si avvicina al sensei e, allontanata gentilmente l'amica, il ragazzo usa il potere ricevuto dall'Eremita dei Sei Sentieri per ridare l'occhio al "Copia-Ninja"! Ovviamente l'occhio non è quello rubato da Madara, ma è comunque un occhio che Kakashi può usare per vedere meglio. Sakura chiede a Naruto come ha fatto a fare ciò, ma il ragazzo non riesce a spiegare bene il procedimento, inceppandosi più volte. Sasuke dice quindi a Naruto di non abbassare la guardia, perché Madara potrebbe spuntare fuori dalla dimensione del Kamui da un momento all'altro, scatenando così una rissa tra l'Uzumaki e Sakura, che come al solito difende l'Uchiha dagli attacchi dell'amico. Kakashi assiste quasi divertito al litigio, ricordando quando i ragazzi erano entrati a far parte del Team 7 e cosa sognavano allora: Naruto voleva diventare Hokage, Sasuke voleva uccidere una certa persona (Itachi) e riformare il suo clan mentre Sakura, beh...amava Sasuke! Kakashi nota quindi che è passato davvero tanto tempo e che Naruto, diventato ormai più potente di un Hokage stesso, sembra l'unico che sia riuscito a proseguire per la sua strada con decisione. Sakura ama ancora Sasuke, ma il rapporto che ha con questo si è un po' incrinato per via dei recenti trascorsi con il ragazzo che, dal canto suo, dopo aver ucciso Itachi ed appreso cose sul suo passato, deve aver sicuramente cambiato idea sui suoi sogni e le sue aspirazioni. Incuriosito ma deciso, Kakashi chiede quindi a Sasuke quali sono i suoi sogni adesso e, davanti alla scena muta del ragazzo, Sakura interviene dicendo che l'Uchiha aveva espresso il desiderio di poter diventare Hokage...anche se non ha ancora ben capito cosa volesse dire Sasuke con quella frase.

Anche Naruto rimane in silenzio mentre Kakashi, capito che l'argomento è sensibile, dice all'Uchiha che ne riparleranno in un secondo momento...l'unica cosa che conta adesso è che il Team 7 è di nuovo riunito, e questa non può essere una mera coincidenza. Sasuke rimane ancora in silenzio, ma Kakashi intuisce che Madara sta finalmente per riemergere dalla dimensione del Kamui. Ricordando ai ragazzi la prima missione che hanno svolto (quella dei campanelli), il sensei vuole che i suoi ex-allievi agiscano nuovamente come un team. Ce la faranno Sakura, Sasuke e Naruto a tornare ai tempi in cui erano ancora degli shinobi inesperti ma affiatati?

via | Mangahelpers

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.