Oishinbo, pausa per il seinen di Kariya a causa di un capitolo su Fukushima

Il seinen Oishinbo di Tetsu Kariya viene costretto ad una pausa forzata a causa di un discusso capitolo su Fukushima.

Tetsu Kariya, creatore del seinen Oishinbo, in un post sul suo blog personale si è assunto la responsabilità per quanto riguarda le controversie nate intorno ad un capitolo del suo manga che parlava di Fukushima. Kariya avrebbe scritto: "La responsabilità per i contenuti [del capitolo] giace in me". Kariya ha poi sottolineato come stia facendo tesoro di informazioni rilevanti e come sia prendendo in considerazione ogni aspetto di questa vicenda. Ha poi ritenuto opportuno chiarificare ulteriormente "Fare cose come chiamare la redazione della rivista Spirits o mandare lettere di reclamo allo staff editoriale di Spirits suona un po' come abbaiare all'albero sbagliato".

Per quindi che Oishinbo subirà una pausa forzata: il seinen non comparirà sul prossimo numero del magazine Big Comic Spirits, anche se l'editore ha sottolineato come questa pausa sia stata pianificata precedentemente i recenti eventi e che non abbia nulla a che fare con il capitolo della discordia su Fukushima. Anche se a me non pare molto probabile, ma è una mia opinione.

Oishinbo: il capitolo della discordia


Oishinbo

A causa delle recenti controversie, anche lo staff editoriale della rivista Big Comic Spirits di Shogakukan ha ritenuto opportuno diramare un comunicato stampa: "Terremo conto sinceramente delle critiche e valuteremo ancora una volta lo stato della situazione". Sul prossimo numero del magazine l'editore ha deciso di rilasciare una dichiarazione in merito al loro punto di vista ufficiale sulla situazione e anche sollevare ancora una volta la questione in merito ai residui effetti tossici delle radiazioni causate dall'esplosione della centrale nuclerare di Fukushima. Inoltre lo staff ha anche pubblicato un articolo speciale di dieci pagine dove sono indicate le opinioni degli organi di governo ufficiali di Fukushima e di esperti riguardo la verità e i problemi che circondano la vicenda di Fukushima.

Il 22/23esimo doppio numero di quest'anno della rivista Big Comic Spirits di Shogakukan ha pubblicato il capitolo "Fukushima Truth" di Oishinbo il 28 aprile. Questo capitolo segue le vicende di un gruppetto di giornalisti che sono stati esposti alle radiazioni nucleari all'interno di un impianto a Fukushima. Dopo l'esposizione, i giornalisti cominciano a lamentare epistassi e spossatezza, disturbi che vengono confermati dal personaggio di nome Katsutaka Idogawa, il quale è stato creato basandosi su un personaggio realmente esistente, ovvero un ex sindaco della città di Futaba nella Prefettura di Fukushima. I giornalisti si lamentano anche della censura, fatto probabilmente ispirato ad alcune azioni veramente messe in atto dalla Tokyo Electric Power Company.

A me non pare ci sia nulla di discutibile in questo capitolo, tuttavia ecco che dopo la sua pubblicazione, un utente su Twitter ha protestato sostenendo di essere residente a Koriyama e di "non aver mai sofferto di tali sintomi negli scorsi tre anni". L'editore di Big Comic Spirits ha ribattutto che il capitolo in questione rifletteva un reportage meticoloso fatto da Kariya e dallo staff, i quali hanno visitato Fukushima e che tutte le dichiarazioni che si trovano nel capitolo si basano su quelle realmente fatte dall'ex sindaco di Futaba. E i disturbi lamentati dai giornalisti sono stati realmente sperimentati dallo stesso Kariya dopo aver visitato l'impianto. Quindi di fatto nel capitolo non c'è nulla di inventato, si basa tutto su dati oggettivi e reali.

Inoltre lo staff sottolinea come nel capitolo non sia mai stato detto che i sintomi fossero correlati direttamente all'esposizione alle radiazioni, anzi il dottore e l'esperto di radiazioni Eisuke Matsui, il quale appare nel capitolo, avrebbero detto "La connessione fra malattia e le radiazioni non è esattamente pari a zero". E lo staff editoriale ha così commentato: "Vorremmo sottolineare che negli episodi passati di Oishinbo viene affermato chiaramente che sarebbe un'enorme perdita per i consumatori se non mangiassero i cibi dimostratisi sicuri provenienti da Fukushima e tutto a causa della loro mancanza di comprensione".

Via | AnimeNewsNetwork

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.