DC Comics, annunciata la cancellazione di sei testate

Le solicitations di agosto 2014 recano brutte notizie per i fan di vecchia data dei New 52 della DC Comics, che assisteranno qui alla cancellazione di ben sei testate!

Birds-of-Prey-34-Cover

Seguendo la logica di ricambio delle testate che "non vendono", alla DC Comics hanno deciso di sopprimere ben sei testate che, come andremo a vedere, saranno soppiantate da titoli che la casa editrice americana ha già annunciato da tempo. Testate che la DC Comics lancerà a luglio, e che saranno ben posizionate una volta che i sei titoli di cui sopra vedranno la loro cancellazione. Ma quali sono le testate che non leggeremo più? Togliamoci il dente: All-Star Western, Superboy, Birds of Prey, Batwing, Trinity of Sin: The Phantom Stranger e Trinity of Sin: Pandora termineranno tutte ad agosto, con buona pace dei lettori che seguivano i titoli in questione sin dal primo numero. La cosa che fa riflettere è che, sempre nella logica della cancellazione di testate che non vendono, la DC Comics fa qui fuori quattro delle testate che erano riuscite a sopravvivere alla moria di titoli che non hanno raggiunto lo status quo necessario per rimanere nel catalogo dei New 52, e lo fa a distanza di ben trentaquattro numeri dal loro inizio!

New 52: solo i più forti sopravvivono!

Il dato che viene fuori dalle ultime cancellazioni della DC Comics è allarmante: delle testate che sono state lanciate nel reboot operato dalla casa editrice americana nel 2011, si salvano solamente i Big e qualche altro prodotto che è riuscito a far breccia nei cuori dei lettori solo per la sporadica presenza di elementi importanti come Batman e soci. Cancellando All-Star Western, Superboy, Birds of Prey e Batwing, il numero delle testate lanciate nel 2011 e rimaste ancora in catalogo scende drasticamente a ventuno e, se non fosse per la popolarità di Constantine e degli altri personaggi coinvolti, anche Justice League Dark avrebbe fatto la stessa (tragica) fine. Sopravvive anche Swamp Thing mentre, e questa è una cosa che mi ha lasciato parecchio interdetto, continua a tenersi a galla anche Red Hood and The Outlaws, testata su di cui non avrei scommesso neanche un centesimo!

Rivedendo quanto accaduto fino ad oggi e cercando di analizzare un po' i dati del fenomeno New 52, emerge qui una riflessione molto importante: inquadrando le testate nell'universo New 52, la DC Comics ha operato un ricambio di dieci testate all'anno! Dico questo perché, se ci pensate bene, dal 2011 ad oggi sono state cancellate ben trentuno testate su cinquantadue e, differentemente dalla Marvel (che ha bisogno di annunciare i ricambi e i reboot con iniziative quali gli All-New Marvel NOW! e simili), alla DC Comics basta solamente cancellare uno o più titoli per sostituirli comodamente in base alle esigenze del mercato. Alla DC Comics non c'è quindi bisogno di nuove iniziative...basta contestualizzare tutto nell'universo dei New 52 ed è fatta!

Ma i lettori saranno disposti a sopportare queste continue cancellazioni/sostituzioni? Al momento i dati sembrano dar ragione alla DC Comics (che con Harley Quinn ha fatto letteralmente il botto), ma credo che alla casa editrice americana dovranno iniziare a pensare anche a qualche testata che possa sopravvivere più di tre anni...Big esclusi!

via | Comic Book Resources

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.